Il Medium è il Messaggio ? la valenza comunicativa della Piazza

Il Medium è il Messaggio ? la valenza comunicativa della Piazza è questo il titolo della Tesi di Laurea che nell’anno 2007 proposi ad un’ottima studentessa del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione, all’Università di Urbino.

Giulia Pasini si laureò brillantemente in Scienze della Comunicazione e poi nella Laurea Specialistica in Editoria Media e Giornalismo con il massimo dei voti e lode.

Non potevo immaginare che tredici anni dopo l’argomento  della Piazza sarebbe diventato così attuale, grazie all’uso che il Movimento delle Sardine ne sta facendo: e tanto meno che la Tesi di Giulia Pasini potesse fornire interessanti spunti di riflessione al suddetto movimento.

La Piazza può essere considerata un potente mezzo di comunicazione.

La Tesi contiene un’analisi della sua valenza comunicativa a partire dalla sua simbologia, dalle antiche piazze, Agorà e Foro Romano, alle piazze del Medioevo, sedi di roghi e impiccagioni; dalle Piazze politiche del Novecento a quelle odierne; dalla Piazza sede di antiche feste e, oggi, di eventi culturali, alla Piazza religiosa, fino alla nascita della “Piazza virtuale” di internet.

In linea con gli obiettivi che ci eravamo posti, dalla Tesi è emersa un’analisi della valenza comunicativa della Piazza, attraverso le sue diverse interpretazioni: commerciale, politica, culturale, religiosa.

La Piazza come luogo di costruzione di una comunità nell’antichità, cuore della vita civile, religiosa e commerciale; come luogo di punizione nel Medioevo; la Piazza politica come strumento di protesta e di manifestazioni politico-sociali; la Piazza ludica come scenografia per eventi culturali; la Piazza “dell’abbraccio” come strumento di comunicazione religiosa; la nascita di una nuova Piazza, virtuale, grazie allo sviluppo della nuove tecnologie.

D’accordo con Giulia Pasini proponiamo agli amici del nostro Istituto Fattorello l’Introduzione, la Premessa, il Sommario e la Conclusione della Tesi stessa, nonchè il capitolo “La Piazza Politica.

Giuseppe Ragnetti


Introduzione

“Ogni volta che si entra nella piazza ci si trova in mezzo in mezzo ad un dialogo”

Italo Calvino [1]

La piazza è un potente mezzo di comunicazione, lo è stato fin dall’antichità, lo è ancora oggi.

Ciò che ha ispirato questa mia ricerca sono state, prima di tutto, le immagini offerte dai  media, piazze affollate, persone di ogni età che, durante le manifestazioni di protesta contro i governi degli ultimi anni, hanno riempito, con le loro rivendicazioni, gli spazi di quotidiani e telegiornali, facendo emergere la voglia di “lottare” insieme a persone sconosciute, in favore di interessi comuni.

La piazza è un dialogo, riprendendo Italo Calvino, perché è il luogo in cui ogni individuo si affaccia alla dimensione pubblica, è lo spazio-tempo della condivisione, dello stare insieme, ambito privilegiato di chiacchiere e microcomunicazioni, luogo della protesta ma anche luogo della festa.

Perché l’uomo ha bisogno della piazza? Perché essa è un vero “ crocevia dell’opinione”[2], luogo privilegiato per la genesi e l’evoluzione dell’opinione pubblica.

Si può ipotizzare che ogni piazza gremita di gente sia un mezzo attraverso cui si comunica: la piazza, essendo un mezzo familiare e amato, può diventare di volta in volta messaggio politico, ludico, culturale, religioso.

La ricerca ha inizio con una breve analisi della storia della piazza e della sua triplice funzione, delineatasi nel Medioevo, di piazza religiosa, politica e commerciale e della simbologia della piazza e di tutti i luoghi pubblici e gli elementi che si affacciano su di essa: i caffè e le osterie, luoghi di ritrovo e di scambio di opinioni; la chiesa e il sagrato; le bande musicali, musica di piazza; l’uso della piazza per gli eventi militari come le parate.

Segue una descrizione delle antiche piazze, centro della vita civile, commerciale e religiosa della polis greca e dell’ Impero romano: Agorà e Foro.

Le piazze nel Medioevo diventano luogo del terrore e della punizione, teatro di esecuzioni, di roghi e di impiccagioni, remora per tenere vivo il potere temporale della Chiesa: ne sono emblema Piazza del Mercato Vecchio di Rouen sede del rogo di Giovanna D’Arco, Piazza della Signoria a Firenze per l’esecuzione di Girolamo Savonarola e Piazza Campo de’ Fiori a Roma per quella di Giordano Bruno.

La Piazza Politica nasce nell’ Ottocento: la piazza diventa mezzo per gridare la propria voce nelle prime manifestazioni di protesta e di lotta per problemi sociali.

La comunicazione politica attraverso la piazza si esprime tramite il comizio, strumento utilizzato per attirare la folla, soprattutto con l’avvento del microfono.

Secondo la sociologia francese le manifestazioni di piazza sono “l’affermazione fisica di un’opinione”[3] e diventano un canale privilegiato per la presentazione pubblica delle opinioni[4]. Analizzando i dati Istast che emergono dalla ricerca “Piazza, popoli e rappresentanza” realizzata nell’ambito dell’iniziativa “Un mese di sociale. Leaders senza popolo. Popolo senza leaders”, presentata al Censis nel giugno 2004 dal Direttore Giuseppe Roma, da Maria Pia Canusi, curatrice della ricerca, e da Giuseppe De Rita, Segretario generale del Censis[5], vedremo che la piazza  è vissuta come strumento che può influire sulle decisioni politiche e come esperienza di vicinanza fisica e di protesta.

La piazza Ludica è la piazza che ha ospitato le antiche feste del passato, gli spettacoli d’animazione di giocolieri, cantastorie, saltimbanchi e burattini, girovaghi di piazza in piazza, e oggi è scenografia degli eventi culturali, mezzo attraverso cui si comunica tradizione e cultura. Attraverso la descrizione di due eventi fortemente legati alla piazza, il Palio di Ferrara e il Festival dei Due Mondi di Spoleto, emerge quanto sia profondo e radicato il rapporto tra piazza e dimensione ludica, tra piazza e dimensione culturale.

La Piazza dell’Abbraccio è Piazza San Pietro, luogo di comunicazione religiosa, sede di eventi memorabili legati alla storia della Chiesa, potente richiamo per i fedeli di tutto il mondo. Attraverso la televisione, a partire dalla seconda metà del Novecento, questa piazza è entrata in tutte le case del mondo: le immagini del “discorso alla luna” di Giovanni XXIII, le folle di Giovanni Paolo II e i suoi funerali in mondovisione rimangono indelebili nell’immaginario collettivo.

Infine un accenno alle nuove Agorà virtuali che nascono su internet, “non luoghi” di discussione in cui nascono comunità virtuali, i cui membri possono “incontrarsi” senza vincolo di compresenza spazio-temporale.

[1] I. Calvino, Le città invisibili, Mondatori, Milano, 1993

[2] G. Ragnetti, Opinioni sull’opinione, Ed. QuattroVenti, Urbino, 2006

[3] P. Champagne, Faire l’opinion. Le nouveau jeux politique, Ed.de Minuti, Paris, 1990 p.62, cit in G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004, p.113.

[4] G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004, p.113.

[5] www.censis.it


PREMESSA

La mia ricerca sulla piazza come medium di trasmissione di un messaggio ha come fondamento teorico la Teoria della Tecnica Sociale dell’Informazione di Francesco Fattorello[1] che spiega, con una breve ma esaustiva formula, quali siano le correlazioni tra i vari fattori che operano in ogni processo di informazione.

La formula ideografica della Teoria della Tecnica Sociale dell’Informazione ha una duplice caratteristica: la prima analitica, in quanto affronta lo studio delle condizioni necessarie e sufficienti ad una corretta informazione; la seconda operativa, perché spiega come attivare un rapporto di informazione.

La sua rappresentazione grafica è la seguente:

Dove:

X) = motivo per cui si mette in atto un rapporto di informazione

SP = Soggetto Promotore

M = Mezzo

O = Formula di Opinione, modo in cui il Soggetto Promotore interpreta i fatti

SR = Soggetto Recettore

L’informazione è un fenomeno sociale che diventa concreto nel rapporto tra chi informa, il Soggetto Promotore (SP), ed il suo destinatario, il Soggetto Recettore (SR).

Il Soggetto Promotore interpreta secondo la propria visione soggettiva un fatto, la materia oggetto del processo di informazione (X), che può essere tutto ciò di cui si vuole informare l’altro (un avvenimento, un evento, un personaggio…). Il Soggetto Promotore trasmette l’informazione grazie ad un Mezzo (M), strumento attraverso cui si comunica il messaggio al Soggetto Recettore.

Il Soggetto Recettore elabora l’informazione usando un modo di raccontare l’accaduto: questo elemento è chiamato “ Formula d’Opinione” e varia a seconda del destinatario del messaggio.

A seconda del Soggetto Recettore varieranno sia la Formula d’Opinione, sia il Mezzo.

Il Soggetto Promotore è colui che si fa carico di iniziare il rapporto di informazione. La lettera S rappresenta un punto chiave nell’identificazione di questo termine, in primo luogo perché tale lettera lo accomuna al Soggetto Recettore e li rende pari, dotati delle medesime capacità cognitive e opinanti, ed in secondo luogo perché mette in evidenza che ciò che il Soggetto Promotore emana è soggettivo. Ogni azione e informazione promossa dal Soggetto Promotore porterà sempre con se la paternità di chi l’ha generata, quindi l’informazione non potrà mai essere obiettiva, sradicata dal contesto di chi la propone, ma al contrario sarà segnata da quei fattori di cui si è nutrito il Soggetto Promotore.

Il Soggetto Promotore, nella formula ideografica, è saldamente legato, da tratti che non hanno un verso preferenziale di percorrenza per sottolineare come tutto sia mutuamente collegato e interdipendente, sia ad M, che rappresenta il mezzo, sia ad O, che rappresenta la formula di opinione adottata per il singolo rapporto di informazione. Il Soggetto Promotore quindi ha la facoltà di scegliere di quale mezzo avvalersi per trasmettere l’informazione scelta.

Il Soggetto Recettore è colui al quale è indirizzato il rapporto di informazione, è il destinatario e il fruitore dell’azione. Non lo si può considerare passivo perché è condizionatore delle opinioni proposte ed è libero di decidere se e a quale formula aderire. I Soggetti Recettori non ricevono un solo rapporto di informazione, quindi bisogna tenere conto che altri Soggetti Promotori potrebbero cercare di interessarlo e di arrivare fino a lui.

Inoltre egli è limitato dal mezzo utilizzato: alcuni strumenti hanno un’estensione limitata, ad esempio i quotidiani locali o regionali, altri strumenti, quali i mass media o i new media, diventano accessibili solo per chi li possiede e per chi può utilizzarli.

Considerando l’enorme diversificazione tra Soggetti Recettori, è necessario avvalersi di studi e di metodi statistico-sociologici per l’analisi del recettore, per sapere dove vive, cosa fa, quali valori sono comuni al suo gruppo. Questi metodi danno vita ai sondaggi d’opinione.

Il Soggetto Recettore, nella formula ideografica, è legato al mezzo M e alla formula d’opinione O, collegamento indispensabile perché è il Soggetto Recettore che influenza O e che suggerisce come dovrebbe essere affinché egli stesso non la rifiuti. Esiste infatti anche la possibilità di rifiutare l’informazione e di non condividere l’opinione proposta.

O rappresenta la formula di opinione, l’interpretazione del fatto, è il tramite tra il Soggetto Promotore e il Soggetto Recettore. Il Soggetto Promotore deve tener conto delle attitudini sociali del Soggetto Recettore: infatti è solo quando i due soggetti sono sullo stesso piano che ci può essere comunicazione, perché entrambi devono avere qualcosa da mettere in comune e qualcosa su cui convergere, cioè l’opinione. Le formule d’opinione possono essere innumerevoli perché dipendono dalle personalità del Soggetto Promotore e del Soggetto Recettore; O quindi dipende soltanto da SP e da SR e non da X). Infatti su uno stesso avvenimento (a parità di X) ),  promotori diversi possono costruire formule di opinione diverse per diversi recettori.

Nella rappresentazione ideografica della formula Fattorelliana tutti i punti sono tra loro correlati: e così  O deve comunque influenzare  la scelta e l’utilizzo di M.

Il punto M nella formula ideografica coincide con il mezzo con cui il Soggetto Promotore intende contattare il Soggetto Recettore e rappresenta quella serie di strumenti (voce, editoria, cinema, radio, televisione, internet) che mettono in comunicazione i due soggetti. Il Soggetto Promotore deve scegliere il mezzo più opportuno per selezionare il Soggetto Recettore,  e contattarlo con buone probabilità di successo.

Come spiega Giuseppe Ragnetti[2] la teoria di Fattorello è stata definita “sociale” perché il Soggetto Promotore deve tener conto di tutto ciò che ha socializzato l’individuo, i meccanismi sociali che mette in atto nei gruppi, che sono all’origine del processo dell’opinione pubblica.

L’informazione utilizza i mezzi di comunicazione  di massa destinati ad un pubblico indeterminato, tra cui stampa, radio, cinema, televisione ed internet. L’attività del promotore è limitata nella quantità di mezzi di cui dispone e nelle caratteristiche tecniche di questi mezzi.

La realtà non può essere comunicata, ma può essere trasmessa la formula d’opinione che il Soggetto Promotore propone in modo da adattarsi al Soggetto Recettore ed ottenerne l’adesione.

La Tecnica Sociale dell’Informazione del professor Fattorello  ha restituito dignità al Soggetto Recettore, rendendolo protagonista del processo comunicativo. “Il processo dell’informazione e dell’adesione di opinione ha un carattere sociale perché è figlio del tempo in cui si realizza e non ha nulla a che vedere con il comportamento del recettore”.[3]


La piazza come punto M

Nella ricerca sulla valenza comunicativa della piazza ho considerato questa come punto M della rappresentazione ideografica della formula di Fattorello: la piazza diventa il mezzo attraverso cui Soggetti Promotori e Soggetti Recettori di volta in volta diversi accreditano le opinioni.

La piazza è un mezzo familiare alle persone, è accessibile a tutti, è un punto di ritrovo e di incontro e strumento adatto sia per comunicare le insoddisfazioni, attraverso manifestazioni di tipo politico, sia per comunicare le origini e le identità di un luogo e di una comunità, attraverso la promozione di eventi culturali.

Della piazza si può parlare da più punti di vista: a partire dalle antiche piazze (agorà greca, foro romano) che erano mezzo di costruzione di una comunità, al periodo medioevale in cui la piazza diventa luogo di punizione e terrore, teatro di numerose esecuzioni tramite roghi, impiccagioni e ghigliottine; dalla piazza teatro delle adunate oceaniche del fascismo fino ai giorni nostri in cui emergono tre principali connotazioni della piazza: luogo privilegiato di eventi culturali; luogo di manifestazioni di dissenso attraverso manifestazioni politico-sociali; infine luogo”dell’abbraccio” ai fedeli e mezzo di comunicazione religiosa riferendomi, in particolare, a Piazza San Pietro a Roma.  Un’ultima analisi può essere riferita ai nuovi ambiti comunicativi messi in atto dalle nuove tecnologie: un diverso tipo di piazza,” la Piazza Virtuale” , luogo di incontro tra gli utenti di internet.

Giuseppe Ragnetti[4] indica alcuni luoghi deputati alla conversazione, allo scambio di opinioni e al confronto che vengono chiamati”crocevia delle opinioni” perché”attorno ad una rotatoria centrale (oggetto dell’opinione) si dipartono più e più percorsi laddove le chiacchiere si inoltrano alla ricerca di un’auspicabile opinione condivisa dai più”[5].

I crocevia delle opinioni si identificano, soprattutto nei piccoli centri,  con i bar dello sport, i circoli ricreativi, la Chiesa nelle ore di massima frequenza la domenica, ma anche la piazza, “laddove gli intellettuali del paese con scienza e coscienza risolvono i problemi delle società attuale”[6].

“Il medium è il messaggio?”Si può ipotizzare che il nostro mezzo, cioè la piazza, venga a coincidere con ciò che si vuole comunicare, cioè il messaggio, riprendendo l’ipotesi di Mc Luhan? Il centro di un agorà o del foro, le piazze delle esecuzioni, dei roghi e delle impiccagioni, le piazze dei teatranti e dei giocolieri e oggi le piazze degli eventi culturali, le piazze delle manifestazioni politiche o dei fedeli riuniti diventano un messaggio? Cercheremo un risposta analizzando le funzioni e i diversi usi della piazza nei secoli.

[1]              F. Fattorello, La teoria della Tecnica sociale dell’informazione, a cura di G.Ragnetti, Quattro Venti, Urbino, 2005.

[2]              G. Ragnetti, Opinioni sull’opinione, Ed. QuattroVenti, Urbino, 2006

[3]              Ibidem, p.112

[4]              Ibidem

[5]              Ibidem, p.119.

[6]              Ibidem


Sommario

  • INTRODUZIONE
  • PREMESSA

LA TEORIA DI FATTORELLO, LA PIAZZA COME PUNTO M DELLA FORMULA IDEOGRAFICA

  • CAPITOLO 1 :STORIA E SIMBOLOGIA DELLA PIAZZA

CON LA DESCRIZIONE DI TUTTI GLI ELEMENTI TIPICI DI UNA PIAZZA (CHIESA, CAFFE’, OSTERIA, LE BANDE MUSICALI, ecc) LA PIAZZA MILITARE

  • CAPITOLO 2: LE ANTICHE PIAZZE:

L’AGORA’ LA POLIS STRUTTURA DELLA POLIS IL FORO ROMANO

  • CAPITOLO 3: LE PIAZZE DELLA PUNIZIONE

(ROGHI, IMPICCAGIONI E GHIGLIOTTINE NELLE PIAZZE PUBBLICHE)

  • CAPITOLO 4: LA PIAZZA POLITICA

LE MANIFESTAZIONI DI PIAZZA E L’OPINIONE PUBBLICA; FOLLA, MASSA E PUBBLICO NELLA PIAZZA; LA COMUNICAZIONE POLITICA ATTRAVERSO IL COMIZIO IN PIAZZA; LE PIAZZE POLITICHE DEL 900 ( in particolare le piazze oceaniche fasciste) E LE PIAZZE POLITICHE OGGI TIPOLOGIA DEGLI EVENTI DI PIAZZA IL NUOVO POPOLO DELLA PIAZZA PERCHE’ SCENDERE IN PIAZZA LA PIAZZA COME ESPERIENZA DI VICINANZA FISICA E DI PROTESTA

  • CAPITOLO 5: LA PIAZZA LUDICA LA PIAZZA SEDE DI EVENTI CULTURALI

DALLE ANTICHE FESTE AGLI EVENTI CULTURALI ODIERNI

  • CAPITOLO 6: LA PIAZZA DELL’ABBRACCIO

PIAZZA SAN PIETRO COME LUOGO DELLA COMUNICAZIONE RELIGIOSA STORIA DELLA PIAZZA IL “DISCORSO ALLA LUNA”: PAPA GIOVANNI XXIII LE FOLLE DI GIOVANNI PAOLO II TUTTO IL MONDO IN PIAZZA SAN PIETRO

  • CAPITOLO 7; PIAZZE VIRTUALI
  • CONCLUSIONI

Conclusioni

Il viaggio attraverso le piazze si conclude con nuove piazze, definite “virtuali”, generate dalle nuove tecnologie della rete, svincolate dalla fisicità di ogni contesto spazio-temporale.

Siamo partiti considerando la piazza come punto M della Teoria della Tecnica Sociale dell’Informazione di Fattorello, cioè mezzo attraverso cui Soggetti Promotori e Soggetti Recettori di volta in volta diversi accreditano le opinioni.

Abbiamo potuto conoscere la piazza da più punti di vista, una piazza che diventa mezzo polivalente per diversi tipi di comunicazione.

Analizzando la simbologia della piazza italiana è emerso come questa sia ricca di luoghi di socializzazione ed incontro ed abbia molti elementi tipici che si sono sviluppati durante i secoli: i Caffè e le Osterie, una Chiesa che si affaccia su di essa, le Bande Musicali, nate per la piazza. Abbiamo potuto comprendere l’intreccio, nato nel Medioevo, ma già presente nelle piazze dell’antichità, tra piazza religiosa, piazza civile e piazza del mercato.

Le antiche piazze, Agorà Greca e Foro Romano, erano i centri della vita civile, commerciale e religiosa, luoghi di costruzione dell’identità comunitaria.

Le piazze del Medioevo hanno comunicato un messaggio di terrore e punizione, attraverso i roghi e il patibolo posti al centro del cuore della vita di una città.

La piazza è stata teatro delle manifestazioni del Primo Maggio, delle adunate oceaniche del fascismo, degli scontri del Sessantotto e degli anni di piombo.

Oggi emergono tre principali connotazioni della piazza: luogo di manifestazioni di dissenso attraverso manifestazioni politico-sociali; luogo privilegiato di eventi culturali che utilizzano gli spazi pubblici come scenografia; infine luogo”dell’abbraccio” ai fedeli e mezzo di comunicazione religiosa.

L’ultimo capitolo apre a nuovi ambiti comunicativi messi in atto dalle nuove tecnologie: un diverso tipo di piazza,” la Piazza Virtuale” , luogo di incontro tra gli utenti di internet, in cui, come abbiamo visto, viene meno la comunicazione non verbale, essenziale in un dialogo tra comunicanti.

Si aprono nuovi scenari nella comunicazione contemporanea che fanno nascere importanti interrogativi. Le Piazze Virtuali sostituiranno i luoghi di circolazione delle opinioni, dell’incontro e dello scambio?

È possibile trasmettere un messaggio in modo completo senza i tipici indizi non verbali, uno sguardo, un sorriso, la vicinanza spaziale?

Cosa ci riserveranno i nuovi legami delle comunità virtuali che nascono nella rete?

La piazza in futuro sarà ancora luogo di aggregazione o circoleranno solo alter ego virtuali che si incontreranno in un punto o nell’altro del cyberspazio?

Le emozioni derivanti da uno sguardo potranno mai essere sostituite?

Vedremo cosa ci riserverà il futuro!


Capitolo “La Piazza Politica”

Le manifestazioni di piazza e l’opinione pubblica

La partecipazione politica è sicuramente un argomento molto rilevante, influenzato da molteplici aspetti. Quali sono le ragioni che spingono i cittadini ad intervenire in maniera attiva nella politica del Paese?

Uno dei tanti tipi di partecipazione politica e strumento di opinione pubblica è costituito dalle manifestazioni: la piazza ha avuto nella storia un ruolo fondamentale.

Già nell’ antica Grecia l’Agorà, piazza principale della Polis, come ho analizzato nel terzo capitolo, era il luogo in cui si riuniva l’assemblea di tutti i cittadini. Successivamente divenne vero e proprio centro della città, sia dal punto di vista economico-commerciale, in quanto sede del mercato, sia dal punto di vista religioso, poiché vi si trovavano i luoghi di culto delle divinità protettrici.

L’Agorà rappresentava il luogo della democrazia poiché sede delle assemblee cittadine.

È dopo la Rivoluzione Francese che la piazza ha visto riunirsi sempre più di frequente i cittadini che rivendicavano i propri diritti.

Nel XX secolo hanno avuto luogo sia i raduni di massa dei regimi totalitari, perfettamente organizzati come eclatante dimostrazione di forza, sia le molteplici mobilitazioni spontanee del popolo.

Molte sono le manifestazioni organizzate e spontanee che hanno animato le piazze e le strade italiane negli ultimi anni, raccogliendo masse considerevoli di persone.

Le piazze hanno ripreso, nell’ultimo periodo, la funzione di spazio collettivo, non solo fisico, ma anche emozionale e questo testimonia la continua ricerca da parte dei cittadini italiani di forme di partecipazione e di coinvolgimento nelle vicende politiche che toccano i loro interessi prioritari.

Le manifestazioni costituiscono un momento rilevante di aggregazione ed un diritto riconosciuto dalla Costituzione della Repubblica italiana al Titolo I dell’articolo 17:” I cittadini hanno il diritto di riunirsi pacificamente e senz’armi. Per le riunioni, anche in luogo aperto al pubblico, non è richiesto preavviso. Delle riunioni in luogo pubblico deve essere dato preavviso alle autorità, che possono vietarle soltanto per comprovati motivi di sicurezza e di incolumità pubblica[1]”.

Può essere manifestazione di piazza anche quella di una ristretta minoranza che, riunendosi, vuole comunicare in luogo pubblico cosa pensa e cosa vuole. Alcuni cortei vedono la partecipazione di milioni di persone, altri di poche decine, ma in entrambi i casi di frequente occupano le prime pagine dei quotidiani: segno che l’evento è di chiaro interesse, almeno nell’immediato. Un titolo di un certo tipo, piuttosto che di un altro, potrebbe quindi influenzare milioni di lettori sulla reale importanza di un avvenimento e questo non sfugge a chi cerca il consenso tra i cittadini e nell’opinione pubblica.

La piazza acquista una precisa funzione politica e le democrazie occidentali l’hanno riconosciuta e istituzionalizzata come luogo di libera espressione dei settori dell’opinione pubblica.

Nelle democrazie esistono tre poteri, l’esecutivo, il legislativo e il giudiziario; la sede  per condurre i dibattiti politici è il parlamento ma anche i cittadini hanno il diritto di controllare i vari poteri dello Stato, guidarne l’azione e stimolarla, manifestare eventuali insoddisfazioni sulla conduzione della cosa pubblica. Le opinioni degli elettori si manifestano attraverso i media, associazioni, partiti, nonché ad opera della piazza.

Giorgio Grossi[2], analizzando il fenomeno dell’ opinione pubblica, spiega come questa si avvalga di canali per manifestarsi, cioè di supporti comunicativi e di ambiti dedicati. Per canali si intendono sia i luoghi in cui l’opinione pubblica si forma, si diffonde e viene pubblicamente esibita; sia i mezzi o veicoli attraverso cui circola, si confronta e si attiva, cioè la comunicazione interpersonale, i mass media e i new media; sia i portatori d’opinione e gli interpreti che la pubblicizzano e la rappresentano; sia, infine, le modalità, individuali e sociali, utilizzate per rendere pubbliche le proprie opinioni, cioè sondaggi, lettere, dicerie e manifestazioni.

Lazar[3] ha proposto una periodizzazione dello sviluppo dell’opinione pubblica negli ultimi quattro secoli e distingue tre tipi di opinione in base ai luoghi in cui si produce, ai canali con cui si diffonde e alle forme espressive con cui si manifesta:

  1. l’opinione illuminata, che si sviluppa nel XVII e XVIII secolo, nasce e si esprime nei salotti, nei caffè e nei club, e utilizza i canali interpersonali all’interno di una minoranza colta e la scrittura, attraverso la stampa. I suoi portavoce sono i letterati, i filosofi e gli intellettuali, i rappresentanti del popolo in parlamento. La forma comunicativa più utilizzata è il dialogo razionale, il confronto dialettico e la compresenza spazio-temporale nello stesso luogo di discussione.
  1. l’opinione gridata, che si sviluppa nel XIX secolo ed emerge dalle manifestazioni, dalle sommosse di piazza, dai movimenti collettivi; utilizza come canali la stampa popolare, le prime forme di propaganda diretta, cioè pamphlet, volantini, manifesti e canzoni. La forma espressiva più diffusa, accanto alla scrittura, è la voce, l’oralità, la testimonianza fisica di un’idea o di un orientamento attraverso manifestazioni di piazza. Denuncia, testimonianza, protesta diventano forme di manifestazione dell’opinione pubblica. A questo proposito Champagne[4] ha precisato che la manifestazione di piazza si è affermata come strumento legittimo di azione politica,”espressione quasi istantanea di un malcontento o di una indignazione tipica della sommossa, essa rappresenta soprattutto l’affermazione fisica di un’opinione”[5],
  1. l’opinione sondata, che si sviluppa nel XX secolo e utilizza come canali privilegiati i media, soprattutto la televisione, i sondaggi, le comunità virtuali di internet. Privilegia il dibattito pubblico mediato e la rappresentazione pubblica del processo di opinione. Assumono un ruolo importante i commentatori politici, i leader d’opinione, le società di relazioni pubbliche.

Se i media danno visibilità alla realtà sociale e politica, rendendo pubblici i problemi e i conflitti della collettività e svolgendo, come spiega Grossi, una funzione di intermediazione della visività pubblica, l’altro canale privilegiato per la presentazione pubblica delle opinioni è costituito dalle manifestazioni, cioè da quella forma di manifestazione politica che rappresenta appunto, riprendendo Champagne,” una affermazione fisica di un’opinione”[6]. È stata parte della sociologia francese (Champagne 1990, Favre 1990, Lazar 1995) a sottolineare l’importanza delle manifestazioni politiche, sociali, di protesta, di lotta e di sostegno, come modalità importante di espressione dell’opinione pubblica.

La manifestazione di piazza si è sviluppata soprattutto nell’Ottocento, prevalentemente nella sua modalità di lotta operaia e contadina e appare ”una dimostrazione dell’opinione popolare, una forma di espressione che permette di dimostrare al popolo la sua volontà, di contestare il potere dei parlamentari[…]. Nel corso del XIX secolo essa diventa progressivamente una componente importante, presa in considerazione da parte degli attori del campo politico”[7].

La manifestazione dunque ha svolto, e svolge anche oggi, un ruolo fondamentale perché rappresenta una modalità alternativa di espressione di opinioni e spesso è l’unico canale disponibile per rendere visibili le proprie idee, uno strumento di pressione e di rafforzamento di orientamenti già conosciuti che si caratterizza per una più forte condivisioni delle opinioni stesse. Inoltre la manifestazione ha un’ altra caratteristica essenziale:”diversamente dal sondaggio di opinione che diluisce il peso effettivo delle minoranze attive, la manifestazione, dando corpo ad una rivendicazione, le attribuisce visibilità”[8].

Champagne spiega come la manifestazione contribuisca a trasformare una semplice opinione individuale in un’idea-forza, perché esprime una determinazione più forte ed un impegno fisico più intenso rispetto, ad esempio, ad una petizione o alle votazioni stesse[9].

Le manifestazioni interagiscono con i media, grazie ai quali acquistano visibilità, e molto spesso sono pianificate in funzione della copertura che i media offrono.

Un ultimo aspetto da sottolineare è la connotazione tipicamente antimaggioritaria della manifestazione di piazza che valorizza correnti di opinione, anche minoritarie, ma in grado di svolgere un ruolo attivo di denuncia e di influenza.

Folla, massa e pubblico nella piazza

Le manifestazioni si esprimono attraverso le numerose folle che riempiono le piazze.

Il XX secolo segna l’inizio di studi specifici sull’opinione pubblica e sugli ambiti in cui essa si manifesta. Questi studi si sviluppano grazie al progredire dei mezzi di comunicazione e all’ausilio di nuove discipline quali la psicologia sociale, la sociologia, l’analisi della propaganda.

Gli studi di Le Bon e quelli di Tarde, psicologisti francesi, sui concetti di “folla”, “massa” e “pubblico” danno origine al filone denominato “psicologia delle folle”, basato sull’idea chiave che l’uomo, nella folla, pensa e agisce diversamente dall’uomo isolato. Questa  impostazione viene attribuita alla scuola italiana di criminologia: Pasquale Rossi, con i suoi libri “L’anima della folla” (1898) e “Psicologia collettiva” (1900) individua nella folla il contagioso fenomeno della simpatia, l’annullamento della razionalità e l’amplificazione dell’istintività e dell’affettività[10]. L’individuo è assorbito dalla massa e riesce a liberare gli istinti repressi.

Una folla è una moltitudine di persone che, trovandosi fisicamente insieme in uno stesso luogo, come la piazza, reagisce in modo uniforme ad uno stimolo. Questa reazione  viene chiamata in sociologia “ comportamento collettivo”.

Una massa è qualcosa di più di una folla, in quanto le persone che ne fanno parte possono anche essere lontane le une dalle altre, pur reagendo anch’esse nello stesso modo al medesimo stimolo.

Gustav Le Bon è stato il primo psicologo a studiare scientificamente il comportamento delle folle, cercando di identificarne i caratteri peculiari.

La nascita della massa, intesa come grande quantità indistinta di persone che agisce in maniera uniforme, inizia a prendere forma sul finire del  XIX secolo come nuovo soggetto che si affaccia sulla scena politica, dominandola per tutto il Novecento.

Le Bon sottolinea una delle caratteristiche principali della folla: essa è diversa dalla somma degli individui che la costituiscono, in quanto l’individuo perde la propria autonomia e la folla viene quindi dominata dall’inconscio. Quando un certo numero di persone si trova riunito per caso, possono nascere caratteri psicologici nuovi dal solo fatto di questa vicinanza. Il loro insieme costituisce un anima collettiva potente, ma momentanea.

Contemporaneo di Le Bon, Gabriel Tarde, con la sua opera “L’opinion et la foule” (1901) elabora il concetto di “pubblico” e contrappone questa nuova categoria alla folla: il pubblico è una collettività puramente spirituale, gli individui sono fisicamente separati e la coesione è mentale, mentre la folla è “un fascio di contatti fisici”[11].

Smelser[12] specifica ulteriormente il concetto di folla, distinguendolo da quello di massa: la folla è caratterizzata dai rapporti diretti che intercorrono tra coloro che ne fanno parte, la massa invece si basa su un comune oggetto d’attenzione.

È Park a tracciare la netta differenziazione tra folla e pubblico: nella folla l’individuo perde la sensazione di essere insignificante a causa dell’influenza suggestiva esercitata reciprocamente dalle persone. Nella folla si riscontra una inibizione degli impulsi e degli interessi individuali, mentre “gli atteggiamenti del pubblico hanno tipicamente due facce. L’ esistenza delle cose, il cui significato viene accettato come identico per tutti i membri del gruppo, e il valore delle cose, diverso per tutti i membri, divergono non appena nasce il pubblico”, a differenza della folla dove esistenza e valore coincidono[13].

Inoltre, secondo Park, un’ altra fondamentale differenza è data dal fatto che il pubblico esprime senso critico, al contrario della folla. Le dinamiche che si sviluppano nel pubblico sono guidate dalla riflessione razionale, la folla invece è influenzata dalla spinta collettiva ed emotiva. Tuttavia gli individui di una folla e di un pubblico possiedono un elemento in comune, cioè la mancanza di una tradizione che accomuni gli individui stessi. Quindi sia la folla sia il pubblico non danno vita ad una collettività permanente.

Ragnetti [14]spiega come l’opinione pubblica sia ciò che identifica e qualifica un determinato ambiente e ciò che accomuna gruppi sociali di varia dimensione in uno specifico contesto spazio-temporale, come la piazza. Nella folla di una manifestazione è possibile l’anonimato:l’uomo isolato trova forza nell’unione, cioè nella solidarietà del gruppo; da solo non è in grado di esprimere un’opinione pubblica, ma”ha bisogno di un insieme di individui che opinino con lui, legati tra loro da medesimi interessi. È il gruppo a generare e a contribuire alla formazione dell’opinione pubblica[…]. La comunanza di interessi e di convinzioni condivise, dunque, fanno sorgere la coscienza di collettività, di gruppo”[15].

Nelle manifestazioni di piazza si verifica un paradosso: la folla tenta di riprodurre le dinamiche di un gruppo primario quando in realtà ci si trova di fronte ad un gruppo secondario.

Nei gruppi primari, come sottolinea Ragnetti, i membri sono intimamente legati tra loro, si conoscono e hanno rapporti continui come, ad esempio, la famiglia. I membri, inoltre, sono uniti dalle convinzioni che hanno in comune (la stessa fede religiosa, la condivisione dei medesimi problemi…). Nei  gruppi secondari invece i membri non si conoscono reciprocamente ma sono legati da un interesse comune. Non c’è interazione faccia a faccia ma si comunica attraverso mezzi indiretti come riviste, siti web, mail list, che mantengono vivo l’interesse che li unisce.

L’opinione pubblica, nel gruppo primario, si manifesta nelle riunioni di tutti i membri, dove le decisioni sono prese collettivamente. Nei gruppi secondari invece l’interazione non è diretta, non c’è forte coesione tra i membri, e le convinzioni convergono soltanto intorno all’interesse che tiene unito il gruppo. I gruppi secondari hanno bisogno di mezzi di comunicazione per diffondere le opinioni tra i componenti del gruppo stesso; qui l’opinione è il risultato non dell’interazione di varie personalità, ma dell’azione di poche persone, quindi non nasce un’opinione pubblica che tutti hanno contribuito a formare. Nelle manifestazioni di piazza si riuniscono gruppi secondari spinti da un medesimo interesse, persone che non si conoscono reciprocamente, ma sono spinte dalla necessità di comunicare proteste o disagi su determinate questioni politiche e sociali, molto spesso guidate da leaders e associazioni che organizzano i raduni cercando di raggiungere il maggior numero di partecipanti possibile.

Le persone che scendono in piazza si sentono come in “una grande famiglia”, in un gruppo primario, si alleano per esprimere le loro opinioni su una questione rilevante( cortei per la pace, contro la finanziaria, contro la guerra, contro le riforme…); nella piazza si sentono a casa, improvvisano inni e canzoni contro ministri e leader, utilizzano le stesse bandiere e molti striscioni, spesso ironici; si sentono uniti, come se ci si conoscesse da sempre, in nome di un determinato interesse, ma questa unione ha breve durata, il tempo di condivisione di una piazza gremita per manifestare problemi e disagi.

La comunicazione politica nella piazza:il Comizio

Il comizio è stato uno strumento fondamentale della lotta e della comunicazione  politica ma lascia tracce documentarie ridotte e contraddittorie a causa del suo carattere di comunicazione parlata che lo espone al rischio dell’oralità ed è difficilmente documentabile.

Dei comizi esistono resoconti sui giornali del giorno dopo, oppure redazioni a stampa da parte degli autori: ma quando questo avviene l’edizione trasforma secondo i canoni della scrittura un evento profondamente diverso, legato alla specifica situazione del discorso parlato, in piazza, fatto di enunciazioni che si formano nel particolare rapporto che si instaura o che non si riesce a instaurare con il pubblico. Inoltre questa trasformazione della comunicazione orale in testo scritto avviene soprattutto per i comizi di leader politici, non per la miriade di comizi tenuti da militanti di base e destinati, spesso, a risolversi nell’evento, lasciando probabilmente tracce importanti nella coscienza degli ascoltatori ma non per chi all’evento non abbia partecipato.

Il comizio, negli anni che precedono l’utilizzazione del microfono per amplificare la voce dell’oratore, consiste in un tipo di comunicazione che raggiunge un pubblico limitato: un teatro, al massimo. “In quest’epoca chi voleva raggiungere un pubblico numeroso scriveva sul giornale; poi, forse, teneva anche comizi: ma se l’oratore era celebre, ecco di nuovo il giornale del giorno dopo rimpossessarsi del comizio, fornendone il resoconto”[16].

Un comizio nei primi anni di utilizzo del microfono

L’invenzione del microfono e la sua utilizzazione pratica a partire dagli anni Venti, costituiscono un momento importante nella storia del comizio. Prima l’oratore poteva contare unicamente sulla voce naturale, sulle sue risorse foniche eventualmente aiutate da un ambiente capace di amplificare il suono: ecco perché, prima del microfono, spesso i comizi più numerosi erano tenuti in luoghi chiusi, sale da conferenze o teatri. Inoltre solo alcuni potevano parlare in pubblico, in quanto disponevano di una voce sufficientemente potente.

Con l’avvento del microfono la situazione cambia perché sono travolti i limiti naturali dell’emissione della voce e della sua propagazione nello spazio: tutti possono parlare in pubblico, non solo gli oratori naturali ma anche quelli che hanno una voce flebile; un singolo oratore può raggiungere un’audience molto maggiore di quella raggiungibile un tempo. Così i luoghi chiusi, cioè il teatro o la sala da conferenze, diventano lo spazio dei comizi piccoli, mentre prima erano il luogo delle grandi adunate. Da ora invece queste  si tengono in luoghi aperti, nelle piazze, dove la voce amplificata dell’oratore può raggiungere una folla immensa.

Inoltre il microfono, collegato alla radiofonia prima, e alla televisione poi, permette di raggiungere  ogni potenziale ascoltatore direttamente  a casa. Si apre così la strada per il trasferimento del comizio nel medium radiofonico e poi televisivo: con gli anni Sessanta iniziano in Italia le «Tribune politiche» pre elettorali. Non si tratta di comizi, ma invadono lo spazio del comizio: è lo stesso leader tante volte ascoltato in piazza che parla, “anche se ora si opera un vistoso spostamento sia del comiziante che del suo pubblico: il primo si trasferisce nello studio televisivo, il secondo è raggiunto dal messaggio non più nella piazza o nel teatro, ma direttamente in casa, con la moglie ed i figli accanto”[17].

Garibaldi è uno dei primi a svolgere una vera e propria attività di comiziante. Tuttavia spesso si tratta di  discorsi brevi  che accompagnano l’immagine del generale affacciato al balcone.

Nel corso della campagna elettorale del 1867 questa attività oratoria non è più episodica, perché il Generale percorre gran parte dell’Italia del Nord, in alcuni casi, la sua semplice presenza in città, anche in assenza di comizio vero e proprio, infiamma la piazza[18].

Nei decenni successivi il comizio è utilizzato dai repubblicani, emergendo progressivamente da un’iniziale manifestazione che è insieme celebrazione (per l’onomastico di Mazzini, di Garibaldi, l’anniversario della Repubblica romana ), festa popolare, corteo.

Anche  gli anarchici  iniziarono ad usare la parola in pubblico  che diventa centrale, perché con loro per la prima volta la parola del comiziante tocca problemi sociali terribilmente seri.

In questi anni, epoca di attentati e persecuzioni, il comizio anarchico in Italia prese una forma quasi clandestina: i cortei del Primo Maggio si svolgevano soprattutto fuori dal centro cittadino, in campagna, ed era proibita la bandiera dell’anarchia.

I comizi anarchici spesso terminavano con altri comizi più piccoli: infatti dopo che l’oratore più famoso ed esperto aveva parlato, la riunione continuava articolandosi in tanti altri luoghi, dove il militante comune esponeva il suo punto di vista ai suoi compagni.

Ettore Ciccotti, nell’opera “Psicologia del movimento socialista[19]” parla delle diverse forme di propaganda e sostiene che la «propaganda parlata» è fondamentale. Ciccotti considera i diversi tipi di propaganda a disposizione del movimento: gli opuscoli, costruiti secondo il procedimento dell’apologo e del dialogo, stampati in migliaia di copie e continuamente riprodotti, letti e riletti; il giornale; il discorso parlato, perché “da noi abbondano gli analfabeti per cui non è possibile altra propaganda se non quella parlata”[20]: questo tipo di propaganda riesce a far presa sull’emotività dell’ascoltatore,  la quale è preceduta da un’attesa che predispone a quella che sarà l’autosuggestione del pubblico “spesso affollato, più spesso eccitato, qualche volta entusiasmato o commosso così che la soglia percettiva di ciascuno è come alzata, perché l’ascoltatore è per così dire trasformato in cooperatore del messaggio che ascolta”[21].

Prima della Grande Guerra il comizio socialista e quello sindacalista hanno utilizzato un nuovo e diverso modo di parlare alle folle, perché adesso non si cerca più di mobilitare un’identità di classe ma si punta sull’esaltazione della guerra patriottica.” Sono talvolta gli stessi oratori, quelli che ieri eccitavano la classe operaia alla rivoluzione e oggi cercano di recuperare le masse alla patria”[22].

Con l’avvento del fascismo inizia la crisi del comizio perchè la voce di avversari e oppositori inizia ad esser fatta tacere: molti comizi  diventano impossibili da portare a termine perché interrotti, anche con la violenza.

Le difficoltà crescenti di questo tipo di comunicazione in quegli anni di trasformazione del quadro politico sono presenti in modo emblematico in un comizio famoso degli anni di transizione al fascismo: quello di D’Annunzio in piazza della Scala a Milano il 3 agosto del 1922 [23].

Qui “l’appropriazione finale del discorso del Comandante da parte dei fascisti viene sancita da “ Il Popolo d’Italia”, che pubblica il discorso in forma mutila, quasi a sottolineare la supremazia del giornale di partito sul discorso parlato”[24].

Con l’approfondirsi della guerra civile appare chiaro come i fascisti considerino il comizio avversario, una voce da rendere muta con la violenza, così come si rende muta la voce dei giornali avversari.

Il comizio viene soffocato progressivamente, e da questo momento per venti anni la voce pubblica dell’opposizione, sia dalle piazze che sui giornali, è spenta. Sopravvive solo la comunicazione del foglio clandestino, che comunque raccoglie l’eredità del grande discorso parlato: “gli anziani militanti antifascisti ricordano spesso un fondo letto su una piccola pubblicazione clandestina con la stessa enfasi con la quale ricordano, del periodo precedente al fascismo, il discorso in piazza di un grande leader”[25]. Più tardi, con il diffondersi della radiofonia, i comunicati radio antifascisti trasmessi attraverso altoparlanti prendono il posto del comizio di piazza.

Ora  lo spazio pubblico è occupato dalle adunate fasciste che prevedono il discorso di Mussolini e l’ascolto collettivo della sua voce trasmessa via radio., ma esse hanno poco in comune con l’antico comizio e sono eventi del tutto nuovi per l’epoca.

La grande innovazione delle adunate oceaniche è il microfono, che rende possibile il rapporto diretto tra il dittatore ed il popolo, in una piazza colma di folla che diventa metafora del rapporto che Mussolini pensa di avere con l’intero popolo italiano. Questo diviene ancor più evidente quando la radiofonia permette di diffondere la sua voce fin nella più piccola piazza d’Italia, dove folle inquadrate e disciplinate acclamano un oratore senza che questo possa sentirle.

“Lo stile oratorio di Mussolini,[…] esibisce negli anni della dittatura la stessa mimica inventata durante gli anni dell’attivismo socialista, adatta un tempo ad un pubblico che solo in parte riusciva a seguire le parole dell’oratore e con il quale si doveva cercare di comunicare a distanza anche attraverso movimenti caricati del corpo e del volto ormai resi obsoleti dall’uso del microfono, e ancor più dalla registrazione cinematografica”[26]

La cinematografia, disponibile come fonte storiografica a partire dagli anni Venti, permette di cogliere la grande differenza tra i partecipanti alle adunate fasciste e i partecipanti che affollano i comizi del dopoguerra: i primi costituiscono una  folla rigida e ordinata, i secondi una folla più appassionata e disordinata.

Il primo tipo di comizio ha sempre a disposizione il microfono, e riproduce, per quanto riguarda le dimensioni della folla coinvolta, la grande  adunata oceanica fascista.

Il comizio del dopoguerra raggiunge il suo apice con la combinazione di microfono e telefono che rende possibile raggiungere traguardi ancora più ambiziosi:

si dovette ricorrere a collegare insieme molte chiese e molte piazze con l’uso degli impianti telefonici e con gli altoparlanti in ciascuna […]. Il sistema degli allacciamenti telefonici s’inaugurò a Milano nel marzo 1948, giungendosi nella massima diffusione a 14 chiese contemporaneamente; a Torino nell’ottobre erano già 24, di cui parecchie extraurbane; a Genova nel novembre erano 51, di cui molte fuori città; un anno dopo, nella predicazione della crociata a Roma, le chiese collegate nell’Urbe e nel Lazio con sistema radiotelefonico furono 200. In quelle condizioni computare a 100.000 gli uditori, 200.000, anche 300.000 non è esagerato.[27]

Essendo una tecnica comunicativa, il comizio è stato coinvolto dall’evoluzione dei mezzi di comunicazione di massa. Già l’uso del microfono, combinato con il telefono e soprattutto con la radiofonia aveva trasformato il comizio classico.

Ora possono parlare tutti, non solo i superdotati della voce; si può raggiungere un pubblico virtualmente illimitato, così che la piazza gremita diventa un ricordo, perché lo stesso messaggio può essere ascoltato in casa propria, senza bisogno di recarsi vicino all’oratore: alla radio, se il comizio è trasmesso via radio; o in casa, grazie all’amplificatore collegato al microfono.

Tuttavia il comizio resiste fino a quando continua a poter offrire l’immagine dell’oratore, non solo il suono della sua voce. Per vedere di persona i grandi leaders politici, la cui voce è comunque accessibile tramite la radio, bisogna andare in piazza.

Con l’inizio degli anni Sessanta, quando si inaugura la trasmissione televisiva “Tribuna elettorale”, siamo di fronte ad una grande rivoluzione della comunicazione politica perchè per la prima volta il volto parlante del leader è a disposizione, nel piccolo schermo televisivo ed è più “vicino” a ogni telespettatore di quanto posso essere, in piazza, durante un comizio.

Anche la retorica del discorso cambia e, grazie soprattutto alla presenza dei giornalisti che pongono domande, “si attenua fino a sparire l’autocelebrazione del partito proclamata dall’oratore e salutata dal pubblico in piazza”[28].

Il comizio comunque non cessa di essere praticato e continua ad esistere a fianco della nuova forma di comunicazione. Il pubblico ora non si reca ad ascoltare l’oratore in piazza per assumere informazioni: al comizio si va per significare una presenza militante; il comizio diventa quasi unicamente un modo per significare la propria affiliazione politica di parte.

“In piazza, dove il comizio non ha più l’antica funzione di ammaestrare, di insegnare gli artifici retorici da utilizzare nella cerchia del lavoro e del quartiere, ma diventa un modo per «contarsi», il corteo diventa più creativo, sovversivo, carnevalescamente divertente: si portano striscioni fatti in sezione, si salta e si corre. Si inventano slogan e parole d’ordine.I megafoni portatili amplificano gli slogan, rendendoli udibili anche da chi guarda dal bordo della strada o dalla finestra”[29].

Oggi il comizio non è più ascoltato come una volta: la voce amplificata sovrasta la piazza, ma i manifestanti chiacchierano fra di loro: in questo modo il brusio della folla e la voce  dell’oratore trasmessa attraverso l’altoparlante si sovrastano a vicenda.

Le piazze politiche del Novecento

Molti sono i momenti storici significativi in cui si è sviluppato l’uso della piazza come mezzo di comunicazione politico-sociale in Italia. Di seguito ho analizzato gli eventi principali del XX secolo dando rilievo alle diverse funzioni e al molteplice utilizzo della piazza.

Le origini del Primo Maggio

Le prime grandi manifestazioni di massa sono indissolubilmente legate alla nascita del Primo Maggio, giornata internazionale dei lavoratori.

Molte furono le lotte per l’introduzione della giornata lavorativa di otto ore. Nel 1886, negli Stati Uniti, per la prima volta fu avanzata questa importante rivendicazione attraverso il Congresso operaio generale di Baltimora.

Per rivendicare le otto ore di lavoro, il sindacato americano organizzò, il I° Maggio 1886, una grande manifestazione a Chicago cui presero parte 50.000 operai. Dura fu la repressione governativa: intervennero la polizia e l’esercito e molti manifestanti furono uccisi.

Nel 1889 si tenne a Parigi il Congresso della fondazione della Seconda Internazionale dei lavoratori, dove venne istituita la giornata internazionale del lavoro, in ricordo dell’eccidio degli operai di Chicago. Nel documento intitolato “ Manifestazione Internazionale del Primo Maggio 1890 ” è scritto: “ sarà organizzata una grande manifestazione internazionale a data fissa, in modo che contemporaneamente in tutti i Paesi e in tutte le città, lo stesso giorno convenuto, ingiungano ai poteri pubblici di ridurre legalmente a otto ore la giornata lavorativa e di applicare le altre risoluzioni del Congresso Internazionale di Parigi”[30].

Il I° Maggio 1890 si tennero grandi manifestazioni dei lavoratori nelle più importanti città statunitensi ed europee, dove la classe operaia manifestava per la prima volta a favore della  propria emancipazione.

In Italia la prima celebrazione del I° Maggio nel 1890 ebbe dimensioni diffuse ed imponenti: scioperi e manifestazioni si tennero nelle principali città del Paese, con migliaia di lavoratori in piazza. Da allora il I° Maggio ha segnato momenti storici di lotta: le proteste del 1914 contro il conflitto mondiale; le lotte operaie del 1920; gli scioperi del 1943 contro il fascismo; le folle immense che riempirono le piazze nel 1945 all’indomani della liberazione del nazifascismo; le grandi lotte del 1968.

Il Primo Maggio, fin dalle origini, è caratterizzato da una connotazione festosa, pur essendo nato nella rivolta. “ Una dimensione di festosa presa della piazza è certo manifesta sin dai primi tentativi del neonato partito socialista italiano di misurarsi con questa nuova, ma già importante scadenza del proletariato internazionale”[31].

Un’ immagine delle prime manifestazioni del 1° Maggio in Italia

Isnenghi spiega come i nuovi raduni proletari del 1° Maggio abbiano come precedenti la parata militare e lo snodarsi della processione religiosa lungo le vie e verso la piazza dove si trova la chiesa. Questi due modelli costituiscono importanti punti di riferimento “per gli strateghi delle nuove coreografie del popolo che prova a prendersi la piazza in proprio”[32].

All’epoca, in Italia, non esiste ancora una legge che garantisca la libertà d’associazione e ogni nuova manifestazione dei movimenti nascenti è a rischio:

la polizia proibì, dietro ordini ricevuti, che il circolo operaio vi si recasse in forma ufficiale con musica e bandiera. La mancanza di questi mezzi di pubblicità, i soli che possono richiamare l’attenzione di una popolazione come questa, toglieva ogni speranza di concorso alla conferenza per cui vi si dovette rinunciare, come pure alla progettata passeggiata di propaganda, essendo proibite rigorosamente le riunioni pubbliche per le vie[33].

I primi assembramenti e i primi cortei popolari conquistano le strade e le piazze sotto i governi Zanardelli e Giolitti, nei primi anni del Novecento. La giornata dei lavoratori diventa una vera e propria invasione di piazza. Marco Fincardi racconta la dimostrazione del 1° Maggio del 1906 a Reggio Emilia:

L’invasione, che la dimostrazione del 1° maggio vuole raffigurare spettacolarmente, risulta particolarmente evidente a Reggio nel 1906, quando i lavoratori affluiscono in città da quattro punti cardinali, con diversi cortei. Gli spazio urbani che la massa invade e gli edifici che fanno da scenario ai movimenti del corteo, ora non appaiono come prima: non sono i luoghi ostili al lavoratore di campagna, in cui un povero deve sempre prestare attenzione a riverire i signori e a non disturbare la loro quiete. Le bandiere proletarie che colorano le strade, e inoltre le bandiere esposte a diversi balconi danno ai lavoratori un senso – prima sconosciuto – di padronanza del centro urbano. Le sale dei teatri accolgono le conferenze operaie. I maggiori fatti memorabili – registrati nelle cronache giornalistiche e dagli obiettivi dei fotografi – sono ora i grandi comizi popolar, che ora si tengono nelle piazze[34].

I lavoratori riempiono le piazze delle grandi città, ma contemporaneamente esiste anche un movimento dalla città  verso la campagna, perché la festa del 1° Maggio molto presto è celebrata anche nei piccoli centri:

a Caparra, Campegine, Castelnovo Sotto, Felina e nella maggior parte delle piccole località rurali, il corteo del Primo Maggio parte, o arriva, davanti alla sede della Cooperativa di consumo o alla Casa del popolo. Da secoli le processioni avevano come punto di riferimento obbligato le chiese, mentre ora quelle del proletariato hanno come riferimenti i luoghi di ritrovo laici. Le stesse adiacenze dei luoghi sacri tradizionali assumono per i socialisti un’importanza rilevante, nel momento in cui diventano spazi conquistati dai lavoratori per loro liturgie laiche, usate in modo esplicitamente polemico verso la cultura che deputava sempre al prete il ruolo di ministro della ritualità collettiva[35].

Le manifestazioni del 1° Maggio vedono un aumento di partecipanti dopo la Prima Guerra Mondiale: la situazione è diversa, non c’è più il clima delle origini, la guerra ha portato lutti enormi, anche se emergono  comunque grandi speranze di rinnovamento sociale e politico. Anche l’”Avanti!” nel 1921 segnala questi cambiamenti:

Strano Primo Maggio è stato quello di ieri: senza fanfare, senza canti, senza bandiere. Primo Maggio pensoso, di raccoglimento, di meditazione. Le folle operaie han rinunciato alla “festa”, celebrata, in gaiezza, tra i suoni e le danze… In molti luoghi, dove la reazione fascista-governativa imperversa in forme di criminale crudeltà, neppure il comizio fu possibile, perché il sangue l’avrebbe battezzato[36].

La “ Piazza Oceanica”: utilizzo della piazza nel Fascismo

Il periodo della dittatura fascista in Italia si potrebbe definire periodo di apoteosi della piazza che fu utilizzata come mezzo di comunicazione tra Mussolini e il popolo italiano, attraverso rituali elaborati.

Piazza Venezia diventò il centro della dittatura, luogo delle celebrazioni più solenni del culto del littorio: Mussolini teneva i suoi discorsi affacciandosi dal balcone di Palazzo Venezia; di fronte a lui una folla oceanica.

Il regime mise in atto profondi mutamenti in quella piazza: l’Altare della Patria si trasformò con gli anni in monumento-simbolo dell’ intera nazione fascista e diventò sfondo scenografico verso il nuovo centro della piazza, cioè il balcone dove parlava il duce.

Come scrisse Ottavio Dinale, sindacalista rivoluzionario, poi prefetto fascista, nel suo testo” La rivoluzione che vince ( 1914-1934 )” , in cui dedicò un capitolo alla piazza oceanica dal titolo “ Piazza che ha vinto la Piazza “:

il Fascismo ha riabilitato la Piazza. Che è stato il suo campo di battaglia, il foro dei suoi trionfi. Da Piazza San Sepolcro a Piazza Belgioioso a Piazza Venezia, attraverso tutte le piazze, grandi e piccole, delle città e dei villaggi d’Italia […] tutta la penisola è un campo di battaglia, di manipoli che travolgono, di folle che fuggono e defezionano. Dalla piazza si parte per combattere, alla piazza si torna nel fremito della vittoria.[37]

Interessante è la testimonianza lasciata da Scalfari in un intervista a “ L’ Espresso”:

Aggiungerò che le varie divise indossate nelle adunate del sabato, le canzoni che si cantavano, le esercitazioni che facevamo, le sfilate del Foro Mussolini, nonché l’ esaltazione che ci prendeva quando assistevamo a certi discorsi del duce a Piazza Venezia nei momenti culminanti della storia di quel periodo, fecero parte del mio vissuto e riempirono la mia testa di bambino e poi di ragazzo e di adolescente lasciando margini esigui alla critica e all’autocritica.[38]

Tra gli elementi che contribuirono alla formazione del consenso durante il fascismo, oltre alla scuola e al sistema educativo, centrale fu l’uso della propaganda e dei mezzi di comunicazione di massa che diffusero i miti e gli ideali che il regime adottò per far presa soprattutto sulle nuove generazioni. I miti più diffusi furono quello della patria e quello di una missione di Roma nel mondo. La figura del Duce era vista dal popolo italiano come quella dell’artefice della patria: Mussolini, grazie alla sua capacità oratoria, riusciva ad arringare le folle ottenendo il loro completo consenso. La prova tangibile di questo è data dalle numerose statue erette in suo onore in luoghi pubblici e piazze, dalle sue immagini che comparivano ovunque e dai suoi motti riportati sulle facciate degli edifici[39].

Uno dei testi più apprezzati da Mussolini fu “ Psicologia delle folle” di Gustav Le Bon che parla della modalità comunicative del moderno dittatore, il quale deve saper cogliere i desideri e le aspirazioni della folla e proporsi come l’incarnazione di tali desideri e come colui che è capace di realizzare tali aspirazioni. L’oratore si mette in intima comunione con la folla e sa evocare le immagini che la seducono.

Piazza Venezia venne amplificata durante il fascismo. In origine era una modesta piazzetta su cui sfociava via del Corso. Vi si affacciavano il quattrocentesco Palazzo Venezia, sede di ambasciatori prima della Repubblica Veneta e poi dell’Impero Austro-Ungarico, con il relativo palazzetto e i palazzi Nepoti e Torlonia. Il maggior intervento architettonico dell’età contemporanea fu l’edificazione, a partire dagli anni Ottanta dell’Ottocento, del monumento a Vittorio Emanuele II, che fu causa di una serie di demolizioni e spostamenti che diedero all’area la struttura attuale.

Di fronte al palazzo storico che da il nome alla piazza fu poi costruito il Palazzo delle Assicurazioni Generali, inaugurato insieme al Vittoriano nel 1911.

Con il fascismo la piazza divenne lo spazio politicamente più rilevante del regime.

I grandi eventi, come la proclamazione dell’Impero e la dichiarazione di guerra, costituirono solo i momenti più solenni di una vicenda storica che vide questo scenario incessantemente impegnato a ospitare i riti della liturgia politica di Mussolini.

Le ultime demolizioni effettuate negli anni Trenta eliminarono ciò che restava degli edifici storici. Lo stesso Vittoriano, simbolo dell’ Italia post-unitaria, fu annesso ideologicamente dal regime insieme alla statua del Milite Ignoto che doveva, da quel momento, rappresentare il legame tra il sacrificio dei combattenti della Grande guerra e la rivoluzione fascista[40].

Piazza Venezia, Roma

Dopo la soppressione dei giornali contrari al regime ( l’Avanti , l’Unità , la Voce Repubblicana ) , tutti gli altri furono posti sotto controllo delle autorità fasciste che li utilizzavano per fare una continua propaganda.

Il fascismo si servì della radio, che proprio negli anni Venti appariva per la prima volta in Italia: nel 1927 fu istituito l’ EIAR ( Ente Italiano Audizioni Radiofoniche), utilizzato come strumento di propaganda. Poche erano le famiglie che potevano acquistare un apparecchio e pagare il canone di abbonamento, perciò il governo fece distribuire apparecchi nelle scuole e nei municipi e fece installare altoparlanti nelle piazze per poter ascoltare le parole del Duce[41].

Il nuovo soggetto che occupa la piazza è l’altoparlante: i discorsi di Mussolini vennero trasmessi simultaneamente nelle scuole e nelle piazze di tutto il paese e vennero ascoltati collettivamente dall’intera comunità; inoltre erano percepiti come veri e propri eventi a cui si assisteva di persona. Per questo la radio divenne mezzo per eccellenza del messaggio propagandistico.

Inoltre Mussolini stesso girò tutta l’Italia, di piazza in piazza, per poi tornare a parlare dal balcone di Piazza Venezia, in vista dell’Altare della Patria e del Milite Ignoto, che assume un ruolo importante nell’immaginario fascista “ perché consente, da quel balcone e con quella voce, che può giungere a tutti via radio, di parlare agli italiani più alto degli alleati concorrenti del Quirinale e del Vaticano”[42].

Negli anni Trenta la voce acquisì una centralità unica tanto che si può parlare delle piazze italiane come vere e proprie “piazze elettriche”, occupate dalla radio, dal magnetofono e dai microfoni collegati ad altoparlanti. Prese forma la possibilità, non immaginabile fino a pochi anni prima, che messaggi verbali, musiche e suoni venissero riprodotti nel tempo e nello spazio e fossero udibili contemporaneamente da un grandissimo numero di persone.

Il microfono e gli altoparlanti divennero elementi irrinunciabili della comunicazione politica: i grandi raduni al cospetto di Hitler e Mussolini non sarebbero stati gli stessi senza la potenza della voce riprodotta e amplificata al punto di poter raggiungere milioni di persone.

Piazza Venezia divenne “ centro di un macrosistema di spazi pieni mentalmente collegati l’uno con l’altro”[43] : il balcone di Palazzo Venezia era collegato a tutte le piazze d’Italia. Piazza Venezia divenne il concentrato e la metafora di tutte le piazze del paese per vent’anni. Inoltre Mussolini visitò molti centri italiani:

la pratica itinerante e la riuscita di questi appuntamenti periodici fra il duce e la folla nei luoghi canonici della sociabilità  cittadina devono molto alla cultura della piazza.  Nessun capo di governo liberale ha mai sentito il bisogno e posseduto i talenti per ricreare l’agorà, moltiplicarne il numero e la capienza e arringare masse nei grandi spazi all’aperto. Questo lo ha voluto e lo ha saputo fare Garibaldi. Lo hanno fatto i vescovi, in occasione dei congressi eucaristici o delle adunanze delle associazioni cattoliche. Ed è poi diventata pratica quotidiana nell’azione sindacale e politica dei socialisti[44].

L’uso di Piazza Venezia fu:

una grande operazione massmediologica: inusitata per l’assiduità e la durata nel tempo, l’unicità dell’emittente, la programmazione e la centralizzazione dei messaggi, la dilatazione dei destinatari, la potenza dei mezzi di supporto. L’incontro con “Lui” sulla piazza è solo il momento culmine, il punto di arrivo di una preparazione sotterranea e visibile, in cui sono mobilitate forze e servizi statali e di partito, apparati amministrativi e polizieschi, organismi di categoria e giornali[45].

I grandi incontri tra il duce e la folla erano quindi preparati meticolosamente, come nelle parate militari del passato. A differenza di queste però, basate su una folla selezionata, le grandi adunate erano costituite da masse di civili che dovevano essere inquadrate e disciplinate.

I discorsi di Mussolini, oltre a produrre una profonda attesa e a richiedere un’accurata preparazione, lasciavano una lunga eco su stampa e radio.

Piazza Venezia, Adunata del 10 giugno 1940. sulla sinistra il Palazzo delle Assicurazioni Generali, mentre il famoso balcone è sul lato opposto.

Piazza Venezia era teatro delle Adunate Generali, come spiega il comandante della Marina Italiana  Salvatore Romano in un’ intervista di Cristiano D’Adamo[46].

Il comandante descrive il giorno della dichiarazione di guerra, 10 giugno 1940:

ero a Roma e frequentavo il 2° Liceo Classico al Mamiani. Ero Avanguardista Moschettiere, anzi “ Cadetto”, cioè avevo il grado più elevato raggiungibile da un Avanguardista. Ciò comportava alcune modeste responsabilità quali, ad esempio, quella di inquadrare, in caso di Adunata Generale, il maggior numero possibile di Avanguardisti e raggiungere di corsa Piazza Venezia. Sottolineo: a piedi e di corsa. Per chi conosce Roma, fare di corsa da Piazza Mazzini a Piazza Venezia non è una passeggiatina!

Al prolungato ululato delle sirene bisognava interrompere qualsiasi attività, indossare divisa e correre a Piazza Venezia per ascoltare la parola del Duce […] Di Adunate Generali non ce ne furono molte. Che io ricordi, tre o quattro, anzi quattro: in occasione delle Sanzioni all’Italia (18 novembre 1935), in occasione della conquista di Addis Abeba (5 maggio 1936), della proclamazione dell’Impero (9 maggio 1936) e dell’inizio della guerra (10 giugno 1940).

In tutte e quattro le Adunate Generali io ero presente e sempre “piazzato” quasi sotto il fatidico balcone perché il percorso lo facevo veramente di corsa ed arrivavo sul posto dell’Adunata prima che la Piazza fosse gremita dalla “marea oceanica” di camice nere come si vede nella documentazione fotografica dell’epoca.[47]

L’avventura di Mussolini ebbe fine in un’altra famosa piazza: Piazzale Loreto a Milano.

Venuto a conoscenza di un tentativo di arresto, riuscì a fuggire dalla Prefettura di Milano, dove si era rifugiato, anticipando l’arrivo dei partigiani. Tentando la fuga in Svizzera o in Germania, la sera del 25 aprile 1945 fece dirigere il convoglio in direzione di Como, lungo la sponda occidentale del lago dove era stanziata una colonna di mezzi tedeschi in ritirata.

La mattina del 26 aprile tentò la fuga insieme ad alcuni gerarchi e all’amante Claretta Petacci, nascondendosi in un camion della colonna travestito da militare tedesco, ma i partigiani lo riconobbero e lo chiusero in un casolare durante la notte tra il 27 e il 28 aprile.

Mussolini venne fucilato il 28 aprile del 1945. Il suo corpo, insieme a quello di Claretta Petacci e di altri tre gerarchi furono legati a testa in giù ed esposti a Piazzale Loreto a Milano.

I corpi Mussolini (secondo a sinistra) e di Claretta Petacci (riconoscibile dalla gonna), esposti a Piazzale Loreto, Milano, insieme ai corpi di tre gerarchi.

La caduta del Fascismo e il dopoguerra

Il 10 luglio 1943 gli alleati sbarcarono in  Sicilia e il 25 luglio dello stesso anno il Gran Consiglio tolse a Mussolini la guida del partito e dell’Italia. Il Re affidò a Badoglio l’incarico di Primo Ministro. In città vennero promosse manifestazioni di piazza e feste popolari, nell’illusione che, con la caduta del regime, la guerra fosse finita. È in questa fase che si aprì la riconquista della piazza da parte dell’antifascismo.

Nel periodo che intercorse tra la caduta del fascismo e l’occupazione dell’Italia da parte dell’esercito tedesco ( 8 settembre 1943 ) si scontrarono da un lato il diffuso desiderio di pace e dall’altro la volontà del governo Badoglio di impedire movimenti di piazza. In tutta Italia vennero represse manifestazioni popolari, alcune con conseguenze tragiche: è il caso delle Officine Reggiane di Reggio Emilia, dove il 28 luglio un corteo di operai che si accingeva a manifestare si scontrò con un reparto militare che aprì il fuoco, uccidendo 9 lavoratori.

Inoltre le occupazioni da parte dei braccianti delle terre lasciate incolte dai latifondisti e le manifestazioni contro il razionamento e la disoccupazione sfociarono in vere e proprie stragi.

Alla fine del secondo conflitto mondiale, la piazza è stata il luogo in cui gli italiani ritrovarono la possibilità di riunirsi per protestare o per dissentire e non più solo per obbedienza.

Le manifestazioni erano guidate dai partiti politici e dai neo-nati sindacati, per i quali la piazza rappresentava lo strumento più importante per riunire e raggiungere i propri simpatizzanti. Le manifestazioni erano sia momenti di festa per la libertà riconquistata, sia momenti di impegno politico.

I grandi partiti di massa che si stavano riorganizzando avevano bisogno di far crescere il senso di appartenenza dei cittadini e i raduni politici di massa erano lo strumento di reclutamento politico fondamentale.

La novità del dopoguerra è costituita dal fatto che la piazza richiamò non solo i partiti comunisti e socialisti, ma anche quelli cattolici che, rompendo il riserbo storico della Chiesa ad uscire al di fuori dei propri spazi tradizionali (le cerimonie e le processioni religiose), hanno cercato un accesso all’interno di spazi laici.

La piazza del dopoguerra venne a rappresentare lo specchio di una società alla ricerca di nuove forme di sviluppo e di leaders da cui farsi motivare e coinvolgere.

Il Sessantotto

Il 1968 è stato un anno denso di manifestazioni e cortei. Grandi movimenti di massa socialmente disomogenei (operai, studenti e gruppi etnici minoritari) attraversarono molti paesi del mondo con la loro carica  contestativa e sembrarono far vacillare governi e sistemi politici in nome di una trasformazione radicale della società.

Il movimento nacque alla fine degli anni Sessanta in America e raggiunse la sua apoteosi nel 1968. Ebbe origine presso i giovani e gli operai contro la allora nuova società dei consumi basata sul valore del denaro e del mercato ed ebbe come nemico comune l’autorità: nelle scuole si contestava l’autorità dei professori e il sistema scolastico obsoleto; nelle fabbriche si contestava l’autorità del potere economico e l’organizzazione del lavoro; nella famiglia si contestava l’autorità dei genitori.

Gli obiettivi dei giovani e degli operai erano gli stessi: riorganizzare la società in base al principio di uguaglianza, rinnovare la politica in nome della partecipazione di tutti i cittadini alle decisioni, eliminare ogni forma di oppressione sociale e di discriminazione razziale, estirpare la guerra come mezzo di relazione tra gli Stati.

Il movimento americano per i diritti civili aveva costituito, fin dall’inizio degli anni Sessanta, il prototipo di questa dinamica. La rivolta studentesca aveva come obiettivo prioritario la piena attivazione di quella democrazia americana che la costituzione prometteva ma che la società aveva in parte negato.

Le agitazioni promosse dai giovani si diffusero progressivamente in varie aree del pianeta tra la fine del 1967 e l’autunno del 1968. Francia, Cecoslovacchia e Germania occidentale furono attraversate da crisi politiche di vasta portata.

La presenza di operai a fianco di studenti caratterizzò anche il Sessantotto italiano, il più intenso e ampio tra quelli dell’ Europa occidentale.

In Italia la contestazione fu il risultato di un malessere sociale profondo poiché lo sviluppo economico non era stato accompagnato da un adeguato aumento del livello di vita delle classi disagiate.

L’espressione degli scioperi operai in fabbrica si saldò con il movimento degli studenti che scese nelle piazze rivendicando il diritto allo studio per i giovani in condizioni economiche disagiate.

La contestazione fu attuata attraverso forme di protesta fino ad allora poco conosciute: vennero occupate scuole ed università e vennero organizzate manifestazioni che in molti casi portarono a scontri con le forze dell’ordine. Per la prima volta il mondo dei lavoratori e il mondo studentesco provocarono tensioni radicali nel paese. Quando queste due linee di lotta si sono unite, l’andare in piazza ha acquistato molti significati. Prima di tutto gli operai portarono nei centri delle città una protesta che per molto tempo era stata vissuta nei reparti e in prossimità dei cancelli delle fabbriche. Entrare in città era un modo per sottolineare l’urgenza dei conflitti all’interno di contesti borghesi e ”salottieri” fino ad allora ostili e disinteressati a certi temi.

Le manifestazioni operaie divennero quindi simbolo di occupazione delle città e portarono ad alcuni importanti risultati: aumenti salariali, interventi nel sociale, minori ore di lavoro, diritti di assemblea e consigli di fabbrica;inoltre gettarono le basi dello Statuto dei lavoratori, siglato nel 1970.

I primi cortei del 1968

Le piazze della contestazione operaia e studentesca divennero anche luogo di costruzione di identità, basti pensare al movimento femminista che si sviluppò in quel  periodo. Le ragazze degli anni Settanta sfilarono in corteo per l’aborto libero, gratuito ed assistito e diedero vita ad una protesta che portò alla promulgazione della legge sull’aborto nel 1978. Molti furono i cortei anche a  favore del divorzio, fino alla legge del 1° dicembre 1970.

Il movimento delle donne è stato quello che più ha vissuto e denunciato i limiti della modernizzazione italiana, la commercializzazione dell’immagine femminile e l’accentuata identificazione tra la libertà delle donne e la loro disponibilità sessuale.

Nonostante fosse diffusa in tutto il mondo, la protesta giovanile si spense,  all’inizio degli anni Settanta, senza aver riportato risultati significativi.

In Italia il movimento non si spense, ma si trasformò aumentando di intensità e continuò per tutto il decennio successivo. Merito del movimento giovanile fu quello di mettere al centro dell’attenzione valori che fino a poco tempo prima erano stati interessi di pochi. Temi come il pacifismo, l’antirazzismo, il rifiuto del potere come forma di dominio, i diritti delle donne e l’interesse per l’ambiente entrarono a far parte stabilmente del dibattito politico.

Gli anni di piombo

La piazza degli anni Settanta diventò il luogo della violenza e la sede degli atti più efferati. Alcuni movimenti, insoddisfatti della situazione politico-istituzionale, utilizzarono la violenza di piazza e successivamente la lotta armata e il terrorismo per modificare gli equilibri politici dello Stato.

L’inizio degli anni di piombo coincise con la contestazione studentesca ed operaia del Sessantotto: il primo caso di scontro violento contro le forze dell’ordine si ebbe a Roma il 1° marzo 1968 durante la battaglia di Valle Giulia, un noto scontro di piazza tra manifestanti politici e polizia. I manifestanti attaccarono la polizia che presidiava la Facoltà di Architettura dopo aver fatto uscire gli studenti che la occupavano.”Valle Giulia” è il nome della zona di Roma, alle pendici dei Parioli, dove hanno sede diverse istituzioni culturali internazionali. Si registrarono 148 feriti tra le forze dell’ordine e 478 tra i manifestanti.

Il primo atto della tensione che caratterizzò quegli anni fu la strage di Piazza Fontana a Milano il 12 dicembre 1969.

Strage di Piazza Fontana

Molte furono le organizzazioni coinvolte negli anni del terrorismo italiano: Lotta Continua, Prima Linea, le Brigate Rosse come gruppi di estrema sinistra e i NAR come gruppo di estrema destra.

I violenti scontri di piazza, la lotta armata e le stragi furono essenzialmente contro la forma politica della società che si desiderava modificare in base al modello marxista-leninista, che vedeva nell’azione rivoluzionaria uno strumento per effettuare il cambiamento della società in senso comunista.

Le spinte furono molto forti ma lo Stato democratico-parlamentare sopravvisse.

Il 1969 fu un anno denso di contestazioni. Il 12 dicembre avvennero cinque attentati nell’arco di un’ora. Il più grave fu la già citata strage di Piazza Fontana dove una bomba esplosa nella sede della Banca Nazionale dell’Agricoltura provocò 16 morti e 88 feriti.

Altre terribili attentati degli anni di piombo furono: la strage di Piazza della Loggia a Brescia il 28 maggio 1974; la strage dell’ espresso Roma-Brennero il 4 agosto 1974; la strage della stazione di Bologna il 2 agosto 1980.

Le manifestazioni di piazza spesso degeneravano in guerriglia urbana: il livello di scontro culminò in quella che venne definita “strategia della tensione” portando ad un clima di insicurezza e di pericolo. Non solo stragi clamorose, ma tantissimi attentati contro obiettivi minimi, singoli cittadini, agenti dell’ordine. Nelle piazze molti manifestanti si presentarono mascherati, spesso armati di spranghe e chiavi inglesi, talvolta di bombe incendiarie e di pistole.

In questo clima l’opinione pubblica arrivò ad accettare una risposta di tipo “militare” da parte dello Stato e a giustificare l’emanazione di leggi speciali.

I partiti di governo,  cioè Democrazia Cristiana, partito social-democratico, partito repubblicano, partito socialista e partito comunista si unirono per la difesa della democrazia in pericolo elaborando una serie di leggi tra cui la legge Reale(n. 152, 22/5/1975) che autorizzava la polizia a sparare nei casi in cui ne ravvisasse la necessità. Questa legge fu approvata a grande maggioranza dall’opinione pubblica.

Nel 1978 seguì l’istituzione di corpi speciali con finalità antiterroristiche: il GIS, Gruppo Intervento Speciale dei Carabinieri e il NOCS, Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza della Polizia.

Il 4 maggio 1977 a Milano, nel corso di una manifestazione, alcuni partecipanti aprirono il fuoco contro la polizia uccidendo un agente.

Verso la fine del decennio gli episodi di violenza scemarono e crollò il sostegno alle Brigate Rosse dopo l’assassinio di un operaio nel 1979.

L’idea che la lotta armata e la violenza in piazza potessero essere un mezzo per risolvere conflitti sociali aveva perso credito all’interno delle frange più estreme dei due schieramenti politici.

Uno sguardo fuori dall’Italia: la protesta di Piazza Tian’anmen

Piazza Tian’anmen, Pechino

La protesta di piazza Tian’anmen iniziò da una dimostrazione studentesca scoppiata nella piazza della città di Pechino tra il 15 aprile e il 4 giugno 1989.

La protesta, nata per denunciare l’instabilità economica e la corruzione politica dello stato cinese, fu soppressa con la violenza da parte del governo, sotto il controllo del Partito Comunista Cinese. Il numero dei morti causati dalla repressione è difficile da determinare, ma oscilla tra i 200-300 (dati governativi) e i 2.000-3.000 (dati delle associazioni studentesche e della Croce Rossa cinese)[48].

La protesta studentesca cominciò nell’aprile del 1989 e fu scatenata dalla morte di Hu Yaobang, il vicesegretario generale del partito, liberale, che fu obbligato alle dimissioni da parte di Deng Xiaoping: ciò venne giudicato  negativamente, specialmente da parte degli intellettuali.

La protesta ebbe inizio in modo relativamente pacato, nascendo dal cordoglio nei confronti di Hu Yaobang e chiedendo al partito di prendere una posizione ufficiale nei suoi confronti. La protesta divenne  più intensa dopo le notizie dei primi scontri tra manifestanti e polizia. Gli studenti si convinsero allora che i mass media cinesi stessero distorcendo la natura delle loro azioni, che erano solamente volte a supportare la figura di Hu Yaobang.

In occasione dei funerali di Hu un vasto gruppo di studenti si recò in Piazza Tian’anmen, chiedendo d’incontrare Li Peng, oppositore politico di Hu, ma questi non volle ascoltare le loro richieste. I giovani così proclamarono uno sciopero generale all’università di Pechino.

Il 26 aprile, un editoriale del People’s Daily, riportando un discorso di Deng Xiaoping, accusò gli studenti di complottare contro lo stato e fomentare agitazioni di piazza[49].

Dopo queste dichiarazioni  gli studenti scesero nelle strade di Pechino il 27 aprile, sfidando il pericolo di repressioni da parte delle autorità e richiedendo nuovamente che il governo ritrattasse le dichiarazioni fatte in precedenza.

Il 4 maggio circa 100.000 persone marciarono nelle strade di Pechino, chiedendo un dialogo formale tra le autorità del partito e una rappresentanza eletta dagli studenti. Il governo rifiutò la proposta,e acconsentì solamente il dialogo con i membri designati dall’organizzazione studentesca.

Il 13 maggio un gruppo di manifestanti occupò Piazza Tian’anmen, cominciando uno sciopero della fame per chiedere al governo di ritrattare l’accusa riportata dall’editoriale del People’s Daily.

Migliaia di studenti si unirono allo sciopero della fame, supportati da centinaia di migliaia  di residenti di Pechino[50].

I manifestanti innalzarono al centro della piazza un’enorme statua costruita con polistirolo e cartapesta , chiamata Dea della Democrazia.

Il 20 maggio il governo dichiarò la legge marziale, ma la protesta continuò. Dopo questa delibera dei leader del partito, fu ordinato l’uso della forza per risolvere la crisi; Zhao Ziyang fu rimosso dal suo incarico a causa della sua incapacità nel risolvere la situazione senza dover ricorrere all’uso della forza.

Hu Jintao, allora segretario del Partito nella regione autonoma tibetana, prese posizioni molto dure nei confronti della situazione, mandando un telegramma ai vertici del Partito, nel quale dichiarava di appoggiare in pieno l’uso della forza contro i manifestanti.

Nella notte tra il 27 e il 28 fu mandato l’Esercito di Liberazione Popolare  a riprendere il controllo della città, dotato di carri armati. Questi attaccarono gli studenti e i lavoratori nelle strade di Pechino. La repressione causò morti sia tra i civili che tra i militari.

Ancora oggi le stime dei morti variano. Il governo cinese parlò inizialmente di 200 civili e 100 soldati morti, ma poi abbassò il numero di militari uccisi ad “alcune dozzine”.

La CIA stimò invece 400-800 vittime. La Croce Rossa riferì 2600 morti e 30.000 feriti. Le testimonianze di stranieri affermarono invece che 3000 persone vennero uccise. La stessa cifra fu data da un sito inglese di Pechino. Le stime più alte parlarono di 7.000-12.000 morti[51].

La repressione di Piazza Tian’anmen provocò la ferma condanna da parte di numerosi Paesi occidentali nei confronti del governo comunista cinese

Oltre all’ enorme statua di polistirolo, un altro simbolo della rivolta è il rivoltoso sconosciuto che, completamente disarmato, affronta una colonna di carri armati: le fotografie che lo ritraggono sono popolari nel mondo intero e sono per molti un simbolo di lotta contro la tirannide.

Le piazze politiche oggi

I primi anni di questo nuovo secolo dimostrano che la piazza non ha affatto esaurito il suo ruolo vitale. Negli ultimi anni la piazza  è tornata viva, partecipata, scenario della protesta e della volontà di cambiamento di milioni di persone di ogni generazione.

Ma a quali cambiamenti portano le ritrovate manifestazioni di piazza oggi?

Chi utilizza la piazza e perché?

La ricerca “Piazza, popoli e rappresentanze”, realizzata nell’ambito dell’iniziativa “Un mese di sociale. Leaders senza popolo. Popolo senza leaders”, presentata al Censis nel giugno 2004 dal Direttore Giuseppe Roma, da Maria Pia Canusi, curatrice della ricerca, e da Giuseppe De Rita, Segretario generale del Censis, rappresenta un ritratto dei nuovi frequentatori della piazza e delle loro motivazioni.

La piazza attuale viene definita “carismatica”[52] perché molto spesso si gremisce di gente spinta da un leader che riesce ad emozionarla e a chiederne il consenso, ma “fluida ed ininfluente”[53]: chi vi accorre infatti ha già un’identità definita altrove, a differenza delle grandi folle che riempirono le piazze nel dopoguerra.

Di questa piazza colpiscono soggetti e gruppi spontanei che in parte affidano la definizione della propria identità alla rappresentazione che i media ne danno, senza lasciare alcuna traccia del loro passaggio. Un esempio è dato dalle manifestazioni “no global”, organizzate soprattutto da gruppi giovanili appartenenti ai centri sociali autogestiti (alcuni nati già negli anni Settanta). Numerosi ed eterogenei per riferimenti culturali e strategie d’azione, i centri sociali sottolineano la difesa dei gruppi più emarginati e l’esigenza di riappropriazione dello spazio e della costruzione identitaria.

La protesta è utilizzata come strumento di pressione sulle istituzioni: chi protesta,  interrompendo attraverso una forma non convenzionale di azione la routine quotidiana, si rivolge innanzi tutto all’opinione pubblica prima ancora che alla rappresentanza eletta.

Siamo di fronte ad una piazza composta da una molteplicità di soggetti, talvolta incompatibili tra loro, che con essa hanno un rapporto di passaggio, senza sviluppare una cultura e proposte comuni. E questo è il limite della piazza contemporanea: di non trattenere alcun legame di identità nonostante la visione esterna che  di essa ci propongono i media.

Tipologia degli eventi di piazza

La ricerca “Piazza,popoli,rappresentanze” ha ricostruito le caratteristiche principali degli eventi di piazza dal maggio 2003 al maggio 2004, basandosi sull’elaborazione Censis di dati Istat e  di notizie presenti sui quotidiani “ La Repubblica”, e il “Corriere della sera” sul piano nazionale, “Il Mattino” di Napoli e “Il Gazzettino” di Venezia sul piano locale.

I soggetti organizzatori degli eventi di pizza a livello nazionale sono stati soprattutto i sindacati( 30,5% degli eventi), sia come sigla unitaria (Cgil, Cisl, Uil), sia come singole confederazioni.

La maggior parte delle iniziative hanno avuto luogo a Roma (circa il 70%) e a Milano ( il 18%), e solo il 12% nelle regioni meridionali. Nella capitale si svolgono le  manifestazioni che vogliono avere risonanza nazionale.

Sul piano locale spicca la spontaneità delle iniziative di piazza, organizzate soprattutto per dar voce a problemi sociali ed economici, mettendo in secondo piano il peso dei promotori.

Tra gli eventi di piazza le manifestazioni sono state la tipologia più frequente (54%), seguita da cortei (20%)  e dai raduni (10%), mentre le iniziative di piazza legate agli scioperi sono state il 6% del totale.

Per quanto riguarda il numero di soggetti coinvolti dagli eventi di piazza, non è possibile disporre di dati certi, poiché quelli riportati dai promotori sono costantemente in contrapposizione con quelli delle Questure. Le manifestazioni a livello nazionale sembrano aver coinvolto circa 6 milioni di persone, con una media di partecipazione ad evento di 135mila persone.

Molti eventi sono stati organizzati per motivi politici (56%): i raduni, i comizi dei partiti, le manifestazioni contro la riforma delle pensioni e la finanziaria, le marce per la pace. Sono rilevanti anche le iniziative commemorative e ludiche, come i concerti e i festeggiamenti per l’ elezione di politici.

Analizzando i dati emerge, come motivazione principale per l’organizzazione di eventi di piazza, soprattutto la protesta contro diverse azioni di governo.

Il nuovo popolo della piazza

Oggi la piazza è animata da ceti medi abbastanza indifferenziati. Il “tipo” che va in piazza è soprattutto maschio, giovane (tra i 18 e i 34 anni), laureato, occupato o studente, residente in città medio-grandi, soprattutto del Centro-Sud. La piazza risulta essere specchio dell’attuale struttura sociale italiana, dove il ceto medio rappresenta la componente più ampia.

Gli italiani scesi in piazza tra maggio 2003 e maggio 2004, secondo la ricerca Censis, sono stati il 12,8% della popolazione. Tra questi il 3% dichiara di averlo fatto solo una volta, il 5,2% due  o tre volte,  il 3,6% più di tre volte ( soprattutto persone residenti al Centro). Ciò fa supporre che chi utilizza la piazza non lo fa in modo isolato, ma sulla base di un rapporto di frequentazione costante. Tra chi partecipa a manifestazioni più di tre volte, il 4,5% è di sesso maschile (soprattutto tra i 18 e i 34 anni) e il 2,8% è di sesso femminile (soprattutto tra i 35 e i 64 anni).

Il 12,8% degli italiani sono scesi in piazza, un dato del tutto diverso da quelli che ci giungono da altre fonti. Infatti analizzando i risultati delle indagini Multiscopio sulla “Vita quotidiana” dell’ Istat relative all’anno 2003-2004, emerge che gli italiani coinvolti in cortei e manifestazioni sono passati dall’8% del 1994 al 4,9% del 2004. Il 12,8% rilevato dall’indagine Censis porta a più di un raddoppio del dato Istat, segno di una maggior attenzione per gli eventi che richiedono una presenza diretta ed attiva delle persone.

Un altro dato da analizzare è quello della partecipazione politica dei cittadini. La prima osservazione rilevabile riguarda le donne che rappresentano il 90,6%  di chi non va in piazza, contro l’85% degli uomini, smentendo le immagini trasmesse dalle televisioni in occasione delle manifestazioni più importanti, in cui vengono inquadrate spesso le donne.

Inoltre, come emerge dai dati Istat:

  • le donne che non parlano mai di politica sono il 45,4%, gli uomini il 23,6%;
  • le donne che parlano tutti i giorni di politica sono solo il 4,7% mentre gli uomini l’11,4%;
  • le donne che svolgono attività gratuita per un partito sono lo 0,6%;
  • le donne che ascoltano dibattiti politici sono il 18,2%, gli uomini il 28,3%;
  • le donne che partecipano a cortei sono il 3,9% contro il 6% degli uomini.

La partecipazione ad eventi di piazza coinvolge molto i giovani, soprattutto gli studenti (30,7%) e gli occupati (13,2%), mentre è più ridotta  tra i disoccupati, le casalinghe e i pensionati.

Il titolo di studio di chi va in piazza indica una netta prevalenza di formazioni alte, cioè universitarie (16%) e di scuola secondaria superiore (15%), a cui si collega anche una partecipazione assidua  di   chi è andato in piazza più di tre volte nell’arco di un anno.

Un altro elemento che influenza la partecipazione di piazza è la dimensione del luogo in cui si vive: premia molto di più la grande città rispetto alla piccola dimensione. Nelle città medie, infatti, si concentra la maggior percentuale di chi non va in piazza ( 90,4%), forse perché si tratta di contesti locali in cui la qualità della vita è buona o elevata, tale da non sentire la necessità di protestare o manifestare attivamente su questioni economiche e sociali che sembrano appartenere ad altri. Il 9,3%  delle persone che sono scese in piazza due o tre volte nell’arco di un anno risiedono in città che hanno una popolosità di oltre 250.000 persone.

Anche la cultura informatica sembra essere collegata alla propensione a scendere in piazza: chi usa Internet ha manifestato di più rispetto a chi non ha questa abitudine ( il 17% contro l’8,1%). Da questo dato si può capire come una maggior dimestichezza con l’informatica si può tradurre in una maggior partecipazione sociale e politica. Internet infatti è uno degli strumenti che oggi possono avvicinare di più alla politica: tutti i partiti politici sono dotati di siti web attraverso cui divulgano informazioni di propaganda e informano i simpatizzanti su eventuali eventi e manifestazioni di piazza, oltre ad attivare forum di discussione interattivi per mantenere elevato il livello di partecipazione politica.

Perché scendere in piazza

Molto interessante è capire le motivazioni che spingono i cittadini ad utilizzare la piazza come mezzo di comunicazione politico-sociale: che cosa ne pensano le persone delle manifestazioni?

Analizzando le risposte raccolte dal sondaggio Censis emerge come motivazione più diffusa dell’andare in piazza la possibilità di ritrovarsi insieme a persone che la pensano allo stesso modo (per un totale di dichiarazioni d’accordo pari al 64%)

Al secondo posto tra le motivazioni dell’utilizzo della piazza vi è l’idea che le manifestazioni siano un modo di protestare o di esprimere il proprio consenso nei confronti delle istituzioni politiche (58,6%); al terzo posto l’opinione secondo cui le manifestazioni sarebbero uno strumento per influire sulle decisioni politiche (50,3% di dichiarazioni d’accordo).

Inferiori, ma non marginali,  le posizioni di chi vede le manifestazioni come elemento di disturbo dell’ordine quotidiano (  44,9%) o un’inutile perdita di tempo(28,3%). Gli italiani quindi credono molto nell’utilizzo della piazza come mezzo di partecipazione politica, anche se in misura e in forme diverse.

L’ordine di preferenze delle motivazioni per la partecipazione alle manifestazioni non muta anche se misurato su chi realmente ha partecipato a qualche evento di piazza nell’anno analizzato dall’indagine: per tutti, anche per chi non ne ha fatto esperienza diretta, la piazza è un luogo d’incontro di idee simili e di chi ne è portatore, un luogo in cui sembra svilupparsi una sorta di sentire comune e il desiderio di condividere esperienze in una dimensione diversa.

Analizzando le motivazioni in base al sesso emerge che le donne sono a favore della dimensione comunitaria della piazza, cioè della possibilità di trovarsi insieme a persone che la pensano nello stesso modo( 65% delle donne), mentre gli uomini vedono le manifestazioni come strumento per esprimere protesta o consenso(59,3% degli uomini).

Per quanto riguarda la differenziazione di questi giudizi sul piano territoriale, si può osservare che la dimensione comunitaria della piazza è avvertita in modo più forte al Nord, soprattutto al Nord-est (68,2%).

Al Centro prevale l’idea che attraverso le manifestazioni si possa influire sulle decisioni di governo. In questa area ricade la città di Roma e la vicinanza con i luoghi decisionali della politica può influenzare questa percezione.

Al Sud invece spicca in modo più significativo che altrove il giudizio negativo sulle manifestazioni, viste come elemento di disturbo alla quiete pubblica (45,6%).

Anche la condizione occupazionale influenza le valutazioni espresse nei confronti della piazza:  le casalinghe e i pensionati sono i più infastiditi dagli effetti di disturbo provocati  dagli incontri di piazza, mentre gli studenti sono i più entusiasti perchè vedono nelle manifestazioni una reale possibilità di influire sulle decisioni pubbliche.

Chi rappresenta gli interessi dei cittadini

Per capire il rapporto dei cittadini con la piazza, la ricerca “Piazza,popoli e rappresentanze” ha individuato i soggetti che meglio di altri rappresentano gli interessi collettivi: in questo modo è possibile ricostruire i soggetti verso cui si dirige la domanda di delega espressa dagli italiani e come questa domanda si intreccia con il loro rapporto con le manifestazioni.

Dai dati del sondaggio emerge che gli italiani si sono totalmente distaccati dalle strutture organizzate storicamente per offrire rappresentanza. Infatti il soggetto in cui gli italiani si riconoscono di più nella rappresentazione dei propri interessi sono le Associazioni che curano il benessere della persona (39,3%), seguite dalle organizzazioni di volontariato (38,8%), dalla Presidenza della Repubblica (35,3%) e dalle Chiese (34,2%). Questo dato è collegato al fatto che per gli italiani al primo posto vengono il benessere, i servizi alla persona e i Valori; seguono il lavoro, lo sviluppo e la crescita economica; infine, il bisogno di rappresentanza politica da parte di istituzioni quali il Parlamento, il Governo e i leaders dei partiti. Infatti quella offerta dalle Associazioni che curano il benessere della persona non è rappresentanza sociale in senso stretto, ma è espressione di alcuni bisogni avvertiti come prioritari dalla popolazione ( la qualità della vita, il pensare alla propria cura, la Patria e Dio).

Dopo le Chiese vengono indicati i media, cioè giornali e fonti di informazione televisiva, come più rappresentativi dei sindacati e dei partiti politici (28% contro il 26,5% dei sindacati e il 15,6% dei partiti).

Le istituzioni politiche sembrano aver perso il fondamento della loro esistenza, cioè la fiducia con la popolazione, infatti sono collocate in fondo alla graduatoria: solo il 18,3% degli italiani indica il Parlamento come soggetto che meglio rappresenta i propri interessi, mentre solo il 17,5% indica il Governo. All’ultimo posto vengono indicati i singoli leaders politici (14,1% degli italiani).

Le Associazioni che curano il benessere della persona sono particolarmente significative per i giovani fino a 34 anni. Le donne si sentono più rappresentate dai sindacati, dai media, dalle Chiese e dalle organizzazioni di volontariato, mentre gli uomini prevalgono fra chi apprezza la Presidenza della Repubblica come soggetto che rappresenta i propri bisogni.

La condizione occupazionale non influenza la vicinanza o la distanza dalle organizzazioni di rappresentanza: i disoccupati condividono con le casalinghe e i pensionati l’apprezzamento per gli organismi di volontariato, gli occupati e gli studenti preferiscono le Associazioni del buon vivere come riferimenti di rappresentanza. Gli studenti, in particolare, sono coloro che dichiarano di sentirsi rappresentati dai partiti politici, molto più  rispetto a chi lavora e questo indica il potenziale di partecipazione di cui sono portatori.

Inoltre, la preferenza per i partiti politici e per i singoli leaders politici è espressa in misura maggiore da chi usa Internet. Ciò conferma come i partiti che utilizzano questo mezzo di comunicazione riescano a riavvicinare i giovani alla politica attraverso iniziative che coinvolgono gli utenti.

Fra partecipazione a manifestazioni di piazza e domanda di rappresentanza esiste una relazione molto significativa. Infatti coloro che frequentano i cortei, i raduni, i girotondi, oltre alle Associazioni del benessere personale, collocano al secondo posto, come soggetti che rappresentano i propri interessi, i sindacati e gli organismi di categoria, facendo salire verso l’alto il riferimento a questi soggetti che sono invece lontani dalle preferenze della popolazione. Emerge però un clima di protesta, visto che solo il 7,3% di chi scende in piazza riconosce nel Governo un soggetto che possa rappresentare gli interessi, e 14,7% il Parlamento, mentre ritiene che i singoli leader politici lo facciano nel 22,6% delle risposte.

Da questi ultimi dati emerge una identificazione tra la piazza e l’ opposizione politica più o meno organizzata, che trova conferma anche nelle motivazioni per cui questa componente frequenta le manifestazioni, motivazioni che spesso sono contro le iniziative del Governo.

Chi ritiene la piazza una perdita di tempo o addirittura un danno per la collettività ha sviluppato un rapporto molto distante dalla politica: chi non si sente rappresentato da nessuno dei soggetti proposti è il 21,9% , di cui il 17,7% esprime giudizi negativi sulla piazza. Si tratta di persone che si affidano molto alle organizzazioni di volontariato e alle Chiese.

Chi invece enfatizza la partecipazione attiva agli eventi di piazza (soprattutto persone dai 35 anni in su) vede nei sindacati, nei partiti e negli Enti Locali gli organismi più vicini ai bisogni legati al lavoro e al posizionamento.

La piazza come esperienza di vicinanza fisica e di protesta

Analizzando i dati, la ricerca” Piazza, popoli e rappresentanze” parla della piazza come “ esperienza comunitaria “ che si esaurisce non appena ha fine una manifestazione. Infatti oggi la piazza non riesce più a formare identità sociali come accadeva in certi periodi del passato. La piazza è “comunitaria” perché si costituisce soprattutto come una sede in cui condividere idee,  ma anche agire in prossimità fisica con altri e si alimenta di rapporti immateriali: dall’atto di convocazione all’immagine che le viene attribuita, anche dai media.

Le manifestazioni spontanee nascono spesso grazie a contatti a distanza, tramite fax o Internet, con i quali è stato possibile inventare nuove modalità di convocazione per eventi distanti nel tempo e nello spazio.

Chi scende in piazza è soprattutto colui che è alla ricerca di soluzioni per uscire dalla condizione di “ solitudine sociale “[54] in cui molto spesso si trova ad essere collocato.

La tendenza ad utilizzare la piazza è in crescita: la voglia di ritrovarsi insieme per condividere le stesse idee diventa elemento di protesta rispetto al sistema sociale.

Si potrebbe pensare che l’orientamento alla protesta e al dissenso possa nascondere anche la nascita di associazioni ed istanze antigovernative. Però è improbabile che i giovani studenti e i professionisti che frequentano la piazza diventino neo-rivoluzionari, poiché pur essendo categorie tra loro diverse, entrambe sembrano orientate alla ricerca di compatibilità con il sistema sociale ed economico esistente.

La crescente partecipazione ad eventi di piazza quindi è più di tipo civico che politico e rispecchia interessi di tipo personale più che collettivo. È una partecipazione diversa rispetto a quella collegata alle piazze del passato poiché non è portatrice di scelte e di comportamenti collettivi antagonistici. La piazza “comunitaria” rappresenta un nuova e diversa modalità di partecipazione: il vero input delle manifestazioni sembra essere rappresentato dalle incertezze dei cittadini nei confronti del sistema socio-politico che li rappresenta.

I dati empirici analizzati evidenziano che nelle piazze contemporanee non siamo di fronte ad un nuovo, unico popolo, ma a tante persone unite da un evento per esporre il proprio dissenso e il proprio punto di vista su questioni che toccano i propri interessi.

La piazza “comunitaria” non porta alla costruzione di decisioni acclamate all’unanimità, come poteva succedere fino a venti anni fa, pronte ad essere analizzate in sede parlamentare. Anche le motivazioni che spingono a scendere in piazza sono diverse rispetto a quelle del passato, essendo legate più a spinte personali che collettive.

In definitiva si può affermare che la piazza è tornata come luogo in cui le motivazioni individuali degli italiani si condensano in dimensioni comunitarie e in manifestazioni, dando vita ad un nuovo fenomeno di aggregazione che si può definire discontinuo.

Manifestazione della Sinistra Italiana, ottobre 2007, Roma

Manifestazione della Casa delle Libertà, 2 dicembre 2006, Roma


[1] Cuocolo, F. Lezioni di diritto pubblico, Milano , Giuffrè 2002, p. 391.

[2] G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004

[3] J. Lazar, L’ opinion publique,Sirey, Paris, 1995, cit. in G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004

[4] P. Champagne, Faire l’opinion. Le nouveau jeux politique, Ed.de Minuti, Paris, 1990 p.62, cit in G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004, p.113.

[5] Ibidem.

[6] Ibidem.

[7] J. Lazar, L’ opinion publique,Sirey, Paris, 1995, p.132 cit. in G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004, p.121.

[8] Ibidem.

[9] P. Champagne, Faire l’opinion. Le nouveau jeux politique, Ed.de Minuti, Paris, 1990 p.62, cit in G. Grossi, L’opinione Pubblica,Laterza, Roma-Bari,2004, p.121.

[10] G. Ragnetti, Opinioni sull’opinione, Ed. QuattroVenti, Urbino, 2006

[11] Ibidem, p. 30.

[12] Smelser, Il comportamento collettivo,  Vallecchi Firenze,1968

[13] R. Park, La folla e il pubblico, Roma, Armando Editore,1996

[14] G. Ragnetti, Opinioni sull’Opinione,Quattro Venti, Urbino 2006

[15]  Ibidem, p. 127

[16] G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997, p.173

[17] Ibidemi

[18] G. Sacerdote, Vita di Garibaldi, Rizzoli, Milano 1957, cit in [18] G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997, p.177

[19] E. Ciccotti, Psicologia del movimento socialista, in G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997.

[20] Ibidem

[21] Ibidem

[22] G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997, p.185.

[23] G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997

[24] Ibidem, p.190.

[25] Ibidem, p.191.

[26] Ibidem, p.192.

[27] Padre Lombardi, Per un mondo nuovo, Roma 1951, pp. 15-16. Cit. in  M. Isnenghi, L’Italia in piazza- I luoghi della vita pubblica dal 1948 ai giorni nostri, Biblioteca Storica il Mulino, Bologna 2004, p.

[28] G. Contini, Il comizio, saggio in I luoghi della memoria, strutture ed eventi dell’Italia unita, a cura di M. Isnenghi, Laterza, Roma-Bari, 1997, p.200.

[29] Ibidem, p.201.

[30] www.wikipendia.org , alla voce 1° Maggio

[31] M. Isnenghi, “L’Italia in piazza. I luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri”, p.147

[32] Ibidem,  p. 148

[33] La citazione è tratta da “Lotta di classe” del 6-7 maggio 1893, in M. Isnenghi, “L’Italia in piazza. I luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri”, p.148

[34] Marco Fincardi, “ Primo maggio reggiano. Il formarsi della tradizione rossa emiliana”, Camere del lavoro di Reggio e di Guastalla, Reggio Emilia, 1990 vol. 2, p.124. la citazione è tratta dal quotidiano di Reggio Emilia “La giustizia”, 3 maggio 1906. In M. Isnenghi, “L’Italia in piazza. I luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri”, p. 149

[35] Giovanni Zibordi, “ Ricordi e scorci di vita. Memorie di 1° maggio” in” Avanti”, 1° maggio 1910. In M. Isnenghi, “L’Italia in piazza. I luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri”, p. 150

[36] “Tra le violenze borghesi i proletari hanno celebrato il 1° maggio. Il significato”, in “Avanti!”, 3 maggio 1921 in M. Isnenghi, L’ Italia in piazza, i luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Biblioteca storica Il Mulino, Bologna 2004 p.150

[37] O. Dinale, La rivoluzione che vince(1914-1934), Campitelli, Roma p. 57 cit in M. Isnenghi, L’ Italia in piazza, i luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Biblioteca storica Il Mulino, Bologna 2004 p. 49.

[38] E. Scalfari, L’ Espresso, 25/11/1999

[39] F. Fiorani, F. Tacchi, Storia Illustrata del Fascismo, Giunti, 2000

[40]M. Isnenghi, L’ Italia in piazza, i luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Biblioteca storica Il Mulino, Bologna 2004

[41] F. Fiorani, F. Tacchi, Storia Illustrata del Fascismo, Giunti, 2000

[42] in M. Isnenghi, L’ Italia in piazza, i luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Biblioteca storica Il Mulino, Bologna 2004, p.50

[43] M. Isnenghi, L’ Italia in piazza, i luoghi della vita pubblica dal 1848 ai giorni nostri, Biblioteca storica Il Mulino, Bologna 2004, p. 370

[44] Ibidem, p. 356

[45] Ibidem, p. 364

[46] www.regiamarina.net

[47] Ibidem

[48] www.wikipendia.org  alla voce Piazza Tian’anmen

[49] Ibidem

[50] Ibidem

[51] Ibidem

[52] “Piazza, popoli e rappresentanze”, p. 4

[53] ibidem, p. 5

[54] Ibidem, p.42.

RIFLESSIONI ATTUALI sull’impostazione teorica fattorelliana

Fattorello che aveva dapprima conosciuto e praticato il giornalismo, ha vissuto poi, come prestigioso studioso, un periodo storico in cui lo Stato e i suoi valori hanno dominato e soffocato ogni libertà individuale. Anche il Sistema Informazione diventa organico allo Stato, è una funzione pubblica, e deve essere lo strumento più importante e più efficace per educare ed anestetizzare le masse fino a portarle alla condivisone acritica di tutta la politica nazi-fascista.

In Fattorello, tuttavia, in maniera inaspettata e sorprendente, tutto ciò ha via via provocato validi anticorpi ed una sorprendente reattività che lo hanno portato nell’immediato dopoguerra, a rimettere in discussione il “clima culturale” in cui si era trovato a vivere durante le due dittature. E arriva così alla sorprendente intuizione e alla coraggiosa elaborazione della sua Teoria della Tecnica Sociale dell’Informazione. Ecco, allora, che dallo strapotere dell’Informazione, impostazione teorica ancora oggi dura a morire, emerge una visione rivoluzionaria che stravolge le logiche di un sistema rigidamente configurato in funzione di una relazione comunicativa fortemente asimmetrica.

Per il nuovo pensiero fattorelliano gli attori del processo comunicativo sono “soggetti” entrambi dotati di facoltà opinanti e quindi di pari dignità.

Non c’è più un tiratore scelto che colpisce l’uomo-bersaglio-target, ma vi sono due soggetti attivi che reagiscono ai numerosi stimoli ricevuti, sulla base delle proprie facoltà opinanti e delle personali attitudini sociali prodotte dalle diverse e determinanti acculturazioni.

L’approccio teorico fattorelliano rappresenta una visione di una incredibile modernità e, ci sembra, poter fornire una risposta adeguata alle crescenti esigenze di informazione e comunicazione che connotano le società democratiche di oggi.

In altri termini possiamo tranquillamente affermare che oggi il corretto ed efficace approccio alla comunicazione, nei diversi Paesi del mondo, scaturisce dall’impostazione teorica di Francesco Fattorello.

E  infine,  sappiamo che molti autori  hanno già spiegato il successo delle comunicazione on-line , concentrandosi sul ruolo attivo di tutti i partecipanti e siamo certi che il modello della Tecnica Sociale può sostenere e rafforzare tali opinioni, fornendone i presupposti teorici.

Prof. Giuseppe Ragnetti

Elettore: vaso da riempire o fiaccola accesa? Il libero arbitrio dell’individuo resiste al presunto strapotere dei media

SIAMO IN PIENA CAMPAGNA ELETTORALE, SONO IN ARRIVO LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN IMPORTANTI REGIONI ITALIANE.
E ALLORA CI SEMBRA OPPORTUNO PROPORVI SUL NOSTRO SITO LA TESINA SCRITTA DA DUE BRAVE STUDENTESSE CIRCA 10 ANNI FA’, SULL’ARGOMENTO DI GRANDE ATTUALITA’.
CAMBIANO CONTESTI E ATTORI PROTAGONISTI, MA RESTANO SEMPRE VALIDI GLI SPUNTI DI RIFLESSIONE CHE IL LAVORO CI PROPONE.

Vincitori, vinti, scontenti, delusi, soddisfatti e non rimborsabili, le recenti elezioni europee ed amministrative hanno visto sfilare tutti, ma proprio tutti! “Signori” e “signorine” del mondo politico continuano a dominare la scena e a renderci omaggio della loro presenza nei salotti buoni della tv, nei talk e nei tg . Ma il protagonista indiscusso di questo post elezioni è solo ed unicamente lui “Il Signor Astensionismo”.

Già in altre occasioni ha fatto la sua comparsa, talvolta richiamato a gran voce da chi necessitava della sua presenza per raggiungere i risultati sperati, altre volte non invitato come un’ospite indesiderato di cui si può fare volentieri a meno.

Se nel 2004 la percentuale di consensi da lui ottenuta fu del 35% , il 2009 è stato un anno ancora più favorevole (40% circa gli astenuti), il che  significa che un italiano su 3 non ha votato (3 milioni di voti persi per il Pdl e 4 milioni per il Pd).

Ma come noi figli del tubo catodico e nipoti del plasma non più “plasmati” dalla nostra cara tv balia? Cosa è successo? Abbiamo or dunque riacquistato il senno? Ci siamo forse riappropriati del nostro libero arbitrio?

A dispetto di una campagna elettorale martellante e pervasiva (come le altre peraltro!), l’elettore chiamato costantemente a recarsi alle urne, ha deciso di astenersi dal voto, manifestando così la sua disaffezione nei confronti del sistema politico.

Pd e Pdl , i due grandi partiti del Paese si sono mobilitati per scongiurare l’astensione di parte dei rispettivi elettorati. “Non si capisce cosa c’è in gioco, non è il momento del voto di protesta. Capisco la delusione ma non e’ il momento di astenersi” ha ribadito più volte il leader del Pd Dario Franceschini. Gli fa eco Fabrizio Cicchitto del Pdl  che ha chiesto all’elettorato di “battere l’assenteismo nella consapevolezza che questa manovra di destabilizzazione possa essere respinta soprattutto con il concorso attivo della grande maggioranza del popolo italiano che è con Berlusconi”. L’ipotesi di un elevato astensionismo è stata ventilata anche dal governatore della Regione Lazio, Piero Marazzo che prima delle elezioni ha dichiarato: ”L’astensionismo alle prossime elezioni europee e’ un rischio. Dobbiamo però evitare che questo accada. Molti dei destini dei territori sono nelle mani del Parlamento europeo. Invitiamo i cittadini a votare, insegniamo che il destino e’ sempre nelle loro mani. Mai abbandonarlo agli altri”.

Le affermazioni sopra riportate dimostrano il tentativo da parte di ambo le parti di dissuadere gli elettori dalla scelta astensionista, controproducente per entrambi gli schieramenti.

La stracopertura mediatica dei leader di maggioranza e opposizione sembra però non aver portato ai risultati che ci si era prefissati, l’alta percentuale di astenuti ne è la riprova.

Quanto è stato appena detto va a centrare uno dei punti fondamentali della Teoria Della Tecnica Sociale dell’Informazione, ovvero che il Soggetto Recettore non è passivo e facilmente condizionabile, non un burattino insomma, ma al contrario un Soggetto che dimostra di avere pari dignità rispetto al Soggetto Promotore e dotato delle sue stesse facoltà opinanti.

A questo punto, si potrebbe obiettare che esiste una forma di “astensionismo passivo”, che si traduce semplicemente nella totale indifferenza e nel completo disinteresse nei confronti della politica. Al centro della nostra trattazione sta invece una forma di  astensionismo  cosiddetto “ attivo” per cui il Soggetto Recettore, consapevole dei suoi mezzi, diventa a sua volta Soggetto Promotore di un messaggio politico, che non potrà lasciare indifferenti i Soggetti Recettori (mondo politico) cui si rivolge.

Un simile messaggio politico, benché espresso da una parte dell’elettorato, questo è bene precisarlo, è risultato significativo e decisivo nel determinare l’esito finale di questa consultazione elettorale. In virtù della  sua importanza non può essere trascurato, ma va considerato per poi diventare oggetto di una profonda riflessione e revisione politica.

Facciamo ora un passo indietro e ritorniamo al discorso relativo alla pervasività e all’influenza dei mezzi di comunicazione.

Quanto detto finora sembrerebbe dunque smentire tutte quelle teorie che tra gli anni ‘50 e gli anni’60  hanno fatto degli effetti illimitati dei media e del loro potere persuasorio il loro credo.

Tra queste citiamo la cosiddetta “teoria della cospirazione” elaborata da Adorno, Horkheimer e Marcuse , esponenti della Scuola di Francoforte. I tre autori sono noti per le loro aspre critiche al sistema dei mass media, una vera “industria culturale” – come la definivano – che manipolerebbe l’individuo per integrarlo in un sistema di produzione oppressivo.

L’idea che muove Adorno è che i mezzi di comunicazione di massa fanno introiettare all’individuo il sistema esistente e i valori o i disvalori della società. Al fondo di questa critica c’è un presupposto ben preciso e cioè che i mass-media non sono qualcosa di neutro, non sono meri contenitori che possono essere riempiti con i contenuti più vari. Per Adorno i mezzi di comunicazione di massa sono essi stessi ideologia  perché il loro compito precipuo è quello di diffondere un’immagine del mondo che sia accettabile da tutti, è quello di sviluppare linguaggi uniformi e standardizzati che vadano bene per tutti e che quindi,  inevitabilmente contribuiscono a un conformismo generale.

Adorno fa l’esempio della pubblicità, cui ha dedicato  numerosi   saggi importanti di analisi sociologica, perché nella pubblicità ha visto il tipico strumento di manipolazione delle coscienze: la pubblicità sembra qualcosa di innocente, ma in realtà è uno strumento di seduzione, manipolazione e di addomesticamento degli individui. La pubblicità, nonostante la sua forma seducente, è uno strumento diabolico per manipolare la coscienza individuale, per trasformare gli uomini in robot, in manichini, in qualcosa che possa servire agli scopi del sistema sociale . Quindi l’individuo risulterebbe in questo senso, un essere inerme in  balia del potere mediatico; in realtà la pubblicità, soprattutto oggi, deve confrontarsi con un utente-consumatore tutt’altro che  sprovveduto, ma anzi sempre più critico e partecipe nella fruizione e ricezione del messaggio che gli viene proposto.

Secondo Marcuse invece, i mass media non permetterebbero l’indipendenza del pensiero, l’autonomia e il diritto all’opposizione politica e priverebbero l’uomo della funzione critica .

Abbiamo già notato come  media quali giornali, tv e internet risultino dei soggetti cooperanti e non la causa principale e decisiva nel processo di formazione dell’opinione dell’elettore.

A tal proposito possiamo citare la teoria del “flusso a due fasi della comunicazione” di Lazarsfeld, Berelson e Gaudet, che prende le distanze, in maniera netta, dalla teoria ipodermica[1]. Secondo la teoria dei tre autori, la risposta ai messaggi veicolati dai media non è diretta e immediata, ma mediata e influenzata dalle relazioni sociali. Cosa ancor più importante gli individui non sono tutti uguali di fronte alle campagne mediali, ma hanno differenti ruoli nei processi comunicativi.

Diversi sono gli elementi che condizionano e orientano gli elettori nelle loro scelte di voto. La scelta finale dell’elettore, anche quella di non votare, rappresenta il prodotto di un processo decisionale in cui si inseriscono numerosi fattori che influenzano la preferenza o l’astinenza finale. Tra questi troviamo:
– caratteri sociali ed economici durevoli
– identificazioni partitiche di lungo periodo
– predisposizione in materia di politiche
– preferenze relative a temi di politiche correnti
– percezioni delle condizioni attuali del paese o personali
– valutazione retrospettiva dell’amministrazione in carica e dei suoi risultati
– valutazione delle qualità personali dei candidati
– valutazioni prospettive della potenziale efficacia futura dei candidati e dei partiti.

Analizziamo, ad esempio, il fattore relativo alle percezioni delle condizioni attuali del paese o personali. Sappiamo che la campagna elettorale appena trascorsa, è stata segnata da numerose interviste rilasciate dal premier Silvio Berlusconi, che spesso assumevano più la forma di messaggi autogestiti. In una maxi-intervista rilasciata a “Porta a porta”, il presidente del consiglio ha sostenuto: “Oggi non c’è nessuno che perdendo il lavoro non venga aiutato dallo Stato. C’è la cassa integrazione per i precari, così come per i lavoratori a progetto”.

Questo passaggio dell’intervista potrebbe rispondere a verità per tutti coloro che non si trovino a vivere la condizione di precari, coloro invece che fanno i conti con questa realtà hanno una percezione ben diversa di una simile affermazione e tale percezione influirà nella loro scelta di voto più dell’onnipresenza di un qualsiasi leader politico in una qualche trasmissione televisiva.

In definitiva, vediamo come variabili quali il contesto, l’ambiente, la condizione socio-economica e le relazioni sociali concorrano in misura determinante a delineare e definire le scelte di voto dell’individuo. A dimostrazione del fatto che il libero arbitrio resiste al presunto strapotere dei media.

Corso di Laurea in Editoria, Media e Giornalismo                                                                 Anno Accademico 2008/2009           Corso di Tecniche di Relazione, Prof.Ragnetti.                Emilia Secci e Valentina Altavilla

[1] Teoria Ipodermica si caratterizza per una relazione diretta e univoca che lega lo stimolo alla risposta. I postulati sui quali si fonda sono principalmente quattro: il pubblico è una massa indifferenziata, i messaggi veicolati dai media sono potenti fattori di persuasione, gli individui sono indifesi rispetto al potere dei media, i messaggi sono ricevuti da tutti i membri alla stesso modo.

Immagine e Comunicazione Politica



Anche per un Partito o Movimento politico l’immagine è importante: essa può determinare i comportamenti delle persone nei suoi confronti.

Il modo come il partito viene percepito influenza gli atteggiamenti e la disponibilità a credere a ciò che il partito dice e a collaborare costruttivamente per il successo dello stesso.
Traguardo massimo raggiungibile attraverso un’ottima percezione: il successo del partito è il mio successo!

L’immagine non è, tuttavia, un prodotto che si possa costruire a proprio piacimento. L’immagine è, soprattutto determinata dalla prestazione: ciò che il partito fa, ciò in cui crede determina nella testa delle persone, tutte potenziali elettori, la sua immagine.

Il compito di coloro che si occupano della comunicazione sia all’interno che all’esterno del partito, consiste nell’assicurare la corretta trasmissione del “credo” e degli obbiettivi e ,soprattutto, la coerenza di tutti i segnali e messaggi trasmessi.

E allora occorre un “guardiano dell’immagine che va tenuta costantemente sotto controllo, onde evitare che si raccolga meno di quanto si è seminato, così come è recentemente avvenuto per movimenti politici velleitari ma privi di immagine (vedi Ingroia, Oscar Giannino, Sinistra critica, Leu e altri).

Se poi vogliamo considerare il partito politico come un prodotto da accreditare presso un’opinione pubblica sempre più instabile e imprevedibile, non possiamo ignorare i dettami di un corretto Marketing politico.

Un MK politico efficace deve essere capace non semplicemente di “vendere”, ma di costruire una relazione a lungo termine: prima di proporre soluzioni e priorità costruite a tavolino, bisogna ascoltare attentamente il cittadino elettore e soddisfare, per quanto possibile, bisogni e aspettative, soprattutto quando le soluzioni necessarie sono tuttora inesistenti. (Da ricordare che un cittadino “soddisfatto” può valere decine e decine di voti….passaparola tra famiglia e parenti, sui luoghi di lavoro, sui rapporti sociali di ogni tipo fino alla bocciofila e al bar dello sport… Esattamente, cioè, in tutti i contesti dove si discutono e si diffondono le opinioni fino a diventare opinioni condivise!!!)

E allora diventa importante il linguaggio dei politici in grado di innescare i processi di opinione presso i cittadini/elettori.

Certamente il linguaggio verbale e quello non verbale: linguaggio come stimolo all’apparato sensoriale di chi ci guarda e ascolta, per arrivare alla percezione e alle successive e inevitabili reti associative.

Sapendo bene che esistono reti associative negative e molto radicate (es. fascista come termine offensivo, al contrario di comunista presso il grande pubblico), il mio linguaggio- stimolo non dovrà mai evocare, riportare alla luce reti associative che magari si stavano affievolendo perchè sostituite da nuove reti figlie di stimoli positivi.

Ma il linguaggio è anche e soprattutto comportamento: un deputato che fa tentativi di aggressione in aula o in piazza, non può che evocare le peggiori reti associative presso coloro che si vorrebbe conquistare alla causa.

Di positivo potrebbe esserci l’immagine di “uomo forte”, che non si fa prendere per il naso da nessuno e, quindi, l’evocazione di “reti associative positive” che, tuttavia, sono presenti soltanto presso coloro che già danno il loro consenso a quel partito.

Ma così non si cresce!!! Riaffermando i nostri valori forti, si fa apologia della storia, si impone la nostra visione della storia; ma i contemporanei la storia la vogliono vivere, la stanno vivendo qui ed ora e si aspettano che un partito politico li capisca ora, e li rafforzi ora in quei valori in cui essi credono ora.

La politica non è scienza del passato e non può essere conservazione in una democrazia basata sul consenso popolare: fare politica significa vivere il presente e governare il futuro. Significa conoscere le istanze sociali e non aver paura di idee e proposte concrete che la società stessa ci pone.

L’accettazione e, laddove possibile, la realizzazione delle stesse, contribuirà in maniera determinante alla creazione della miglior immagine non solo presso i nostri elettori, ma anche presso tutti gli altri cittadini che potrebbero vederci sotto un’altra veste e, magari, darci il loro consenso.

Prof. Giuseppe Ragnetti



La struttura cristallografica del sistema della comunicazione

Università degli studi di Urbino “Carlo Bo” – Facoltà di Sociologia – Corso di Laurea Specialistica in Editoria, Media e Giornalismo – Tecniche di Relazione – Prof. Giuseppe Ragnetti

La “visione” del prof. Giuseppe Ragnetti

a cura di Alessandro Puglia

“C’era una volta un bambino che amava farsi portare a letto dalla mamma. Stava con gli occhi semi-chiusi e in semiveglia la mano della madre era stretta su per le scale. Si addormentava spesso nel divano e quel “farsi portare a letto” lo rendeva il bambino più fortunato e felice del mondo. Quand’era ancora nel grembo materno amava già ascoltare la musica, per lui la vita nel feto non era, evidentemente, una pura romanticheria. Un giorno questo bambino tanto dolce e affettuoso divenne adulto, con la barba lunga e bianca, simile a quella dei filosofi antichi.  Quando approdò su grandi aule accademiche e vasti scenari pubblici, confessò provocatoriamente a numerosi “esperti” in comunicazione che nonostante l’età  amava ancora “portarsi a letto” in uno stato di semiveglia. Chiese una spiegazione a quel gesto che continuava a ripetere, sera dopo sera,  inconsciamente.  Nessuno rispose. I sociologi e gli psicologi di ultima generazione che cercano di motivare sempre tutto restarono inermi a un così semplice aneddoto”.

Giuseppe RagnettiQuel bambino, ora dalla lunga barba bianca, è il prof. Giuseppe Ragnetti, docente di Tecniche di Relazione presso la facoltà di Sociologia dell’Università di Urbino e presidente dell’Istituto “Francesco Fattorello” in Roma. Attraverso i suoi insegnamenti, egli propone un nuovo metodo, una tecnica sociale dell’informazione finalizzata a sciogliere numerosi problemi legati ai processi comunicativi che si realizzano quotidianamente in ogni contesto sociale. La comunicazione, termine oggi abusato, è sempre preceduta da un processo informativo (Informazione) che richiama una materia  necessariamente manipolabile  e  manipolata, data l’ineludibile esigenza di dare alla materia stessa una forma tale da ottenere l’adesione del soggetto recettore. 

Gran parte dei teorici della “comunicazione” insistono sul fatto che il pubblico, definito target, assorbe in maniera passiva i dettami dello strapotere mediatico. La Teoria della tecnica sociale dell’informazione (l’unica teoria italiana del settore a livello internazionale) di Francesco Fattorello, ereditata e divulgata dal prof. Giuseppe Ragnetti, stravolge le logiche di un sistema strettamente prefigurato.

L’informazione  non è affidata né a un emittente né a un destinatario classicamente inteso: i protagonisti del processo comunicativo sono “soggetti”, “io in quanto realtà pensante”. Il processo informativo sarà bilaterale e i soggetti saranno distinti in promotore (SP) e recettore (SR). Soggetti pensanti, protagonisti entrambi del processo di trasmissione delle informazioni. Non vi è un lanciatore che colpisce un bersaglio – target – ma vi sono due soggetti attivi che reagiscono ai numerosi stimoli che li circondano (le teorie anglosassoni che occupano una primaria visibilità nei corsi di comunicazione dovranno desistere all’emergere di un soggetto attivo presente in ogni processo di informazione).

Da questa breve premessa si articola la “visione” che Ragnetti definisce teoria della struttura cristallografica del sistema della comunicazione, che cercheremo qui di descrivere.

Le persone sono situate in un qualsiasi punto della struttura poliedrica. La struttura indica simbolicamente il complesso sistema comunicativo entro cui vive l’uomo e che comprende un numero infinito di stimoli percettivi. Il soggetto in qualsiasi punto del sistema sia collocato non fa altro che essere bombardato da messaggi, i quali successivamente, possono o non possono situarsi nella sfera individuale, sempre diversa in ognuno di noi. Il soggetto si farà raggiungere o meno da determinati stimoli, in base a componenti motivazionali, alla propria intelligenza emotiva e alla propria acculturazione.  Considerando addizionalmente un “momento zero” gli stimoli esterni avranno maggior influenza nell’incidere nei nostri schemi mentali. La necessità di intervenire sarà proiettata sull’edificazione di un io in grado di gestire milioni di stimoli percettivi. Occorre, adesso, indagare sulla natura degli stimoli. Essi vivono nel complesso e multidimensionale sistema sociale in cui viviamo, sia all’interno dei processi mediatici, che al di fuori nelle più dirette situazioni comunicative (informazioni  che ci vengono date dalle persone con cui condividiamo il nostro spazio sociale, amici, genitori, nonni, ecc.  Sono stimoli tutte le nozioni che apprendiamo dai libri e che possibilmente riscriviamo secondo noi stessi).   Il processo di convergenza  per cui più mezzi concorrono a fornirci un immagine stereotipata della realtà è un processo meccanico fatto di messaggi più o meno espliciti che si prestano facilmente al consumo. Notizie come quelle dell’attualità che sono contingenti, tempestive e che vivono nell’hic et nunc del contesto situazionale. All’interno della struttura cristallografica tutti gli stimoli convivono tra loro. Da quanto affermato si comprende che se il soggetto comunicativo fosse di natura passiva, tenderebbe ad asservirsi di informazioni come un prodotto già finito. I vari processi comunicativi si priverebbero del dualismo dialettico da sempre esistito. Il soggetto attivo può invece aderire o non aderire alle migliaia di informazioni che ogni giorno gli vengono proposte con “vuote pedanterie”. Essendo l’individuo un soggetto pensante può scegliere quali stimoli elaborare, accrescere, perfezionare o, semplicemente, rifiutare.

La percezione diventa tema nodale all’interno del sistema.  Essa è estremamente soggettiva, lavora a modo proprio, distintamente in ognuno di noi. È il processo attraverso cui elaboriamo gli stimoli provenienti dall’ambiente esterno, in modo utile e significativo.  La percezione crea una singolare mappa del mondo in base alla quale affrontiamo e reagiamo ad esso, una mappa tendenzialmente autoconfermante: è un filtro individuale.

La struttura cristallografica della comunicazione diventa metaforicamente simile ad un’enorme ragnatela che continua a tessersi. Un marchingegno a più teste in cui siamo noi a decidere dove stare e quale informazione fare pervenire. In un momento in cui la cultura tradizionale ci imbeve di ovvio, in cui l’uomo è sempre più massificato e spersonalizzato, preme la necessità di non sentirsi più target, ma di avvalersi della facoltà di selezionare, di reagire attivamente ai numerosi e continui stimoli esterni.  I messaggi filtrano quando si è ben delineata la natura dell’informazione, quando tra promotore e recettore si avrà convergenza di interpretazione su un tema proposto. Se i modelli forniti dalla televisione difficilmente assumono rilevanza nel complesso emisfero di noi stessi, i valori che pervengono dall’educazione sono invece destinati a perdurare, non sono contingenti.

È proprio all’interno di ciò che è contingente e di ciò che non lo è che bisogna operare: l’informazione dell’attualità è un informazione contingente che punta esclusivamente alla forza deperibile della novità, il recettore è generico e non trova possibilità di sviluppare un processo comunicativo che non sia unilaterale. L’informazione contingente è utilitaristica, fine a se stessa. La natura del non contingente trova invece all’interno della struttura cristallografica della comunicazione modo di innescare meccanismi che difficilmente riescono a dissaldarsi.  L’informazione non contingente non si sottopone alle logiche del consumo mediatico. L’opinione profonda, non stereotipata può apparire talvolta nelle parole di un maestro, figura necessaria in un tempo frammentato come il nostro. Torna l’esigenza di rientrare in una forma che lasci al contenuto modalità e tempo di agire. L’informazione sarà allora cristallizzata e apparterrà a noi stessi, ai nostri schemi mentali che hanno bisogno sempre e continuamente di esporsi e di mutare. All’interno della struttura cristallografica diventa fondamentale reagire. Trovare metodi selettivi accanto a quelli percettivi e sensoriali. All’interno della struttura cristallografica della comunicazione vi può essere o meno l’adesione ai processi di informazione e ai processi di opinione (con la propria molteplice natura).

L’adesione avviene in fasi distinte : quando vi è contatto, ovvero quando le notizie fornite permettono l’osservazione diretta del recettore con il problema opinabile; l’interesse e l’attenzione (molti recettori sommersi da un alluvione mediatica non prestano la minima attenzione a tutte le notizie); la valutazione,  che avviene sempre sulla griglia della propria acculturazione ; l’adesione o il rifiuto che in genere avviene immediatamente e l’adozione, che consiste nell’adesione  all’opinione proposta.

Quando si è riusciti a suscitare interesse,  attenzione  e, infine, adesione allora il soggetto recettore che ha ricevuto una forma d’opinione, diventa a sua volta soggetto promotore. Lo stimolo percettivo si è ben radicato in noi stessi.

La natura dell’opinione che è di per sé opinabile (si nutre al fast-food) è stata profondamente analizzata e approfondita (Opinioni sull’Opinione, G.Ragnetti, Quattroventi, Urbino 2006) . Per adesso ci conteniamo di dubitare dello strapotere dei mezzi di informazione in grado di condizionare ogni indistinta fetta di pubblico. La struttura cristallografica della comunicazione rende luce a un soggetto che può agire e reagire in relazione agli stimoli che lo circondano: “I mezzi di informazione certamente agiscono sulle opinioni (siamo tutti contro la guerra!) ma non sono in grado di condizionare i comportamenti degli uomini. Sono altri i motivi, alcuni noti e altri meno, che stanno alla base delle nostre azioni ”.

E a noi piace ancora ascoltare storie…

La Relatività generale delle Opinioni

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “CARLO BO” – URBINO – Corso di Laurea Specialistica in Editoria Media Giornalismo – Tecniche di Relazione – Prof. GIUSEPPE RAGNETTI

“La Relatività generale delle Opinioni”

Elaborato a cura di Luca Pittau

L’affascinante questione della formazione delle opinioni è forse uno dei temi più longevi appartenenti alla stessa natura dell’uomo in quanto essere sociale: da quando questi ha iniziato logisticamente a ragionare per categorie, l’opinione è diventata parte inscindibile della sua costituzione intellettuale.

Ciò significa che qualsiasi fatto o evento, qualsiasi entità o raffigurazione dell’esperienza ha bisogno, per “significare”, di particolari formule di opinione da parte degli uomini o, meglio, sono gli uomini stessi a sentire la necessità di opinare in maniera continua su tutto, e in qualsiasi momento della quotidianità.

Questo perché l’uomo è inserito in molteplici reti di relazioni sociali, determinate dall’appartenenza a gruppi più o meno unitari che lo rendono sensibile a tali relazioni e costantemente propenso a mantenerle mediante, appunto, processi di opinione; di qui il loro carattere sociale.

L’aspetto importante è che questi processi di opinione sono assolutamente soggettivi, ovvero variano completamente da persona a persona a seconda delle loro attitudini (sociali e profonde), delle loro credenze e aspettative, dei loro valori (in una parola, acculturazione), ma anche in base alla loro predisposizione momentanea in relazione a qualsivoglia entità o fatto preso in esame.

Ciò, a prima vista, potrebbe far intendere la questione generale come estremamente complessa: se qualsiasi fatto di opinione è, in quanto soggettivo, aleatorio, fugace, ingannevole, come si può costruire una “scienza” delle opinioni? Si può arrivare a dei principi generali sulla validità delle opinioni, per poterle comprendere e, magari, influenzarle?

E’ questo l’interrogativo fatto proprio da alcuni filoni di studio, originati a partire dall’esplosione della cosiddetta “società di massa”, che credono di poter indirizzare i flussi di opinione delle “folle”, o comunque di controllarle. Pensano dunque di poter entrare nella testa di ciascun individuo e inculcarvi le opinioni da loro proposte, dimenticandosi dell’incredibile numero di neuroni di ogni cervello umano e di concetti quali ‘filtro percettivo’ e ‘dissonanza cognitiva’.

Non è, naturalmente, una cosa pensabile. La questione, infatti, è molto meno complicata, si permea anzi di un’unica grande semplicità, quasi disarmante: essendo le opinioni, ripetiamo, qualcosa di fuggevole e transitorio (proprio perché scaturiscono da un punto di vista soggettivo), si deve semplicemente accettare il fatto che in ogni momento, per chiunque, e relativamente a qualsiasi cosa vi possono essere migliaia e migliaia di opinioni, tutte autonome, mutevoli e indipendenti le une dalle altre; o meglio, dipendenti solamente da quelle variabili di cui ogni soggetto si serve, anche inconsapevolmente, per formularle.

Ogni processo d’informazione è allora un tentativo di trasmettere un’opinione ad un recettore, di cui si vuole ottenere l’adesione tenendo conto anche (e soprattutto) dei suoi stessi fattori di acculturazione. Questa piccola-grande verità era già nota ai grandi filosofi del passato.

Platone ad esempio distingue tra la conoscenza perfetta data dalla comprensione dell’oggetto in sé, in quanto essenza, e quella imperfetta data invece dalle opinioni, con cui si può scorgere un oggetto bello o giusto, ma non la bellezza o la giustizia in sé; era già consapevole del fatto che l’atto di opinare interviene solo in uno stato di non conoscenza.

La Tecnica Sociale dell’Informazione di Francesco Fattorello fa sua questa importantissima distinzione, inficiata dagli studi precedentemente citati e in particolare dalla cultura americana del ventesimo secolo che concepisce il pubblico e la ‘massa’ (concetti di cui peraltro non riesce a dare una definizione o, peggio ancora, crede non sia importante) come un target senza scampo di fronte a tutto ciò che riceve. Fattorello asserisce infatti che il processo d’informazione non è altro che una tecnica sociale con cui un soggetto promotore informa (cioè, “da forma”) a suo modo l’oggetto della realtà su cui vuole opinare, e lo trasmette ad un soggetto recettore sul quale vuole ottenere l’adesione e che a sua volta mette in moto il suo meccanismo interpretativo.

Entrambi i soggetti hanno dunque pari dignità, nessuno dei due può assumere una qualche posizione “privilegiata” e, fatto ancora più importante, il processo si esaurisce qui, gli effetti stanno fuori e non sono nemmeno prevedibili.

Secondo una visione molto più ampia, che intravede un’analogia (certo un po’ forzata, ma significativa) con una disciplina totalmente differente, un soggettivismo estremo così postulato dei fenomeni di opinione può essere inteso alla maniera della teoria della relatività spazio-temporale di Einstein, secondo cui qualsiasi tentativo di determinare la posizione o il moto di un punto nello spazio-tempo è relativo alle generali condizioni contestuali della situazione, dunque non si può stabilire a priori. Allo stesso modo, qualsiasi processo opinante ha validità solo nel suo preciso contesto d’uso, in relazione alle persone che lo mettono in moto, e non può costituire certo una legge, se non nel senso di una predisposizione naturale che in molti casi può divenire anche collettiva e fatta propria da gruppi più o meno numerosi di individui.

Vengono a decadere in questo modo molti concetti fuorvianti figli della società del nostro tempo, quali ad esempio l’opinione pubblica, l’obiettività e la coerenza.

La prima è certamente difficile da considerare nel senso che ci tramandano i padri delle scienze politiche (opinione dominante nazionale), al massimo si può intendere come un gruppo, anche piccolissimo, polarizzato da determinati fattori di conformità in relazione a un dato evento e a un dato momento.

L’obiettività, cavallo di battaglia del giornalismo anglosassone, allo stesso modo viene a cadere: è impossibile separare i fatti dalle opinioni, perché qualsiasi fatto deve per forza essere “vestito” dall’interpretazione soggettiva di ogni individuo che lo tratta, dunque la realtà vera e propria non può in nessun modo entrare nel rapporto d’informazione.

Quanto alla coerenza, mi riferisco non già alla coerenza semantico-tematica degli enunciati, ma alla pretesa di condurre una vita intera ancorati a certe credenze o valori impermeabili agli in-put della realtà, pretesa a mio avviso assolutamente non valida.

Ogni essere umano è un’entità pensante, dovrebbe provare gusto nel vedere continuamente contraddette le proprie opinioni, e compiacersi nel cambiare prospettiva ogni qualvolta l’esperienza lo richieda. Pensare di aver già esaurito ogni capacità, o volontà, di apprendimento è un errore a dir poco grossolano. La complessità dell’esistenza è qualcosa di talmente inaudito, che l’uomo dovrebbe andare fiero della sua finitezza, poiché è tramite questa finitezza che può provare a scandagliare il campo del conoscibile, senza pregiudizio alcuno; una finitezza, insomma, che deve tendere all’illimitatezza.

Certo, tutte queste considerazioni potrebbero anche avere, se vogliamo, dei risvolti diciamo ‘filosofici’ in qualche maniera pessimistici. Prendere atto dell’irreversibile soggettività delle opinioni, dell’impossibilità di osservare gli individui dal loro interno, dell’ingannevolezza di concetti come obiettività e coerenza, potrebbe ottenere come risultato estremo una concezione nichilista secondo cui ogni individuo è irrimediabilmente solo.

Pur vivendo con gli altri suoi simili, non può accedere ai pensieri altrui e deve convivere solo con i suoi; ragion per cui si sente impotente, quasi inutile, può solo vagare con la sua individualità e cercare una convivenza con gli altri la meno problematica possibile.
Una prospettiva, questa, molto simile a quella espressa da Pirandello in “Uno, nessuno e centomila”, in cui il protagonista si sente ingabbiato in un terribile dramma interiore di fronte alle migliaia di opinioni che lo riguardano e che egli non sente come sue.

Abbandonando questa visione un po’ cupa ma certamente interessante, è ora importante dire che un simile senso di smarrimento deve trasformarsi in uno stimolo vitale, quello di cercare continuamente il dialogo con le persone attorno a noi, al fine di comprenderne le aspettative, capirne il più possibile i modi di intendere, le credenze, i valori, e basare su di essi i rapporti reciproci. L’uomo non è certo solo, vive con gli altri e in funzione degli altri, e con gli altri deve continuamente condividere qualcosa; l’essere in società è prerogativa fondamentale della sua stessa sopravvivenza.

Solo con un simile ‘scambio di acculturazioni’, che deve avvenire nella maniera più naturale possibile, si può giungere ad uno stato di comprensione e solidarietà gli uni con gli altri.

Questi due elementi, unitamente a molti altri, sono poi da utilizzare nei vari processi d’informazione, senza pretese di superiorità o persuasioni occulte di un certo tipo.

La società dell’informazione

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “CARLO BO” URBINO – Laurea Specialistica in Editoria Media Giornalismo – Elaborato per l’esame di Tecniche di Relazione – Prof. Giuseppe Ragnetti

La società dell’informazione

a cura di: Rosa Martielli

L’informazione è una manifestazione dell’associazione umana, una delle dinamiche del vivere in società. Essa è dunque, a tutti gli effetti, un fenomeno sociale che si concreta mediante una tecnica sociale in grado di agire sull’opinione altrui.

Il processo dell’informazione si concreta nel rapporto tra i due termini principali, entrambi opinanti e attivamente partecipi: il Soggetto Promotore ed il Soggetto Recettore.

Il Promotore è colui che da inizio al processo informativo prendendo l’iniziativa di interpretare e trasmettere un contenuto, mentre il Recettore è colui che riceve questo contenuto e lo reinterpreta a sua volta.

Occorre fare delle precisazioni sull’oggetto dello scambio informativo, ossia il contenuto. Il contenuto dell’informazione non è, come si potrebbe pensare, la cosa, il fatto o l’ideologia che si vuole comunicare a qualcun altro; l’evento in sé per sé indubbiamente esiste – ad esempio possiamo voler informare un amico della morte del Papa o del discorso di un leader politico – , ma non è questo che entra nel rapporto informativo tra Promotore e Recettore.

Infatti il Promotore non comunica mai l’evento in sé, bensì la rappresentazione che si è fatto di esso, la sua personale e soggettiva interpretazione.

Per dirla in altri termini, quella che viene trasmessa è la sua opinione sull’evento in questione.

L’opinione si concretizza nella forma che il Promotore le da e che raggiunge il Recettore, il quale a sua volta da inizio un’ altra fase del processo. Egli infatti, una volta ricevuto il contenuto, non si limita ad accettarlo passivamente. Al contrario lo interpreta nuovamente in base alle sue idee, ai gusti ed ai principi in cui crede; dopo di che è pronto a trasmettere la sua forma/opinione ad altri recettori.

Quando Il Recettore riceve un’opinione ha dunque quella che viene definita una “reazione d’opinione”, che è parte integrante e finalità del processo informativo.

Se quest’ultimo ha successo, si avrà un’ “adesione d’opinione” , che è ciò che si proponeva d’ottenere il Promotore nel dare il via al processo informativo.

Infatti non esiste nessun tipo di informazione pura, disinteressata, messa in atto senza alcuno scopo: il promotore di informazione ha sempre la finalità – anche inconsapevole – di ottenere un’adesione all’opinione, alla propria personale interpretazione della realtà di cui si parla.

È raro che questa adesione da parte del recettore sia totale, ma anche se parziale è pur sempre un risultato raggiunto, il segno che il processo informativo è andato a buon fine.

Un altro mito da sfatare riguarda l’esistenza di una informazione obiettiva: nel rapporto informativo non si può mai parlare di obiettività o di oggettività. Questo perché, come si è visto, tanto il Promotore quanto il Recettore sono fortemente influenzati, nel dar forma ad un contenuto, dalle proprie personalità, da interessi, gusti, idee e motivazioni strettamente personali.

Ne consegue che la distinzione che viene spesso fatta da alcune scuole di giornalismo tra i “fatti” e le “opinioni” non ha ragion d’essere: un giornalista, o chi per lui, non potrebbe mai essere neutrale ed obiettivo, nemmeno se fosse animato da tale intenzione.

Egli trasmetterà sempre la forma che ha dato a ciò che ha interpretato e con essa cercherà di rappresentare agli altri quella cosa, quell’ evento o quella ideologia.

È altresì importante che questa forma sia dotata di una carica sociale tale da riuscire a determinare un’adesione d’opinione da parte del recettore. La carica sociale dipende anche dal fattore di conformità che viene dato all’informazione, che deve essere tale da riuscire a raggiungere i recettori nel loro punto più sensibile, nei loro interessi, in altre parole deve saper colpire la loro curiosità.

Ovviamente occorrerà un’approfondita conoscenza dei recettori, dei loro gusti e delle loro aspirazioni.

Dell’analisi del recettore si occupano da tempo discipline come la Sociologia o la Statistica; il loro compito tuttavia è reso molto difficile dall’alto grado di eterogeneità dei recettori, specie quando si tratta di un gruppo molto vasto, come ad esempio il pubblico destinatario di una campagna pubblicitaria. Ricapitolando, possiamo affermare che il fenomeno sociale dell’informazione consta di due fasi: la prima inerisce al rapporto tra il Promotore e la forma che da a ciò che è oggetto di informazione; la seconda al rapporto tra il Recettore e la forma che gli è stata trasmessa (cioè alla reazione di opinione).

Dalla convergenza di queste due fasi abbiamo l’informazione, che è la risultante di un duplice processo di interpretazione: prima da parte del Promotore e poi da parte del Recettore.

Occorre inoltre specificare che questo processo è parte integrante delle dinamiche sociali e non esiste in astratto, avulso da esse.

Al contrario il singolo processo informativo è solo un insignificante anello di una catena infinita di molteplici rapporti informativi che si intersecano, si sovrappongo e si susseguono tra loro.

Esistono due forme di informazione: l’informazione contingente (detta anche pubblicistica) e l’informazione non contingente; esse si distinguono sia per le modalità con cui si attuano che per le finalità che si propongono.

L’informazione contingente ha come contenuto opinioni contingenti, momentanee e stereotipate, e si propone di ottenere un’adesione d’opinione immediata da parte dei recettori.

Per fare ciò occorre che il processo informativo sia quanto più possibile tempestivo, ossia si sfrutti al meglio il momento più adatto e conveniente affinché la notizia renda al massimo, provochi cioè la massima adesione.

Il consenso ottenuto così velocemente è però estremamente labile; ciò è dovuto in parte al fatto che è irrazionale, in parte al fatto che una miriade di informazioni contingenti bombardano l’individuo continuamente, dunque esse durano poco, vengono facilmente rettificate o sostituite.

L’informazione non contingente ha come contenuto opinioni cristallizzate e valori insiti nella società di riferimento, e si propone di ottenere una adesione lenta e graduale, ma proprio per questo razionale e duratura.

Il processo in questo caso si caratterizza per la lentezza, indispensabile affinché vi sia una totale e profonda assimilazione da parte dei recettori, che in questo caso sono perlopiù gruppi omogenei e duraturi.

L’esempio più lampante di informazione non contingente è senza dubbio il rapporto tra gli studenti e il loro maestro: un rapporto che dura negli anni e che mira alla formazione profonda e graduale di soggetti che siano poi in grado di vivere e interagire nel sistema culturale e valoriale della società d’appartenenza. Infatti, mentre ciò che si apprende mediante l’informazione pubblicistica serve solo al momento, quello che si apprende con l’informazione non contingente serve per sempre.

L’informazione non pubblicistica è l’unica in grado di realizzare una piena bilateralità nel processo di informazione: essa infatti garantisce sempre una piena, immediata e forte reazione d’opinione da parte dei recettori.

Al contrario l’informazione pubblicistica viene spesso accusata di unilateralità; questo perché gli strumenti di cui si serve prevalentemente – giornali, radio, tv, cinema, nuove tecnologie ecc. – non consentono sempre una reazione d’opinione al recettore, o se la consentono, essa è successiva al momento in cui avviene la trasmissione dell’informazione, quindi sostanzialmente inutile.

Informazione non contingente e informazione contingente contribuiscono entrambe, in misura e secondo modalità diverse, alla socializzazione ed acculturazione dell’individuo.

La prima rappresenta le fondamenta della cultura (intesa in senso sociologico): fornisce all’individuo gli schemi, i modelli di comportamento, di sentimento, di pensiero propri della società in cui vive. Trasmette cioè valori cristallizzati che durano nel tempo e tendono a voler accrescere la loro immutabilità.

La seconda offre opinioni contingenti che servono momentaneamente e vengono soppiantate da altre sempre nuove (l’elemento della novità è fondamentale per questo tipo di informazione), ma che tendono a modificare e in un certo senso aggiornare il sistema di valori ed opinioni sociali in vigore. Dunque il soggetto sociale è il prodotto di questi due tipi di informazione, mentre la cultura si tramanda e rinnova tramite di esse: si tramanda attraverso i canali non contingenti dell’educazione e dell’istruzione, si rinnova attraverso le opinioni contingenti che tendono a rinnovare il sistema culturale/valoriale e a innescare il mutamento sociale.

Detto ciò è evidente che l’influenza dell’informazione non contingente sulle coscienze è molto più durevole e profonda di quella pubblicistica.

Tuttavia, a mio parere, non bisogna dimenticare che viviamo in una società che giornalmente ci bombarda di informazioni contingenti, molte effimere, altre ripetute all’infinito; ed è proprio la continua ripetizione che porta talvolta queste opinioni a cristallizzarsi e a diventare nuovi valori sociali universalmente accettati.

Se dunque da una parte le nostre coscienze si formano in massima parte negli anni dell’adolescenza, sui libri e sui banchi di scuola, dall’altra siamo costantemente in balia di una enorme quantità di opinioni contingenti che spesso tendono a scardinare le convinzioni e i valori acquisiti negli anni.

A mio avviso può nascere un serio problema quando l’informazione non contingente tende a trasmettere valori che poi vengono quotidianamente smentiti e contraddetti dalla maggior parte delle opinioni contingenti messe in circolazione: il soggetto sociale potrebbe così vivere in una condizione schizofrenica, perennemente in bilico tra ciò che gli è stato insegnato negli anni e si è ormai radicato in lui, è ciò che gli viene giornalmente proposto dai media.

La Comunicazione di Obama

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “CARLO BO” URBINO – Editoria, Media e Giornalismo – Elaborato per l’esame di Tecniche di Relazione – Prof. Giuseppe Ragnetti

“La Comunicazione di Obama”

di Lucia Elena Vuoso

Indice

  • Introduzione: L’importanza della comunicazione politica 
  • Obama, grande maestro della comunicazione Gli elementi del successo
  • La rete di Obama

Introduzione: L’importanza della Comunicazione Politica

“Comunicare non significa solo inviare informazioni all’indirizzo di un’altra persona. Significa creare negli altri un’esperienza, coinvolgerli fin nelle viscere e questa è una abilità emotiva”. Daniel Goleman

Nella società odierna, le potenzialità dei mass-media si sono sviluppate a tal punto da poter comunicare praticamente con chiunque abbattendo ogni barriera spazio/temporale.

Saper comunicare è fondamentale per gestire le nostre relazioni, che siano di ambito sociale, culturale o politico. Il modo con cui lo facciamo determina il rapporto che si crea con “l’altro”. Quindi, al giorno d’oggi, la comunicazione è uno degli strumenti più importanti per relazionarsi col mondo esterno. La politica, che governa la società, non può non saper comunicare. Esser un buon amministratore ma non essere in grado di dirlo alla gente risulta, oggi, inutile. Si è capito quanto sia fondamentale il ruolo del comunicatore, cioè di colui che si occupi di suggerire, promuovere ed elaborare l’immagine, sviluppando relazioni tra tutti i possibili centri di informazione, assicurando il flusso di rapporti con la stampa e il pubblico finale.

Un ottimo esperto, che sia in ambito politico o meno, deve saper leggere, scrivere, osservare, parlare e far parlare, mediare e intrattenere rapporti. Deve essere in contatto coi vertici della propria “azienda” ma anche con l’esterno. Negli Stati Uniti le relazioni pubbliche rappresentano la terza industria per numero di addetti e volume di capitali mosso [fonte CNN]. Quasi il 50% degli impiegati lavora in ambito politico. In un paese in costante campagna elettorale, dove la politica smuove milioni di dollari, il saper comunicare meglio con il pubblico, interagire con esso ed ottenere la maggioranza, significa poter gestire flussi di denaro ingenti, relazionarsi con le più grandi industrie e prendere decisioni a carattere mondiale. Si evince da ciò il ruolo fondamentale ricoperto, in tutti i paesi ma in particolare negli U.S.A., dalla comunicazione politica.

Barack Obama durante la campagna elettorale

 

Obama, grande maestro della comunicazione

“C’è qualcosa che accade quando gli americani che non hanno mai partecipato alla vita politica, si sentono coinvolti, bussano alle porte degli amici, telefonano e condividono con gli altri la loro visione del paese. C’è qualcosa che accade quando le persone,  non solo votano per il partito a cui appartengono, ma anche per le speranze che hanno in comune. Il cambiamento è ciò che sta accadendo ora in Amarica” Barak Obama

Barack Obama il 44° Presidente degli Stati Uniti d’America ha vinto le elezioni grazie ad una comunicazione integrata a 360° che ha tenuto conto di tutti i media tradizionali e non convenzionali e di tutte le tecniche di visibilità e di contatto alternative e innovative. La storia è una tavolozza di colori (nero, bianco, rosso, blu) che impasta la diversità, tritura il luogo comune, miscela ieri, oggi e domani. Aggiunge, toglie, rimette, ritoglie. La pelle è quasi un dettaglio, perché il primo nero alla Casa Bianca è una leggenda che non si può banalizzare con una tinta. È la sfumatura che diventa dominante.

Barack si sente il futuro. Parla al plurale: «Yes we can». Chi è? Che vuole? Che fa? Dove va? Ora non c’è un centimetro quadrato del pianeta che non sappia chi sia. Barack il seduttore della folla, l’adescatore di voti: negli ultimi 22 mesi ha detto più una sua smorfia che l’intero discorso di qualcun altro. Ha le chiavi della storia in tasca. Lui trasmette futuro, per qualcuno speranza, per altri sogni. Per qualcun altro terrore, certo. E poi ansia, incertezza, inadeguatezza. Diversità, anche.

Obama è piaciuto all’America: perché sa parlare, perché cancella una generazione che forse ha fallito troppe volte, perché lo si ascolta e gli si crede. Non si sa se ce la farà, però se non lo si mette alla prova non si scoprirà mai. Allora ispira. Affascina, colpisce, prega, piange. E’ umano. Uno che fumava, che ha provato la cocaina, che sbaglia, uno che non vuole dare l’impressione di essere perfetto.

L’hanno chiamato il Kennedy nero, con quel paragone ingombrante che deve sopportare ogni candidato democratico che non sia un Clinton. Lui ringrazia, poi però all’ultimo giro tira fuori uno spot che sembra uscito dalla campagna di Reagan, qualcosa tipo: «Ehi America, siamo nei guai. Però possiamo farcela». È l’ottimismo. È la consapevolezza delle radici di un sogno. Si ispira a Lincoln, allora. Springfield è stata la città da dove ha annunciato la corsa verso la Casa Bianca. A Springfield finì la schiavitù negli Stati Uniti d’America: il primo afroamericano presidente non è uno che trascura i dettagli. All’inizio e alla fine. Perché l’ultimo discorso arriva a Manassas, in Virginia, dove 146 anni fa i Sudisti ottennero le loro più famose vittorie nella Guerra Civile. Due battaglie che per la storia oggi sono le peggiori sconfitte per i diritti dei neri d’America. Simboli. Obama sa. Obama è un messaggio perenne, come se voglia ripetere il suo mantra: «Se io nero, vengo qui, dove i neri furono massacrati, lo faccio perché questo Paese deve superare le diversità. E può farlo». Yes we can, sempre. Comunque.

Obama è un sognatore pragmatico, cioè un ossimoro nella vita, ma non nella politica. Toglie la giacca, arrotola le maniche della camicia, non urla, non insulta, non si agita: si siede su uno sgabello e comincia. Qui c’è il romanzo dell’America che comincia dal basso e può arrivare in alto. Comincia da un immigrato del Kenya che conosce una giovane bianca del Kansas, se ne innamora e la sposa. Comincia il 4 agosto del 1961, al Queen’s Medical Center di Honolulu, Hawaii, dove la madre si trasferisce per stare con i genitori. Comincia dal nome: Barack Hussein Obama Junior. Il sogno di Obama non è sola retorica: è la storia di un Paese che accoglie, accetta, alleva i suoi figli.

Barack è andato e tornato: ha vissuto in Indonesia, a Giakarta. È rientrato per stare alle Hawaii coi nonni materni. È partito di nuovo per l’università: s’è laureato a New York, alla Columbia University. Poi Harvard, la specializzazione in legge. Il sogno americano è ancora questo: è la possibilità perenne di un riscatto o di una chance. Gli Stati Uniti l’hanno scoperto a Boston, durante la Convention del 2004. Lo staff di John Kerry scelse Barack per il discorso più importante, perché aveva bisogno di un afroamericano. Obama non era nessuno. Si presentò sul palco: «Siamo qui per il nostro futuro. Perché dobbiamo smetterla di pensare che un ragazzo nero con dei libri in mano è solo uno che imita un bianco».

Obama sa ascoltare e sa parlare. E sa anche comunicare benissimo.

E’ un volto, un sorriso, una battuta, una voce. E trasmette messaggi concreti. Speranza, possibilità, vigore, ottimismo, evoluzione, innovazione. Obama ha sfruttato il momento, la popolarità, il politicamente corretto, una campagna perfetta fatta di slogan perfetti: «Yes we can», poi «Change». Domani, domani, domani. L’audacia della speranza. Ha avuto il grande appoggio dei media internazionali e nazionali: tv e grandi giornali si sono innamorati di lui e della sua storia da vincente che ci ha sempre e comunque provato. E’ la concretizzazione dell’American dream.

Già nel giugno del 2007 si è preparato ad un cambio strategico nella sua campagna che, fino ad allora, si era concentrata in misura preponderante sulle attività grassroot: ha lanciato, infatti, i primi spot televisivi nello stato dell’Iowa che è stato il primo a votare nelle primarie 2008. Negli Stati Uniti la televisione è, ormai, il campo di battaglia principale delle elezioni presidenziali e gli spot televisivi rappresentano l’arma centrale, oltre che più costosa, a disposizione dei manager della campagna. Essendo la televisione diventata la fonte predominante di informazione politica, ecco che anche gli spot televisivi rappresentano un’importante fonte di informazione sia sul candidato che sui temi fondamentali della sua campagna.

Il primo spot, della durata di 60 secondi, era intitolato “Choices” (scelte) ed era incentrato sulla scelta che Obama fece dopo la laurea in legge ad Harvard di non accettare le vantaggiose offerte economiche da parte di studi legali per andare a Chicago ed impegnarsi come “community organizer”. Il docente di Harvard descrive la scelta di Obama come “ispiratrice”: la decisione di un individuo brillante che, invece di puntare verso Wall Street, ha scelto di “mettere il suo talento e le sue conoscenze al servizio della comunità e della qualità della vita delle persone che ne fanno parte”.

Il secondo spot, della durata di 30 secondi, si intitolava “Carry” e descriveva il lavoro legislativo svolto da Obama, nello stato dell’Illinois, per estendere l’assistenza verso i bambini e la copertura sanitaria e per tagli alla tassazione dei “working poor”; lo scopo è anche quello di evidenziare la capacità di ottenere accordi bipartisan.

La scelta di Obama ha seguito, in ordine cronologico, quella di Bill Richardson (democratico) e Mitt Romney (repubblicano) che hanno visto crescere i consensi nei sondaggi elettorali dopo la trasmissione dei loro primi spot televisivi. Quella del 2008 era annunciata, come una campagna con un investimento senza precedenti negli spot televisivi ed anche Obama ha fatto la sua parte. I due spot televisivi del candidato democratico sono stati anticipati da una intensa campagna di mailing che ha incluso anche la distribuzione di un dvd contenente la biografia di Obama.

La fortuna e il forte utilizzo degli spot televisivi sono dovuti al fatto che sono in grado di far diventare rapidamente noto un nuovo candidato, di raggiungere elettori che difficilmente seguirebbero trasmissioni di informazione politica e di tematizzare la campagna. Così anche Obama ha deciso di puntare sugli elettori che difficilmente riuscirebbe a contattare attraverso le classiche attività di campagna elettorale sul territorio. E lo ha fatto seguendo il manuale, cioè attraverso due spot di tipo “identification” che hanno la funzione di far conoscere il candidato evidenziando caratteristiche biografiche, enfatizzando alcuni momenti della storia personale o ricorrendo a testimonial famosi.

Il candidato democratico ha scelto di ricorrere a due testimonial per enfatizzare caratteristiche biografiche e della storia personale che evidenziano lati del carattere, priorità e modo di operare come esponente politico: il senatore repubblicano Kirk Dillard che ha lavorato con Obama in Illinois (e che sostiene la candidatura di John McCain) e il docente di legge dell’Università di Harvard, Laurence Tribe.

Negli ultimi giorni di campagna elettorale Barack Obama ha speso tre volte di più del suo rivale John McCain. A segnalarlo è uno studio della Università del Wisconsin, secondo il quale il senatore dell’Illinois ha speso 21,5 milioni di dollari in spot televisivi fra il 21 e il 28 ottobre, mentre il candidato repubblicano ne ha investiti solo 7,5 milioni. Obama, il cui budget pubblicitario complessivo potrebbe superare i 100 milioni di dollari battendo ogni record negli Stati Uniti, ha speso oltre il 70% del totale negli Stati dove nel 2004 vinse il presidente George W. Bush.

Ed il gran finale: “Spot a reti unificate”.

Per una volta la pubblicità non fa cambiare canale, anzi. Il megaspot da mezz’ora andato in onda il 29 ottobre su tre grandi network americani, Cbs, Nbc e Fox, ha alzato la media degli ascolti stagionali per un mercoledì sera. Il messaggio promozionale di Obama è stato seguito da 26,3 milioni di persone. Lo rivelano i primi dati sugli ascolti diffusi da Nielsen, che non tiene conto degli ascolti sui canali via cavo, Msnbc, Univision, Bet e Tv One, che pure hanno mandato in onda lo spot. Su Nbc il messaggio di Obama ha raggiunto 9,8 milioni di spettatori, su Cbs 8,6 e sulla repubblicana Fox 7,9 milioni. In media si tratta di un incremento del 13 per cento rispetto agli ascolti della normale programmazione in quella fascia oraria a metà settimana. Abc, l’unico dei network a non mandare in onda lo spot, è comunque arrivata quarta, con la fiction “Pushing Daisies”, che ha fatto 6,8 milioni di spettatori, il 16% per cento in più rispetto alla settimana precedente ma non certo il risultato sperato dall’emittente di Disney.

Obama ha sgretolato il record di ascolti di Ross Perot, il miliardario che nel 1992 si candidò come indipendente alle presidenziali. Perot acquistò spazi pubblicitari in prima serata sui grandi network e tenne una serie di 11 lezioni di economia agli americani per promuovere la sua ricetta di taglio del debito. In media raggiunse 11 milioni di americani, con un picco di 16 milioni.
Barack ha fatto meglio! E’ entrato nelle case degli americani ed ora anche nella storia, anzi nella leggenda con una campagna perfetta, con una comunicazione vincente.

Gli elementi del successo

A prescindere dalla propria visione politica non si può mettere in dubbio che l’elezione di Barack Obama a presidente degli Stati Uniti d’America sia un fatto storico non solo per le dimensioni della vittoria, ma specialmente per gli strumenti di comunicazione che hanno permesso ad un uomo quasi sconosciuto, di trionfare prima contro la donna più famosa d’America ed in seguito su uno degli uomini americani più apprezzati per le grandi imprese eroiche. Il messaggio di Obama è stato diffuso principalmente fra i vari social network e le tante community mondiali e soprattutto attraverso le e-mail con cui il neo presidente americano ha inviato comunicazioni puntuali, coinvolgenti ed empatiche dimostrando una netta e concreta volontà di cambiamento. L’e-mail marketing di Obama è stato la guida del suo successo e solo cinque sono statigli elementi che lo hanno caratterizzato. 

Contenuti: Barack Obama nelle e-mail ha utilizzato messaggi semplici veicolati non da infinite dissertazioni politiche o morali, ma da frasi brevi, puntuali, efficaci. Nei contenuti e nelle idee si è esposto personalmente ed è apparso come il compagno di viaggio di milioni di individui che affollano la rete, instaurando con loro un amichevole dialogo assai lontano dalle impostate e formali campagne elettorali.

Innovazione: non sono politica, ma anche tecnologica che ha fatto apparire il suo avversario come un cavernicolo troppo ancorato ai vecchi canali di comunicazione. Obama si è presentato come un concreto innovatore capace di interpretare le sfide tecnologiche e di valorizzare la modernità.      

Immediatezza: Per tutta la campagna elettorale Barack Obama ha inviato mensilmente a ciascun elettore una ventina di e-mail personalizzate informando gli americani su tutti gli aspetti della campagna elettorale e dimostrando trasparenza e volontà di condivisione. Esattamente tre minuti dopo l’ufficializzazione della sua vittoria, tutti gli iscritti alla newsletter hanno ricevuto un’e-mail di ringraziamento: ogni elettore si è sentito realmente protagonista dell’evento storico. L’e-mail marketing di Obama ha raggiunto immediatamente tutti, ha reso tutti protagonisti, ha valorizzato i singoli, ha reso determinanti le scelte di ciascuno. “Hai fatto la storia. Tutto questo è accaduto per merito tuo”, ha scritto Obama. 

Semplicità: mentre gli avversari hanno studiato infinite strategie e molteplici frasi ad effetto. Il neo presidente si è basato su due affermazioni semplici e significative, comprensibili da chiunque “Change” e “Yes, we can”. Affermazioni dirette e non artefatte, semplici e incisive, empatiche e coinvolgenti.

La rete di Obama

La comunicazione di Obama è già un culto, un mito, un modello da imitare e da studiare. Proprio per questo motivo in molte università italiane e sono nati nuovi corsi che hanno come perno principale le strategie di Barak Obama. A tal proposito lo scorso dicembre, a Roma, ISIMM e Università Roma Tre hanno promosso una giornata di lavoro per analizzare la comunicazione elettorale di Barack Obama nel suo rapporto con la rete e, più in generale, con i media digitali.  

Non vi è dubbio che uno dei fattori del successo di Obama è stato il suo rapporto privilegiato con la Rete, la sua cultura e le sue tecnologie sociali. Anche per questo tramite il giovane senatore afroamericano dell’Illinois, grazie alla sua immedesimazione nell’immaginario delle Reti e in virtù della sua capacità di stabilire con esse un rapporto diretto e attivo, è stato in grado di costituire e mobilitare network e comunità in modo orizzontale, partecipativo e spontaneo, e di animare intorno alla sua figura un’effervescenza e un virtuoso intreccio di comunicazioni e di relazioni che lo hanno trasformato da outsider in vincente. Attorno a questo tema hanno discusso con il presidente di ISIMM, Enrico Manca, dirigenti di imprese di comunicazione (Lorenzo Pupillo di Telecom Italia, David Bogi di Mediaset, Paolo Tacconi di Microsoft, insieme agli studenti e a un nutrito gruppo di studiosi e docenti: Alberto Abruzzese, Sebastiano Bagnara, Sara Bentivegna, Francesco Cardarelli, Gian Piero Jacobelli, Paolo Mancini, Vincenzo Susca. A fare gli onori di casa, per Roma Tre, Gianpiero Gamaleri, Edoardo Novelli, Vincenzo Zeno-Zencovich.

Non tutte le opinioni coincidevano ma l’impressione di tutti i presenti è stata quella, piuttosto piacevole, di avere tematizzato in maniera efficace le novità di Obama, andando oltre i primi commenti a caldo.  

Non c’è dubbio intanto che l’uso intelligente e consapevole delle Reti, degli “sms di massa” e delle varie forme di espressione del Web 2.0. e costituisce una forte innovazione

nell’organizzazione della politica e del consenso, ma che tuttavia non sarebbe stato sufficiente senza una proposta politica innovativa che ha trovato nella crisi economica americana e nei timori molto diffusi nella popolazione un momento di coagulo. La vecchia massima, per cui la pubblicità non funziona se il prodotto non risponde a standard di qualità largamente accettati, mantiene qui tutta la sua validità.  

Il prodotto che è stato “venduto” con successo è un candidato alle elezioni, non un mandato presidenziale. Nonostante molti precedenti parziali, Obama è sicuramente il primo candidato vincente che è espressione delle culture digitali, un candidate.com; ma è presto per dire se sarà anche un president.com. Le reti che egli ha attivato, in un intreccio peculiare tra contatti faccia a faccia tra i suoi attivisti ed elettori e le forme di mobilitazione a distanza, hanno diffuso le issues e le policies della sua campagna. Altra cosa, che non è mai stata tentata, è svolgere il mandato presidenziale mantenendo un costante flusso interattivo con un ampio strato di sostenitori attivi, prevalentemente amministrato attraverso reti digitali. Vedremo se Obama vorrà farlo, e se sarà possibile curvare su questi nuovi obiettivi la novità di queste reti intanto stabilite.  

Di reti si è parlato sempre al plurale. Non c’è solo Internet, c’è un uso straordinario degli SMS, c’è Facebook, c’è l’idea che all’attivista va fornito un kit c’è l’idea che all’attivista va fornito un kit di strumenti di intervento con cui potranno organizzarsi riunioni fra vicini, negli immensi suburbi delle città americane, rivitalizzando strumenti della comunicazione politica novecentesca e anche le catene di di Sant’Antonio, e riuscendo a raccogliere una quantità immensa di denaro non con i soliti pranzi elettorali a pagamento per Vip ma attraverso versamenti minuscoli di milioni di persone, in gran parte effettuati in rete. E poi c’è quello che Obama è riuscito a evitare: la comunicazione farraginosa di Hillary Clinton, o i tristi comizi virtuali in Second Life durante le presidenziali francesi di appena un anno fa. Ha dunque qualche senso affermare (quante volte l’abbiamo letto sui giornali) che Franklin Delano Roosevelt è stato il presidente della radio, John Kennedy della televisione e Obama di Internet, ma molti distinguo sono necessari. Kennedy si rivolgeva per televisione alla grande platea dei cittadini, invitandoli a votare per lui anche grazie al fascino personale. Obama usa le reti in modo interattivo, a due vie, e per giunta si fonda sulle loro grandi capacità di replicazione, per produrre attivismo elettorale. E’ stato notato che in qualche misura Obama ha ripercorso in linguaggio digitale vecchie forme di militanza politica (proselitismo, sottoscrizione ecc.) che la televisione, e la politica-spettacolo, sembravano aver mandato in soffitta. Forse in un futuro i cinquant’anni della tv (il duello Nixon-Kennedy era del 1960) ci appariranno un periodo in cui una politica “spettatoriale” aveva preso il posto di quella agita attraverso la partecipazione diretta. Un periodo definitivamente chiuso da nuove forme di mobilitazione mediate dalle reti.

Di seguito alcuni degli interventi più importanti e significativi per comprendere appieno la rete di Obama.

Enrico Manca

Il coinvolgimento messo in atto da Barack Obama è stato totale ed è riuscito ad abbracciare i due estremi della società americana: dalla classe creativa a quella degli emarginati. Inoltre ha saputo integrare l’utilizzo dei vecchi e dei nuovi media.I nuovi media sono sempre stati cruciali per l’elezione del presidente USA. Jefferson = Quotidiani; Roosvelt = Radio; Kennedy = Tv; Obama = Internet. Già nel 2000 Howard Dean aveva puntato su internet ma il suo caso fallimentare è l’esemplificazione del fatto che l’uso, seppure sapiente, di internet da solo non basta per arrivare alla Casa Bianca. Obama è web-compatibile perché web-generato. I social network hanno dato forma alle sue idee, hanno realizzato una rete organizzata di sostenitori e una rete forte per la raccolta fondi. Obama fa sperare in un ritorno della politica alta, della politica del consenso – attraverso una cultura di massa non massificata.

Di Chio

Nell’era della new economy la parola chiave è innovare, e la gioventù è un valore. Obama è un outsider non è un leader storico, non fa parte dell’”aristocrazia” del partito, né è stato scelto per “selezione dinastica”. Ha fondato il suo successo politico non sull’anzianità della militanza. Obama non rappresenta il partito democratico, Obama è la sua storia personale.

Se Internet nella sua prima fase aveva una funzione destruens, rispetto ai linguaggi e ai formati della vecchia comunicazione, l’internet del web 2.0 è passato alla fase construens (con l’affermazione delle social communities). Nuova modalità di comunicare la politica, nuova proposta politica, un nuovo coinvolgimento. Il messaggio della vittoria di Obama è di portata epocale e deve far riflettere la classe politica e chi si occupa di comunicazione. Stanno cambiando le logiche in politica e nel mercato. Il Web 2.0 e lo user generated content è un fenomeno che potrebbe sovvertire i vecchi assetti.

Paolo Annunziato

Due riflessioni principali:

  1. l’uso che Obama ha fatto e farà delle nuove tecnologie;
  2. la concezione che Obama ha della rete (e le implicazioni di policy).

Per dirla con McLuhan, se internet è stato il mezzo, “cambiamento” è stato il messaggio.

Obama ha saputo trasformare i suoi sostenitori da volontari passivi a empowered organizer, spingendo sul right-brain, la parte emotiva dell’elettore. Ha potuto fare questo grazie ad una field operation,  il suo sito infatti è in realtà un sito di social networking. Obama ha capitalizzato questa “fortuna” di risorse umane e ora può contare su una rete di milioni di contatti per testare le sue proposte. L’uso innovativo delle nuove tecnologie è stato a 360°, prevedendo anche lo sviluppo di apposite applicazioni dell’iPhone e dell’X-box e di tecniche di localizzazione mobile.

Paolo Tacconi

La rete e la politica hanno due cose in comune:

  1. l’impossibilità di separare il cuore e la ragione
  2. la dimensione di flusso

Internet è un insieme di dati è quindi un enorme strumento per la politica: è fondamentale per la targettizzazione del pubblico. Internet interagisce con i cambiamenti all’interno dell’opinione pubblica.

Alberto Abruzzese 

La vittoria di Obama ci fa riflettere sul futuro dell’Occidente.

Obama è la grande chimera del nuovo mondo, è il mondo occidentale che si esprime in modi diversi. Se Bush era l’espressione della hardware; Obama, dobbiamo riconoscere, è l’espressione della software. Internet ha permesso a Obama di costruire la sua innovazione, di costruire il simulacro.

E’ la terza fase dei presidenti americani. Se Kennedy rappresenta il simulacro del presidente che porta la felicità nel mondo, Reagan incarnava il modello del politico/attore, il simulacro del presidente che recita la grande scena della sovranità americana. Obama ora porta con se una nuova narrazione: il dolore incarnato dal presidente, il nero che ha sofferto. Il prossimo potrebbe essere una donna, che è l’altro esempio di corpo sofferente. Si è passati, quindi, dalle grandi astrazioni (massa), alla sofferenza di un singolo uomo (la carne). Il sorriso di Obama ricorda il sorriso del Joker, un uomo che siccome ha sofferto in passato, ora gioca il ruolo del potere.

Sebastiano Bagnara

Per il finanziamento delle campagne ha usato lo stesso metodo, teorizzato da Chris Anderson nella teoria della Coda Lunga, raccogliere anche il più piccolo obolo se il costo della raccolta è minore del guadagno che ne ricavi. Il rapporto tra Obama e la rete non è tecnico, ma antropologico.

Obama parla ai così detti nativi digitali, che hanno, tra l’altro, una diversa concezione dell’amicizia – la cosiddetta enlarged friendship – puoi sentirti parte di un processo anche se sei distante nello spazio e nel tempo, perché ti senti comunque vicino emozionalmente.

I nativi digitali ai quali lui parla sono il simbolo della peer2peer education: le conoscenze non vengono trasmesse come a scuola, ma vengono condivise con gli altri, il che porta ad una diversa costruzione dell’identità.

Nella frase “Yes we can” la dimensione del “noi” è fondamentale per la tenuta di quello slogan. Essere legato agli altri vuol dire che tutto quello che produci lo condividi, è il concetto del creative commons (forse anche per questo lo stesso slogan italianizzato nel “si può fare” non ha funzionato, usa la forma impersonale che non porta vicinanza emotiva).

Sara Bentivegna

Obama ha saputo fare un uso sapiente di sms e mail.

E’ stato tempestivo e personalizzato, come ad esempio quando ha comunicato il ticket con Joe Biden. L’apice è stato raggiunto il 5 novembre all’1.00 quando ha mandato a tutti i suoi sostenitori il messaggio via mail prima di andare a Grant Park per tenere il comizio conclusivo. Ciò denota una grandissima attenzione da parte della sua squadra nell’utilizzo di Internet fin nei minimi dettagli. C’è un’identificazione totale di Obama in Internet, a tal punto che si è parlato di una Facebook Administration. Obama ha utilizzato la rete per creare un individualismo reticolare organizzato: aveva a disposizione un database degli elettori incredibile che ha sputo utilizzare in maniera molto intelligente. Ha prima predisposto una mappatura dei militanti per il porta a porta, dopodiché ha stilato un manuale online per il porta a porta sui modelli di conversazione possibili, fino ad arrivare all’Houdini project: i militanti fuori dai seggi mandavano via sms i nomi degli elettori in fila per espungerli dalla lista e mandavano a chiamare quelli che non si erano ancora presentati (Get-out-the-vote operation).

Gianpiero Gamaleri

Obama ha utilizzato molto la forza del passaparola e dei rapporti interpersonali.

Obama dava per scontata la conoscenza del suo messaggio nelle mail che manda ai suoi sostenitori, costruisce così un rapporto confidenziale con i suoi. Da questo momento avremo non solo dei leader che usano Internet, ma che vengono selezionati da Internet, ciò darà vita a un nuovo tipo di leadership.

Gianpiero Jacobelli

La vera novità non è l’uso di internet, ma l’uso innovativo di internet, un uso a cavallo tra le diverse realtà reale/virtuale. I social network sono stati utilizzati non solo come struttura comunicativa, ma come struttura di mobilitazione. Talbot ha fatto un’inchiesta sul settore “reti” della comunicazione di Obama e sono venute fuori 3 cose:

  1. Non si parla di rete ma di reti (informatiche, telefoniche, postali…) il che da l’idea della complessità della sua azione (la campagna di Dean fu fallimentare perché puntò tutto sul fundraising senza farcirlo di passione ed emotività)
  2. Nessuna delle iniziative in rete si è lì esaurita, ma aveva sempre un prosieguo nella vita reale. Il doppio corpo della rete veniva fuori nella capacità di responsabilizzarsi nella vita reale rispetto a ciò a cui si aveva aderito online.
  3. Siamo in attesa di una verifica potenziale dei fatti, che è poi il punto critico. La rete è in grado di divulgare delle speranze, ma non è in grado di dare una risposta. Per ora non c’è stata novità nel  comportamento politico.
    Adesso aspettiamo Obama al varco, per capire se sarà in gardo di dare consistenza al fascino delle sue promesse.

Edoardo Novelli

Le funzioni che ha assunto la rete in questa campagna elettorale sono esattamente le stesse utilizzate dalla vecchia politica. I social network hanno preso il posto della vecchia militanza e hanno organizzato il porta a porta esattamente come si faceva ai tempi del Pci. E anche l’Houdini project ricordato prima dalla Bentivegna non è nient’altro che la versione moderna delle vecchie staffette organizzate dal Pci.Obama ha saputo, come nelle vecchie organizzazioni politiche, creare un’appartenenza e una struttura organizzativa gerarchica. Tutto ciò negli anni passati (dai ’60 a oggi) è stato assorbito dalla Tv, ora si è finalmente a tornati alla vecchia politica, solo con l’utilizzo di nuovi mezzi. Internet agisce sui comportamenti: ti fa uscire a fare il porta a porta, ti fa donare fisicamente del denaro.

Vincenzo Susca

William Gibson nel 1982 inventò il termine cyberspazio e la sua definizione: “un’allucinazione vissuta consensualmente”: Obama ha incarnato il principio del cyberspazio.Per dirla con De Kerkove non si parla più di tecnologia ma di tecnomagia.

Obama emette un impulso tecnomagico che porta ad una partecipazione mistica; I sensi e l’aspetto cognitivo sono attivati. E’ lo scarto comunicativo che tira fuori il massimo della partecipazione cognitiva ed emotivo-emozionale. Con le nuove tecnologie possiamo assistere ad un ritorno del totem. Nel sistema totemistico (mix tra religione, credenze e magia) c’è un forte carico estatico, nel quale però si sceglie in maniera consapevole di essere coinvolti. La comunicazione in rete è molto diversa dalla propaganda. Le Reti, infatti, non si accontentano di elaborare un programma o un messaggio. Ogni epoca storica è contraddistinta da un cuore comunicativo, il cuore dell’industria culturale oggi è nella Rete. La Rete può costruire un modello di politica che ancora non abbiamo conosciuto.

Due diversi Universi

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “CARLO BO” URBINO – Corso di Laurea specialistica in Editoria Media Giornalismo – Tecniche di relazione – Prof. Giuseppe Ragnetti

“Due diversi Universi”

a cura di Silvia Martinelli

L’amore è un sentimento. Che cos’è un sentimento? È un processo molto difficile da spiegare che include noi stessi, l’uomo che scegliamo come nostro partner  e tutto un insieme di esperienze vissute che hanno inevitabilmente segnato il nostro essere,  il modo in cui ci rapportiamo agli altri e in questo specifico caso all’uomo che ci sta di fronte. Parlo di uomo perché sono una donna appunto, ma non mancherò di spiegare anche il punto di vista dell’uomo.  Anche l’amore è comunicazione, anzi lo è principalmente  e come ben sappiamo noi studenti di EMG, parlando di comunicazione non possiamo prescindere dall’interlocutore e dal suo punto di vista.

Questa è un’analisi del rapporto uomo/donna partendo da un nuovo presupposto. Nuovo presupposto che sto cercando di fare mio. Dopo aver seguito le lezioni del professor Ragnetti ho preso in considerazione un libro che il suddetto professore ci ha consigliato di leggere a lezione. Questo libro ha un titolo strano che mi è parso subito illuminante. Si, infatti è proprio di illuminazione che vorrei parlare. Il libro è di uno psicoterapeuta americano specializzato nei rapporti di coppia, il suo nome è John Gray. Ha scritto del 1991 il libro ”Gli uomini vengono da marte, le donne da venere”.

Penso che il fulcro delle nostre lezioni sia stato quello di rivedere il nostro modo di comunicare, pensando principalmente ad esprimerci prendendo in considerazione chi ci troviamo di fronte, ovvero il nostro interlocutore. Questo perché la socializzazione e l’acculturazione della persona a cui noi parliamo o che stiamo ascoltando è importante, senonchè fondamentale per arrivare dove vogliamo e per far capire con esattezza il nostro messaggio. Se infatti ci esprimiamo nello stesso identico modo sia quando parliamo con delle persone istruite, che quando siamo a contatto con gente che pur non avendo assolutamente niente in meno rispetto agli eruditi,  semplicemente non conosce delle nozioni, rischiamo di risultare incomprensibili, noiosi e poco efficaci.

Questo modo di comportarmi per me è abbastanza normale, diciamo innato. Non dico questo per presunzione di essere una brava comunicatrice perché in alcuni ambiti so perfettamente di peccare e non poco. Lo dico solo per esperienza personale. Vivo in una zona in cui la maggior parte dei ragazzi non continuano gli studi dopo le scuole superiori, spesso anche dopo la scuole medie. Questo perché nella zona di Pesaro-Urbino il lavoro da operaio abbonda e si sa, il ragazzino ha voglia di essere indipendente economicamente, se poi non ha una famiglia alle spalle che da importanza allo studio, è facile che prenda questa strada. Ho tantissimi amici “ignoranti”, uso questa parola non in senso dispregiativo, ma seguendone l’etimologia. I miei amici, se mi sentono parlare di quello che faccio all’università a malapena capiscono cosa studio, sarebbe quindi irrispettoso e sgarbato nei loro confronti parlarne solo per far vedere che ho più conoscenze di loro. Sono ignoranti, non stupidi dunque lo sanno già  e non c’è bisogno di mettersi in mostra.

Dunque importantissimo sapere con chi si sta parlando, cosa fa nelle vita, dove vive, quali sono le sue aspirazione e le sue conoscenze. Insomma partendo dal background di acculturazione di una persona si cerca di comunicare con lui in modo corretto,  andando a cercare quello che vuole sentirsi dire, ma più che altro come vuole sentirselo dire.

Fin qui niente di difficile, mi sono quasi sempre giostrata bene, il problema arriva quando devi comunicare con la persona che ami. Si comincia a entrare in contatto con tantissimi problemi che durante una relazione, (questo prima di leggere il libro di gray),  diventano insormontabili fino a farti quasi rinunciare a sperare che un giorno potreste andare d’accordo.

Il punto è che uomini e donne sono veramente diversi. Non è ne una leggenda, ne una frase fatta, ma pura realtà.

Prima della relazione che sto vivendo ora, non me ne ero ancora resa conto, questo perché ho sempre incontrato degli uomini con spiccate caratteristiche femminili, ed è per questo che ci andavo d’accordo senza problemi.

Il punto è proprio questo, ci andavo troppo d’accordo, come si sta con un’amica o un fratello, quindi senza alti e bassi, senza incomprensioni che diventano inspiegabili e senza nessuno di questi enormi problemi in cui mi trovo a spalleggiare quotidianamente.

L’uomo di cui parlo è un vero uomo. Non nel senso che è virile o aggettivi simili, dico questo perché presenta tutte le caratteristiche e i modi di fare elencati e spiegati nel libro di Gray. Dunque è un uomo che va considerato come tale e come tale va capito, interpretato e “trattato”.

Un altro mondo che si combacia solo se ne capiamo le differenze e applichiamo le nuove conoscenze apprese. Io sono una donna e come tale anche io ho delle mie caratteristiche peculiari che si discostano dalle sue. Il problema è che da profana non potevo neanche immaginare che il mio modo di vedere e fare le cose era tutto quello che in realtà non andava fatto. Mi sono comportata fino ad adesso seguendo la mia natura e facendo quello che per me era naturale. Ho dato quello che volevo ricevere e in cambio non ho ricevuto nulla. E’una situazione questa abbastanza frustrante, ci ritroviamo a comportarci nel modo giusto per noi, ma vediamo che nonostante le attenzione che diamo, queste non sono recepite come tali. Il mio modo di essere premurosa e il mio esprimere i sentimenti rendeva le cose solo più difficili.

Abbiamo una diversa essenza, dunque prima ce ne rendiamo conto e prima riusciremo ad avere una relazione sentimentale sana e soddisfacente.

Il punto da cui parte lo scrittore è proprio questo. Gray lo spiega in modo molto chiaro presentando i due generi: quello maschile e quello femminile come provenienti da due mondi diversi, in cui si pensa, ci si comporta e ci si aiuta in modo differente.   I marziani e le venusiane prima di incontrarsi vivevano divisi gli uni su marte le altre su venere.

Le venusiane sono dedite alla comunicazione, sono proprio le relazioni interpersonali a renderle piene e a farle considerare importanti. Le donne parlano per parlare, per conoscersi meglio, per entrare interiormente in contatto tra di loro e con loro stesse. I loro rapporti sono basati sull’aiuto reciproco, sull’amore e sul consigliarsi a vicenda. Il consiglio è fondamentale come sono fondamentali gli scambi comunicativi per riprendersi quando si è turbate da un qualsiasi problema.

Qui il punto fondamentale per comprendere una donna: la donna ha bisogno di essere ascoltata con affetto, comprensione e dedizione. Non ha bisogno di soluzioni pratiche, non parla perché vuole arrivare al punto della questione, ne perché  vuole risolvere il problema. Parla perché vuole essere capita e se viene capita si potrà sentire amata e protetta. La donna ha quindi bisogno di essere ascoltata, questo bisogno se soddisfatto fa crescere l’intimità nella coppia, ma non ha niente a che vedere con la risoluzione del problema ipotetico di cui sta parlando. 

L’orgoglio personale di una donna è proprio questo: dimostrare attenzione ai sentimenti, desideri e necessità altrui.

L’uomo su marte vive invece secondo dei principi totalmente diversi.

I marziani hanno come obiettivi: il potere, la competenza, l’efficienza e danno molto rilievo ai risultati ottenuti. Questi risultati però devono sempre essere raggiunti esclusivamente tramite le proprie forze. Gli uomini hanno tutto un altro modo di relazionarsi tra di loro. Essi non parlano per scoprirsi interiormente o per accrescere l’intimità, loro parlano solo per scambiarsi informazioni o per trovare la risoluzione razionale ad un problema.

Essi vedono il parlare come qualcosa di materialmente utile, non superfluo. Non danno consigli ma soluzioni. Non capiscono assolutamente l’arte del consigliare e non gli è congeniale per niente.

Il primo grande problema parte da questa differenza fondamentale. Ad una donna piace parlare con il proprio uomo. Le piace raccontargli tutto, le cose importanti e quelle superflue, ma non lo fa con un fine preciso, lo fa così. L’uomo dal suo punto di vista vede questo comportamento come una richiesta di soluzione che lei si aspetta da lui. Quando lui, interpretando male lei, offre la soluzione la donna ci rimane male perché non è quello di cui lei ha bisogno.

Il problema contrario, relativo alla cattiva interpretazione delle venusiane, è che per l’uomo un consiglio non richiesto è un insulto supremo. Infatti su marte l’uso dei consigli è sconosciuto. L’uomo fa sempre tutto da solo. Questo è un imperativo categorico.

 La donna cerca di aiutarlo secondo la propria natura, ma così facendo ferisce l’uomo, che si sente non accettato per quello che è e non stimato. Quando una donna ama un uomo, le viene spontaneo cercare di aiutarlo quando percepisce delle difficoltà o dei turbamenti in lui, ma sbaglia enormemente.

Non comprendendo a vicenda questo primo ostacolo si cominciano a fraintendere vari comportamenti.

 Gli uomini e le donne reagiscono allo stress in maniera diversissima. Per stress intendo un qualsiasi problema, o un insieme di situazione che ci turbano.

Anche in questo caso ignorando le differenze strutturali dell’uno e dell’altro genere rischiamo di finire in un buco nero.

Quando un marziano ha un problema, non gli piace parlarne, si rinchiude in se stesso per rielaborare interiormente e per cercare di trovare una soluzione. In questi momenti la donna non deve esserci, non deve stargli vicino e non deve intromettersi perché così facendo rovinerebbe il processo di assimilazione tipico dell’uomo. L’uomo stressato preferisce svagarsi, fare qualcosa che non lo fa pensare e che lo diverte, vuole evadere. La donna quando è nella stessa identica situazione fa esattamente il contrario. Ha un bisogno viscerale di aprirsi, di comunicare i suoi turbamenti, di ricevere consigli e rassicurazione. Se questo non accade si sentirà sempre più turbata fino a scoppiare.

Il punto è, che poche donne lo sanno, io e tutte le mie amiche per esempio, non eravamo a conoscenza di questo ”piccolo dettaglio”, quindi pur pensando di fare del bene facevamo male. Dare consigli o arrabbiarsi con lui perché si nasconde, diventa assente, distante, irrecepibile è sbagliato. Lui ha bisogno di risolvere il problema da solo. Poi in un secondo momento tornerà senza spiegazione e come se nulla fosse accaduto.

D’altro canto non aiutare una donna in difficoltà, non ascoltandola o ascoltandola in modo assente e non partecipativo è l’errore che fa l’uomo. Ci sentiamo trascurate, non capite, non importanti e soprattutto inutili. Quando abbiamo un problema che per noi “povere donnine” è enorme, ci sentiamo rispondere che non è niente, che non sono questi i problemi o semplicemente ci viene proposta una bella soluzione pronta, di cui non ci facciamo assolutamente nulla perché è come se non avessimo fatto capire quello che stavamo dicendo. Noi parliamo per sentirci meglio, è verissimo, ci dilunghiamo nei dettagli (che per lui sono insignificanti e irritanti). Questo costituisce per noi il gusto del parlare, la nostra natura.

Per andare d’accordo bisognerebbe andare dritte al punto e poi semmai allargarsi, bisognerebbe inoltre specificare prima che non ci aspettiamo una soluzione. Infatti l’uomo ha paura dei nostri turbamenti perché si sente il diretto responsabile. Pensa che se qualcosa va storto è colpa sua, di conseguenza non si sente accettato e apprezzato.

Noi donne invece ci rimaniamo molto male quando il marziano si chiude in se stesso perché vorremmo aiutarlo con tutti i nostri mezzi, come siamo abituate a fare quando una nostra amica o nostra sorella ha bisogno di noi. Con lui ci ritroviamo private di questo piacere, di aiutare tramite questa capacità di empatia che ci rende peculiari. Niente da fare, bisogna arrendersi all’evidenza se non si vuole precipitare in un vortice di incomprensioni che poi aumentano fino a non ricordarsi neanche più perché si sta insieme.

La cosa più strana è che noi donne tutto ci potremmo immaginare tranne che le cose stiano così. Vediamo l’uomo indistruttibile, fiero e mai io avrei pensato che invece è così sensibile. Sensibile a tal punto da far dipendere la sua apertura dalla nostra approvazione.

Infatti l’uomo ha paura di dare perché ha paura di sentirsi inadeguato, ha una gran paura di fallire e di non sentirsi all’altezza. Per l’uomo non sentirsi accettato equivale ad una morte lenta. La donna facendo delle rimostranze, esigendo attenzioni e presenza che lui non dà da solo, ma che noi puntualmente ci aspettiamo, facciamo in modo che lui non si senta accettato. Quindi provochiamo un bel disastro pur non essendone coscienti. Infatti finchè non ci mostreremo soddisfatte di lui e non daremo più la sensazione di volerlo cambiare a tutti i costi, lui non ci darà mai niente. Avrà sempre più paura di sentirsi inetto ed inadeguato.

Parliamo lingue diverse e dobbiamo quindi relazionarci capendo il loro punto di vista e abbandonando il nostro. Quindi basta con i consigli non richiesti, basta con il voler a tutti i costi aiutare il patner quando vuole stare da solo. La cosa migliore da fare in questi momenti anche se risulta estremamente difficile per la donna è svagarsi, divertirsi, fare e pensare ad altro. Quindi è indispensabile avere altri punti di riferimento per non addossare tutto su di lui. Se infatti nel frattempo che il marziano riflette, noi ci andiamo a  divertire, gli alleggeriremo il peso. Almeno non dovrà preoccuparsi anche del nostro malessere.

Quando poi tornerà non bisognerà fare delle domande inutili ma solo ringraziarlo e incoraggiarlo. In fondo se ci siamo legate il motivo nella nostra mente c’è ed è chiaro. Quindi perché non dirglielo spesso, visto che è questo quello di cui ha bisogno. Lui vuole sapere perché abbiamo scelto lui, quali miglioramenti ha reso alla nostra vita la sua presenza. Altrimenti se ci sentirà solo lamentarci finirà per convincersi che ci fa solo soffrire e non si aprirà facilmente.

E’ tutto molto complicato, dal momento che anche noi abbiamo i nostri periodi e i nostri cali di umore. Noi vorremmo che lui capisse da solo ma “parliamo lingue differenti”.

“Io vorrei che lui desse importanza ai miei interessi e invece di pressarlo per fare qualcosa insieme, esigendo da lui l’iniziativa, dovrei solo aspettare o chiedere con modi che non lo turbino, cioè che non lo facciano sentire non accettato”.

I consigli poi hanno un effetto terribile, visto che trasmettono la sensazione che lui da solo non sa fare niente, quindi non potrà avere fiducia in se stesso.

Ha paura, come d’altronde abbiamo paura noi, solo che noi questa paura la esterniamo, loro assolutamente no, se la tengono dentro e ci mandano in confusione. Ora devo dire che sembra tutto molto più facile. Certamente non sarà semplice applicare queste direttive, specialmente all’inizio, ci potrà sembrare di essere false, ma sapendo che in questo modo la comunicazione migliorerà penso di sentirmi abbastanza incoraggiata a provarci.

Le differenze non sono finite qui, l’uomo e la donna hanno dei cicli in cui il loro umore e grado di intimità cambia.

Gray chiama gli uomini “elastici” e le donne “onde”. La metafora dell’elastico è esemplare per far capire alle donne una cosa che prima non ci saremmo mai spiegate: da un momento all’altro, specialmente quando comincia ad andare tutto per il verso giusto, l’uomo sparisce e non vuole più parlarci e vederci. Quello che a noi arriva è: non ti voglio più bene! Invece no, lui va via e quando torna è tutto meglio di prima. Ma tu nel frattempo cos’hai fatto? Come sei stata?…ovvio malissimo. Per l’universo maschile questa fuga è indispensabile. Quando infatti l’uomo raggiunge un grado di intimità tale, ha poi bisogno di recuperare la sua autonomia e indipendenza, per poi ritornare, più motivato a dare e ricevere affetto ed attenzioni. Interpretando erroneamente l’accaduto noi abbiamo accumulato tanto risentimento durante la sua assenza. Lui torna con tutte le più buone intenzioni, ma noi lo rifiutiamo verbalmente e non. E’ proprio dal nostro sguardo freddo, poco convinto e da come diciamo le cose che lui viene deluso. Lui è fuggito per tornare a dare, ma noi pensiamo solo che si sta prendendo gioco di noi. Abbiamo difficoltà a dargli fiducia, che è proprio il suo primo bisogno emotivo, mentre il nostro è la sollecitudine. E’ qui che la barca si incaglia, si entra in un circolo vizioso, si ci si vuole bene, ma non basta.

Noi donne dice invece Gray siamo come onde. Quando siamo nel pieno dell’innamoramento riluciamo di amore e di gratificazione. L’uomo all’inizio della relazione pensa che questa situazione durerà per sempre e si sbaglia. Le fasi esistono anche per noi. Da un momento all’altro scendiamo nel “pozzo”. E’ proprio questo il momento in cui abbiamo bisogno di sfogo, a volte il turbamento non è chiaro agli uomini, che pensano in modo più logico e razionale. Diventa impossibile capire il nostro tormento, che si manifesta sotto forma di angoscia inspiegabile. Ma la loro incapacità di capire ed ascoltare peggiora le cose. Anziché di minimizzare il problema dando soluzioni, farebbero meglio ad ammettere che fanno fatica ad ascoltare. Siccome essi pensano, che sia la nostra felicità che l’infelicità dipenda da loro, nel secondo caso lo sconcerto è grande. A loro basterebbe controbattere questo nostro stato con un amore incondizionato. Ma non è facile comprenderci, questo è da ammettere. Bisogna poi aggiungere, che i problemi che abbiamo, dipendono per il 90 per cento da problemi irrisolti del nostro passato e solo per il 10 per cento dipendono dal momento presente. Questo stato di fatto è relativo sia alla donna che all’uomo. Sono sempre gonfiati i nostri turbamenti amorosi e questo perché quando amiamo ritornano a galla tutte le nostre paure relative alla crescita.

Di queste paure bisognerebbe parlarne, ma ci risulta tutto molto difficile. Allora dovremmo scriverne, consiglia Gray, scrivere delle lettere d’amore, quando siamo da soli, per riuscire a fare emergere il vero problema e renderlo così più chiaro.

Accennato  questo, vorrei parlare del capitolo che mi ha sconvolto più di tutti e cioè la diversità dei nostri bisogni emotivi primari. Uomo e donna hanno dei bisogni emotivi diversi, abbiamo diverse priorità, ignorandole però non sappiamo come aiutarci a vicenda.

Le donne hanno bisogno di amore in questo ordine:

  • sollecitudine
  • comprensione
  • rispetto
  • devozione
  • rassicurazione

Gli uomini hanno bisogno d’amore in questo ordine:

  • fiducia
  • accettazione
  • apprezzamento
  • ammirazione
  • incoraggiamento

Abbiamo entrambi bisogno di tutti e dieci i tipi di amore, ma se non saranno soddisfatti i primi cinque, che sono quelli primari, non potremo godere degli altri. Se prima non mangio e non bevo, sarà superfluo il comprare un vestito alla moda visto che la mia vita sarà più che breve.

L’illuminazione che segue da questo elenco è la seguente: se noi donne soddisfiamo il bisogno primario dell’uomo di fiducia, lui ci risponderà naturalmente con sollecitudine. Così sarà conseguentemente per tutti  gli altri bisogni.

Ora sapendo che è così facile non basta che provarci. Spero di farcela, e spero di poter dare ragione al signor Gray, per adesso posso solo dire che  do ragione al prof. Fattorello che con le sue intuizioni ha dato inizio alla vera comprensione del mondo.

Cioè comprendere l’altro. Infondo anche questo libro non è che l’affermazione di quanto tratta “La  teoria della tecnica sociale dell’informazione”. Se non capiamo l’importanza della diversità dell’altro e ci comportiamo come se fossimo al centro del mondo, come se il nostro punto di vista fosse il migliore, finiamo solo per cozzare contro la complessità sempre  crescente in cui viviamo. Niente è più facile, se pensiamo alla comunicazione poi ci rendiamo conto che riusciamo anche a farci fraintendere da chi ci vuole bene e ci conosce, (parlo anche di persone del nostro stesso sesso).

Si pensi poi a chi non ci conosce e non sa nulla di noi…

Non serve spiegare noi stessi, serve capire, capire e capire l’altro. Poi le cosa si spera  verranno più facili.

Tecniche di Seduzione

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “CARLO BO” URBINO – Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione – Prof. Giuseppe Ragnetti – Materia d’insegnamento: Tecniche relazionali e comunicative

“Tecniche di Seduzione”

Elaborato di Elisa Ravaglia

Premessa

La Seduzione

Ho sottoposto alcuni miei colleghi al significato di questo termine.

Che cos’è la seduzione?

“Fascino irrazionale che ti cattura e tu non te ne accorgi”,

“Un gioco di sguardi misterioso bellissimo”,

“Un’attrazione inconsapevole tra un uomo e una donna, ma anche tra persone dello stesso sesso  e che non deve perciò essere necessariamente finalizzata all’atto sessuale”,

“Qualcosa di non propriamente lecito, un gioco sporco, dove qualcuno cattura, strega, inganna qualcun altro”.

Che cosa ritieni seducente?

“Una bella ragazza, una bocca sensuale, un paio di gambe lunghe e un po’ storte, un sedere sporgente, un modo di parlare, di muovere le mani, di camminare, un timbro di voce”.

Chi è seducente?

“Sharon Stone in Basic Instinct nella scena in cui accavalla le gambe senza indossare la biancheria,

“Charlize Theron nella pubblicità della Martini quando, mano a mano che si allontana di schiena dalla telecamera,  le si scuce  il vestito,

la burbera impetuosità di Marlon Brando in Ultimo tango a Parigi, le gambe storte di Alessia Marcuzzi, la camminata legnosa della giornalista Daria Bignardi, i primi piani sulle labbra di Scharlett Jhoansonn in Match Point di Woody Allen”,

e poi ancora:

l’accento della compagna di corso,

il profumo del vicino di banco,

l’esuberanza nell’abbigliamento mista al modo di fare, di atteggiarsi del coinquilino, la svampitaggine di una ragazza qualunque, ecc ecc”.

Questo lavoro parte dalle risposte date dai miei colleghi per poi estendersi ad analizzare alcuni aspetti della seduzione e le rispettive tecniche alla luce della teoria e del pensiero di Francesco Fatterello.

Introduzione

L’elaborato si compone di quattro parti; un primo capitolo in cui, partendo dall’etimologia del verbo “sedurre”, traccio una breve genesi del significato del termine; da come da azione inconsapevole, istintuale e di accezione negativa, il verbo “sedurre” acquisti, nei secoli, un valore sempre più positivo di atto consapevole e intrigante.

Nel secondo capitolo prenderò ad esame la seduzione nel suo significato più comune: seduzione come comunicazione amorosa, come approccio eterosessuale e, dopo aver passato in rassegna le principali tecniche che operano nella seduzione tra uomo e donna, spiegherò come, alla luce della teoria fattorelliana[1], tali tecniche, pur valide e comprovate, non riscuotano sempre, e per diverse ragioni, lo stesso esito in tutti i soggetti recettori a cui si rivolgono. Allo stesso modo analizzerò anche la seduzione mediatica, in particolare quella seduzione che è alla base della produzione pubblicitaria la quale, sempre secondo quanto teorizzato da Fattorello, è un’informazione di tipo contingente strumentalizzata a scopo commerciale.

Come la seduzione amorosa, anche la seduzione mediatica si avvale di tecniche di seduzione che sottintendono la realizzazione degli spot e che, per quanto valide ed efficaci, non garantiscono quella persuasione occulta tanto sbandierata e osannata dalla moderna sociologia dei media, la stessa che considera il recettore, in questo caso il pubblico, come una massa priva di individualità e soggettività, vittima passiva della seduzione operata dai (mass) media.

Capitolo 1. Che cos’è la seduzione?

Dal latino “SE-DUCERE” dove “se” è prefisso separativo che significa “allontanare”, mentre il verbo “ducere” deriva da “duco” e significa condurre.

Originariamente questo verbo ha accezione negativa significa infatti allontanare dalla retta via, con lusinghe e astuzia; sedurre come arte di attirare qualcuno in disparte, come capacità di essere seducenti.

Seducenti, inoltre, sono anche tutti quei  piaceri verso i quali si è irresistibilmente attratti (s. del cibo, del denaro, della fama, della gloria, s. del sesso, ecc ecc).

E se cerchiamo sul dizionario della lingua italiana (Devoto-Oli) la parola “seduzione” essa è così lemmatizzata: “sostantivo femminile, istigazione alla colpa, al male, con allettamenti e lusinghe: seduzione al furto. Più com. fascino, capacità di suscitare un’attrazione viva o addirittura irresistibile”.

I suoi sinonimi sono: allettamento, attrazione, adescamento, lusinga, attrattiva, fascino, prestigio, corruzione.

I suoi contrari sono: antipatia e ripugnanza.

L’etimologia del termine seduzione, quindi,  è antica e ha accezione negativa.

Le prime forme di seduzione sono inconsapevoli; l’approccio è finalizzato alla scelta del partner migliore,  quello più attraente, più “sano”, e sempre soggettivamente più adatto a preservare la propria stirpe.

Ma, con l’evolvere  della civilizzazione e della cultura[2], dopo l’oscurantismo medievale e il rinascimento, a cavallo tra il ‘600 e il ‘700 si approda alla nozione moderna, e più positiva di “seduzione”, quella di arte consapevole e divertente, intrigante e magnetica tra due o più persone che si carica di una valenza psicologica e di costume.

Sedurre diventa un’arte quotidiana che si regge su equilibri casuali, alchemici, fortuiti, e delicati, ma anche su schemi ricorsivi e standardizzati, sono le tecniche di seduzione.

Nel ‘900 la seduzione vive un vuoto artistico riempito dallo star system, dai media e dai messaggi persuasivi; le teorie sui media del dopoguerra parlano di persuasione occulta e inconsapevole (teoria ipodermica) che opera su un soggetto recettore passivo, persuasione che viene definita  seduzione tout court.

Capitolo 2. La Seduzione come una comunicazione amorosa

 Nell’accezione più comune del termine “seduzione” risiede il concetto di seduzione tra due persone di sesso opposto, tra un uomo e una donna, e sempre nell’immaginario collettivo legato al verbo sedurre c’è sempre la diatesi attiva e quella passiva,  c’è chi seduce e chi viene sedotto.

A corroborare questa concezione troviamo un lungo inventario di tecniche si seduzione che, secondo diversi manuali di sociologia e di psicologia contemporanea, garantiscono l’efficacia della seduzione e assicurano al soggetto che le mette in atto e che secondo la terminologia della teoria dell’informazione fattorelliana  è il soggetto promotore (SP), di sedurre la vittima, ovvero il soggetto recettore (SR).

Le tecniche di seduzione nella seduzione amorosa[3].

La tecnica principale è l’empatia con la quale il seduttore si mette nella stessa condizione del soggetto sedotto, condivide la stessa condizione sociale, politica, lavorativa, propaga la stessa fede religiosa, prende parte alla stessa lotta politica sostenendo gli ideali ecc ecc.

Un altro meccanismo di seduzione è quello dell’esibizione della propria prodigalità che consiste nel donare qualsiasi bene alla persona che si desidera sedurre.

Il meccanismo insito in questa tecnica è quello dell’attimo fuggente; implicitamente si dichiara alla persona che questo è, grazie alla sua presenza, il momento più bello della propria vita.

Esiste poi anche la tecnica della progettualità da sfida che si esercita quando si vuole sedurre qualcuno solo per salvarlo da una situazione disastrosa e/o pericolosa, quando cioè si vuol portare a sé, sedurre, conquistare una persona sofferente e problematica solo per misurarsi con le proprie potenzialità di sfida (es. la tecnica della crocerossina, tanto cara alle ragazze).

Se la seduzione è comunicazione allora la tecnica più immediata e, forse, più potente e antica al contempo, è la seduzione attraverso la bellezza, in primis quella esteriore, che si manifesta avvalendosi  canale visivo (aspetto estetico, cura del corpo, abbigliamento, postura, movenze, gestualità), quello uditivo (il tono, timbro, modulazione della voce, velocità d’eloquio, argomenti trattati, cultura. simpatia), quello olfattivo, (l’odore della pelle, il profumo, l’alito, …) e quello tattile (stretta di mano, prossemica, rispetto della distanza interpersonale) e che si realizza mediante una trasmissione di informazioni verbali e non verbali.

È vero che le tecniche di seduzione esistono, ma non sempre basta adottarne una, o anche tutte insieme, per far si che la seduzione messa in moto dal soggetto promotore risulti efficace sul soggetto recettore. Primo perché la seduzione è un gioco bilaterale dove nessuno è passivo ma entrambe le parti hanno pari dignità, pari peso, uguale partecipazione e forza, secondo perché, sempre secondo quanto sostiene la teoria fattorelliana, non esiste una tecnica di seduzione oggettivamente e universalmente valida ma la sua efficacia dipende dal soggetto recettore e dal suo proprio background socio-culturale.

Basti pensare che una stessa tecnica di seduzione, sempre la stessa, con una persona più funzionare e con un’altra no.

Capitolo 3. La seduzione nell’ informazione pubblicitaria

La vera differenza tra l’essere sexy o seducente: sexy è banale, inflazionato, solo di pelle; seducente vuol dire intelligenza, gioco, ironia, intuizione e un po’ di cattiveria… Tutte cose molto più intriganti.

Milka Pagliani[4]

Prima di cominciare ad elencare le tecniche di seduzione con cui lavorano i pubblicitari per la realizzazione degli spot televisivi, vorrei specificare che la seduzione lavora anche  dietro e all’interno dei programmi, di tutti programmi in cui quotidianamente ci imbattiamo.

Per quanto concerne il prodotto pubblicitario esso è, sempre secondo quanto teorizzato dalla Teoria della tecnica sociale dell’informazione di Francesco Fattorello, un’informazione di tipo contingente e in quanto tale dotato di tutti gli elementi propri di modalità.

La pubblicità si basa quindi sulla novità, che spesso sfocia nel sensazionalismo, sulla tempestività, sulla genericità, del soggetto promotore e recettore, sulla ripetizione e sull’unilateralità del processo contingente.

A differenza della seduzione amorosa, la seduzione pubblicitaria è strumentalizzata a scopi economici (vendita del prodotto) mentre, parimenti a quella amorosa, anche la seduzione mediatica opera grazie ad alcune tecniche volte ad attirare l’attenzione pubblico con un prodotto che gioca sul nuovo, sull’incredibile, sul sensazionale, con qualcosa che nel bene e nel male secondo chi lavora nella progettazione e dei palinsesti e della pubblicità, non può non restare impresso nella mente disindividualizzata e passiva dei soggetti recettori, visti come massa.

Ugo Volli[5] traccia una breve descrizione di che cos’è la pubblicità, del fatto che la comunicazione pubblicitaria è per lo più una comunicazione non verbale dove a prevalere è la componente visiva.

Da qui l’importanza di alcune tecniche di seduzione pubblicitaria legate alla scelta della grafica, della fotografia, di una frase che passa sullo sfondo o di un testimonial  più o meno noto, più o meno popolare, più o meno bravo, bello, autorevole che reclamizza il prodotto.

Tra le tecniche adoperate al fine di realizzare lo scopo prefissato dalla pubblicità che è quello di far sì che lo spot stupisca, nel bene e nel male, e faccia parlare di sé, molto importante risulta anche l’aspetto fonico-musicale come una bella musica che si sposa con la grafica, un suono evocativo, o una  voce seducente, magari conosciuta, che parla sulla sfondo.

Altre tecniche di seduzione adottate in pubblicità sono state esaminate da Anna Maria Testa[6] e sono così riassunte:

Iperbole: l’esagerazione  connaturata alla comunicazione commerciale. Si cerca cioè di esaltare la propria merce;

ironia: tecnica abbastanza difficile da applicare in una campagna pubblicitaria poiché, basandosi su un’affermazione ironica, generalmente sul prodotto in questione, che è l’esatto opposto da ciò che è il prodotto nella realtà e, da per scontata la capacità del soggetto recettore di conoscerla e, poi, di comprenderla;

straniamento: consiste in una procedura formale volta a creare immagini non banali, non automatiche diverse dalla percezione consueta. Si tratta di una tecnica capace di dare rilevo emozionale a una comunicazione pubblicitaria altrimenti fredda. Generalmente, attraverso lo s., l’immagine apre lo spot e la parola lo chiude (es. Alfa Romeo), ma sarebbe possibile anche il contrario.

Lo stereotipo è la tecnica più usata in pubblicità, perché proprio per la sue caratteristiche riconoscibili e consolidate, si racconta da solo e in pochissimo tempo.

Tra gli stereotipi ci sono: la figura della casalinga, del manager, dell’avvocato, la giovane e inesperta, la vecchia ed esperta, il nonno sorridente, il bimbo birichino, la famiglia a colazione… A un concetto si aggiunge un’emozione che agisce sul piano visivo, tra le due, poi, ci deve essere un continuo equilibrio tra tensione e coerenza.

Conclusione

Vi siete mai chiesti perché uno spot pubblicitario che a qualcuno fa impazzire a voi non piace affatto?

O per quale ragione una certa persona che secondo qualcuno è molto seducente per voi non lo è per niente?

Le tecniche di seduzione, sia per quel che concerne la seduzione come comunicazione amorosa, sia per quanto riguarda la seduzione nella progettazione pubblicitaria, esistono e sono, specie quelle medianiche, processi molto più che consapevoli.

Presuppongono una parte attiva della seduzione, colui che seduce, ovvero il soggetto promotore e una passiva, un uomo o una donna nella seduzione amorosa, un pubblico generico, intenso, non specializzato nella seduzione mediatica, meglio definiti  come “soggetto recettore”.

Ma tali tecniche, insegna Fattorello, non risultano valide in sè.

Sempre alla luce delle “Teoria della tecnica sociale dell’informazione” infatti, SP e SR hanno pari dignità, quindi concorrono entrambi a rendere più o meno efficace la comunicazione senza che uno soccomba passivamente all’altro, ma abbia la facoltà di decidere, secondo la sua propria soggettività, se apprezzarle o meno, se rispondere o meno. Una pubblicità per quanto ben costruita, nuova, sensazionale, può non sortire sul soggetto recettore alcun esito, così come invece, la stessa, può sedurre un altro SR e indurlo, in un secondo momento, ad acquistare il prodotto.

Nell’informazione, nella comunicazione e in  questo caso nella seduzione non  esiste, dunque, una tecnica valida in sé, così come non esistono una parte attiva e una passiva, non regge il “sedurre” e l’essere sedotti”,  ma entra in gioco la soggettività, il libero arbitrio, le facoltà opinanti, il sistema valoriale, il  background culturale del soggetto recettore che a sua volta può decidere di diventare soggetto promotore, quindi parte attiva della comunicazione, mente pensante in quanto essere dotato di sua propria soggettività.

Tutti possiamo essere seduttori, se lo vogliamo, non c’è nessuna vittima della seduzione e, di conseguenza, la seduzione non è persuasione, né tanto meno persuasione occulta, o gioco sporco, ma comunicazione tout court, che generalmente risulta tanto più efficace tanto più conosciamo il soggetto recettore con cui stiamo comunicando.

Infine, per chiarire che cosa si intende per comunicazione, mi aiuto riportando le parole di maestro Fattorello che attingono dall’insegnamento di Socrate[7]:

  • la comunicazione è relazione con gli altri, è un comune sentire dove entrambi i soggetti crescono nella relazione che stabiliscono,
  • i soggetti, in particolare il recettore, sono attivi ed entrambi dotati di facoltà opinanti (toglietevi dalla testa i condizionamenti, le persuasioni occulte ecc),
  • le parole acquistano significato nella nostra mente e non possiedono valore di per sé. Ciò è fondamentale perché presuppone la conoscenza del soggetto recettore che abbiamo di fronte. Non possiamo parlare e cercare di stabilire un dialogo se pensiamo solo con la nostra mente e in base alla nostra acculturazione, esperienza di vita ecc ecc. Dobbiamo calarci nei panni del nostro soggetto recettore, capire che cosa è importante per lui! Solo così la comunicazione riesce e il dialogo diventa autentico. Tutte le incomprensioni nascono dal fatto che ognuno di noi continua a relazionarsi secondo il proprio punto di vista e non riesce a cogliere nell’altro ciò che per lui è importante.

[1] – G.Ragnetti, Opinioni sull’Opinione, Quattroventi, Urbino, 2005

Ragnetti,-a cura di – Teoria della tecnica sociale dell’informazione, Urbino, Quattroventi 2005

[2] – Cfr. G. Ragnetti, Opinione sull’opinione, Quattroventi, Urbino, 2005

[3] – Seduzione, Istituto Corel a cura di Alessandra Tedesca, Centro studi e ricerche sulle tecniche di comunicazione e sulle capacità relazionali, Casini Editore, Roma, 2007

[4] – D. Brancati, La pubblicità è femmina ma il pubblicitario è maschio, per una comunicazione oltre i luoghi comuni, 2 ed, Milano, I Segni 2004

[5]  – U. Volli, Il libro della comunicazione, Il Saggiatore, Milano, 2004

[6] –  U. Volli, Il libro della comunicazione, pagg. 151, 152

[7] – Dispensa consegnata durante le lezioni in aula “Comunico ….ergo sum”